Home»Digitale Life»Apre a Roma la prima farmacia di strada: aiuterà i senzatetto che hanno bisogno di medicinali

Apre a Roma la prima farmacia di strada: aiuterà i senzatetto che hanno bisogno di medicinali

Nasce nel quartiere Trastevere, presso la sede di VO.RE.CO. Onlus, la prima farmacia che fornirà gratuitamente antipiretici, analgesici e antipertensivi a chi non può permettersi di pagarli.

2
Condivisioni
Pinterest Google+

“Ogni volta che verrai qui troverai carità” si legge sulla porta della sede di VO.RE.CO. Onlus, a Roma. L’associazione, che da sempre si occupa di assistere i senzatetto di qualunque nazionalità con pasti caldi e consulenze giuridiche, adesso svolgerà anche il compito di ‘farmacia di strada’.

Si tratta di un progetto collaborativo che ha visto l’impegno di Medicina Solidale, Assogenerici, Ordine dei Farmacisti e Fondazione Banco farmaceutico, ed è stato supportato dall’Elemosiniere del Papa. Chi ha bisogno di un analgesico, un antipiretico o un ipertensivo ma non può pagarlo potrà recarsi in via della Lungara, presso la sede dell’associazione VO.RE.CO. per ottenere il farmaco.

Il progetto è nato per far fronte alle necessità delle persone indigenti che vivono nella capitale e che spesso non riescono a trovare supporto presso le strutture ospedaliere. Nella maggior parte dei casi si tratta di senzatetto, italiani o stranieri, che non dispongono del tesserino sanitario e vengono generalmente respinti quando si recano in un pronto soccorso.

Leggi anche: Roma, il clochard gentile di Via Veneto trova lavoro e si commuove: “Grazie”

Un’iniziativa nata dalla collaborazione di molti

La sede di Vo.Re.Co. Onlus in via della Lungara a Roma.

Il supporto farmaceutico va ad aggiungersi alle tante attività dell’associazione. Il cappellano di Regina Coeli, Vittorio Trani, spiega:

Abbiamo iniziato sette anni fa seguendo i detenuti, poi abbiamo aperto ad altre realtà della città che hanno bisogno. Un esempio? Un ragazzo diabetico che viene da noi per l’iniezione. Se non gliela facessimo sarebbe a rischio morte.

Secondo Medicina Solidale sono state fornite quasi 9.000 confezioni di medicinali – per la maggior parte analgesici, antipiretici, antipertensivi e gastrointestinali – che permettono di coprire 32 categorie terapeutiche grazie alle donazioni di 17 aziende.

Sono le parole di Lucia Ercoli, medico di strada al colonnato di San Pietro e prima sostenitrice dell’iniziativa, a raccontarne l’anima con le parole che ha espresso durante la cerimonia di inaugurazione:

Il bene non si fa da soli. Il bene nasce da una azione di comunità e questa comunità è fatta di persone che dedicano una parte di loro stessi perché il bene si realizzi. Oggi, si realizza una coralità tra istituzioni civili, dell’impresa, del volontariato, gente comune che ha deciso di combattere la stessa battaglia. Perché siamo in una guerra, la guerra alla povertà.

Leggi anche: Modena, l’iniziativa di due ragazze per aiutare i clochard

 

di Marianna Chiuchiolo

Articolo Precedente

“Accolto per strada dai migranti”: Fratel Biagio a piedi da Palermo a Strasburgo

Articolo Successivo

"A doll like me": le bambole che aiutano i bambini malati ad accettare le diversità

Nessun Commento Presente

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *