martedì, 11 Maggio 2021

L’azalea è una pianta decorativa ricca di fascino, uno spettacolo per la vista

L'azalea è una pianta ornamentale originaria dell'Estremo Oriente e del Nord America. Simboleggia femminilità e temperanza e nello specifico l'amore materno.

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

L’azalea appartiene al genere dei rhododendron (che a suo volta appartiene alla famiglia delle ericacee), di cui fanno parte anche i rododendri. 

Le azalee sono degli arbusti bassi o sempreverdi oppure a foglia caduca semisempreverdi, che raggiungono i 40-90 cm di altezza, mentre i rododentri sono grandi arbusti sempreverdi. 

Le due tipologie di azalee hanno una diversa collocazione. Le sempreverdi temendo più il freddo sono piante di appartamento mentre le semisempreverdi si coltivano in giardino. 

Che tipo di pianta è il rododendro?

azalea_rododendri

Il rododendro somiglia molto all’azalea e molto spesso vengono concepite come un’unica pianta. Esperti di botanica però assicurano che il rododendro è più grande ed ha 10 stami mentre l’azalea è più piccola, con solo 5 stami. 

Il nome deriva dal greco rhodon che significa rosa e dendron invece sta per albero; ne consegue il significato di albero di rose. 

Sono delle piante che crescono spontaneamente vicino ai corsi d’acqua nelle zone boscose e umide di alta montagna. Le specie selvatiche sono circa un migliaio e possono avere una vasta gamma di colorazioni. 

Qual è il significato dell’azalea

L’azalea è una pianta originaria dell’Estremo Oriente e del Nord America. Si ritiene che sia stata introdotta nel nostro Paese nel XIX secolo. 

Nei paesi orientali l’azalea è associata alla figura della propria madre, racchiudendo in sè il significato di femminilità e temperanza. Quest’ultima è una dote che ciascuna madre può tramandare ai propri figli. 

Questa pianta simboleggia quindi l’amore più puro che esiste, quello materno. Può rappresentare il regalo ideale da fare ad una donna e in particolare verso colei che si accinge a diventare madre.  

Leggi anche: Baobab, la pianta sacra dell’Africa: superfood e antiossidante

La fioritura delle azalee

azalea_farfalla

Non è possibile dare un’indicazione precisa sul periodo di fioritura delle azalee perché esistono diverse varietà. In generale possono fiorire da marzo ad ottobre avanzato, anche a seconda della temperatura del luogo in cui si vive. 

Le azalee producono dei fiori collocati all’apice dei rami, sotto forma di piccole campane e di colore rosso, bianco o rosato. 

Esistono anche numerose forme ibride, che danno vita a nuove colorazioni. Sul mercato negli ultimi anni si trovano azalee di colore lilla o tendenti all’azzurro. 

L’azalea in inverno

Le azalee prediligono dei climi temperati. Fortunatamente da noi gli inverni non sono molto freddi, comprese le città del nord Italia, fatta eccezione per le zone di montagna, i rilievi e le vallate alpine. 

Per proteggerle dalle temperature più fredde si possono tenere all’interno di serre oppure porle al riparo dai venti forti accostandole ad un muro. 

Le azalee sempreverdi inoltre hanno bisogno di irrigazione anche in inverno perché questa tipologia mantiene un minimo di attività vegetativa anche nei mesi più freddi. 

In estate invece si può porle in una zona fresca, ad esempio all’ombra di conifere, il cui terreno ricco di sostanze organiche, ben drenato, privo di ristagni e dal ph tendenzialmente acido è ideale per far crescere queste piante. 

Azalea, come curarla? 

azalea_innaffiatura

Per la cura dell’azalea non possiamo dimenticare l’annaffiatura. Da marzo ad ottobre andrebbe annaffiata con regolarità, facendo attenzione a non inzuppare il terreno. Mentre nei mesi invernali bisogna annaffiae con parsimonia a meno che non ci si trovi in un periodo di siccità. 

Nelle giornate particolarmente calde o secce si possono vaporizzare più volte le foglie o porre la pianta in un sottovaso pieno di acqua e ghiaia. Inoltre sarebbe opportuno utilizzare acqua demineralizzata o anche acqua piovana. 

Bisogna poi far attenzone che le radici delle azalee non siano costantemente bagnate per evitare che marciscano o non crescano. Meglio quindi irrigare abbondantemente una volta e aspettare che il substrato, cioè il terreno situato al di sotto, sia asciutto che distribuire acqua senza un metodo e in modo costante. 

Concimazione e potatura dell’azalea e del rododendro

Per una crescita sana è necessaria una concimazione regolare con prodotti specifici, che si può effettuare da febbraio a metà luglio

Gli esemplari collocati nei vasi necessitano di potature periodiche, per stimolare la crescita, mantenere la forma ed evitare che diventino molto grandi. Vanno tagliati prevalentemente i rami esterni. Si interverrà dopo la fioritura, senza attendere troppo tempo per evitare di danneggiare i rami che dovranno portare fiori l’anno successivo.  

La potatura del rododendro è lieve e va effettuata in primavera, salvo alcune eccezioni. Se la pianta appare spoglia si può effettuare anche a gennaio mentre se la crescita risulta eccessiva e disorganizzata si può fare a giugno. Vanno tagliati i rami che sono diventati troppo lunghi con un taglio netto e obliquo. 

Quando e come deve essere realizzato il rinvaso?

Il rinvaso è un procedimento indispensabile per garantirne la crescita di una pianta come l’azalea.

Può essere effettuanto nel periodo successivo alla fioritura, quando si nota che i fiori iniziano a cadere e le radici hanno occupato tutto lo spazio a disposizione. Di solito vengono utilizzati vasi più grandi di almeno 2, 3 cm. 

Il terriccio da utilizzare deve essere specifico per piante acidofile, quali sono le azalee, ossia deve avere un pH acido inferiore a 6.5, a cui si possono aggiungere aghi di pino. 

Si può inoltre porre sul fondo uno base drenante, utilizzando l’argilla espansa solo nel caso in cui non ci si trovi di fronte ad azalee acquistate nei vivai, dove le piante vengono spinte a raggiungere il loro massimo potenziale. 

Leggi anche: La rivoluzione a mani nude di Jadav, da solo ha piantato oltre 550 ettari di foresta

Quali sono le malattie delle azalee e del rododendro?

azalea_malattie

Le azalee sono soggette a varie malattie e per questo motivo è bene conoscerle e saperle curare. Funghi e parassiti, come la cocciniglia, la ruggine e gli aleurodi, colpiscono sia l’azalea che il rododendro

Le piante malate manifestano sintomi quali marciume delle radici, perdita o ingiallimento delle foglie, boccioli secchi e formazione di galle, ossia malformazioni escrescenti dette anche cecidi. 

Il marciume solitamente è dovuto dalla Phytophthora cinnamomi, un parassita acquoso presente nel suolo che produce nelle piante un’infezione.

Le galle sono dovute alla presenza di funghi mentre il seccume di boccioli e foglie dipende spesso dall’eccessiva umidità e da ristagni d’acqua. 

Cosa fare e come intervenire in questi casi? 

Se gli attacchi dei parassiti sono di lieve entità si possono eliminare le parti danneggiate con delle cesoie mentre se i danni sono più estesi si consiglia di bruciare le piante colpite e disinfettare la buca con dei fungicidi, ossia prodotti a base di Fosetil Alluminio e Ossicloruro di Rame.

Per controllare il terreno è utile effettuare il rinvaso annuale e cambiare il terreno. 

Inoltre durante le annaffiature bisogna far attenzione ed evitare di bagnare i boccioli e le foglie e dopo la fioritura è bene porre le azalee in luoghi riparati e in ombra. 

Leggi anche: Pianta pistacchio, l’albero dell’oro verde

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Correlati

A Scandiano la prima Comunità di Autoconsumo Collettivo taglia le spese del 60%

Sono 48 le unità abitative che costituiranno la Comunità di Autoconsumo Collettivo a Scandiano,...

Il fotovoltaico viaggia su rotaia a 115 km/h: ecco il primo treno a energia solare

Il Byron Bay Train è il primo treno a energia solare al mondo e...

La tecnologia delle celle fotovoltaiche: materiali, efficienza e costi di produzione

Silicio, monocristallino, policristallino, i materiali impiegati dalle moderne industrie di pannelli fotovoltaici sondano tutti...