martedì, Ottobre 20, 2020

Modena, l’iniziativa di due ragazze per aiutare i clochard

Martina Mugnaini
Martina Mugnaini
Martina Mugnaini. Classe 1991. Nata e vissuta a Roma, ha un forte legame con le sue origini fiorentine. Laureata in Filologia Moderna alla Sapienza e giornalista, ama scrivere di tutto quello che riguarda l’arte, la letteratura, il teatro e la cultura digitale. Da anni lavora nel campo della comunicazione e del web writing interessandosi di tutto ciò che riguarda l'innovazione. Bibliofila e compratrice compulsiva di libri di qualunque genere, meglio se antichi: d'altronde “I libri sono riserve di grano da ammassare per l’inverno dello spirito” e se lo dice la Yourcenar sarà vero.

Quando un semplice gesto può scatenare una reazione dieci volte più grande. È il caso del vicesindaco leghista di Trieste Paolo Polidori, che ha indignato mezza Italia e disgustato l’altra metà non più di un mese fa. L’esponente del Carroccio si era vantato sui social network di aver buttato nel cassonetto le coperte di un clochard e non si limitava a questo: ha dichiarato di averlo fatto “con soddisfazione”. Quello che il vicesindaco non aveva calcolato è che questo gesto gli si sarebbe ritorto contro, facendo scattare una catena di solidarietà che culmina con un’iniziativa di resistenza civile a Modena. Leggi anche: Arriva la RDC Card: ecco come verrà erogato il Reddito di Cittadinanza

L’iniziativa di Rossella e Chiara per inviare coperte a Trieste

Appena letta questa notizia, due ragazze di Modena hanno pensato di fare qualcosa. Un gesto di ordinaria solidarietà che come accede sempre in questi casi ha fatto la differenza: chiedere ai loro amici su Facebook coperte in più da mandare a Trieste per aiutare quel senzatetto. Il risultato? Spiega a Rossella Giulia Caci insieme all’amica Chiara Ciccia Romito: “Di coperte, cappotti e maglioni in appena 24 ore da quel messaggio sui social ce ne sono arrivati circa un centinaio. Sorpresa e stupore davanti a tanta solidarietà: la casa di Rossella si riempe di coperte in poco tempo. Questo sprona le ragazze a fare un passo in più. Di quelle cento coperte raccolte, venti vanno alla Comunità di Sant’Egidio a Trieste, come da progetto iniziale. Ma le altre ottanta? Sono rimaste in Emilia Romagna dove, tra Modena e Bologna, sono diventate l’inizio di un progetto molto più ampio, allo scopo di continuare ad aiutare chi ne ha bisogno.

La voce degli ultimi

Intorno a Rossella e Chiara si riuniscono circa 40 persone: non sono un’associazione, non hanno un nome, hanno solo un gruppo WhatsApp che si chiama “La voce degli ultimi”. Avvocati, commercialisti, studenti, ingegneri, alcuni già impegnati nel mondo delle associazioni e altri invece estranei, che decidono di dare una mano a chi ne ha bisogno, si incontrano nel fine settimana portando ai senzatetto abiti e coperte raccolti nei giorni precedenti. Aggiunge Rossella:

Nell’ultimo mese non c’è stato un solo giorno in cui non ci sia stato dato qualcosa per aiutare i clochard. Ma il nostro aiuto cerca di andare anche oltre il semplice supporto di vestiario. Spesso parliamo con queste persone finite ai margini della società e con noi vengono anche alcuni bambini: una loro domanda che non ti aspetti può aprire un dialogo, abbattere un muro e creare una relazione.

Ironia della sorte, tutto questo è stato possibile solo grazie al vicesindaco leghista che ha buttato nel cassonetto delle coperte. Fiona May: Una volta mi dissero “Hai 4 difetti: sei donna, sei intelligente, sei bella e sei nera”     di Martina Mugnaini

Martina Mugnaini
Martina Mugnaini
Martina Mugnaini. Classe 1991. Nata e vissuta a Roma, ha un forte legame con le sue origini fiorentine. Laureata in Filologia Moderna alla Sapienza e giornalista, ama scrivere di tutto quello che riguarda l’arte, la letteratura, il teatro e la cultura digitale. Da anni lavora nel campo della comunicazione e del web writing interessandosi di tutto ciò che riguarda l'innovazione. Bibliofila e compratrice compulsiva di libri di qualunque genere, meglio se antichi: d'altronde “I libri sono riserve di grano da ammassare per l’inverno dello spirito” e se lo dice la Yourcenar sarà vero.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

Addio a Lea Vergine, la curatrice d’arte scompare un giorno dopo suo marito Enzo Mari

Il suo contributo nella rivalutazione dell’opera artistica femminile è stato prezioso e rivoluzionario. Lea Vergine muore a 82 anni, un giorno dopo la scomparsa del compagno di una vita, il designer Enzo Mari, per complicazione da Covid-19.

Stop a cartelle esattoriali e pignoramenti per tutto il 2020

Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto che sospende fino al 31 dicembre 2020 la ripartenza delle riscossioni. Lo stop riguarda le nuove cartelle, i pagamenti di quelle già ricevute e i pignoramenti.

Coprifuoco in Lombardia dalle 23 alle 5. Fontana: “Evitare il collasso nei prossimi 15 giorni”

Il nuovo Dpcm emanato dal Premier Conte la scorsa domenica affidava ai...

Orso sbrana un’aspirante domatore al circo: “Indossava mascherina, non l’ha riconosciuto”

Il ventottenne Valentine Bulich, addetto alle pulizie nel Great Moscow State Circus, è morto sbranato dall’orso Yasha, una delle attrazioni principali del circo.

Nuovo Dpcm, le regole per evitare la chiusura delle palestre tra 7 giorni

È temporaneamente scongiurata la chiusura di piscine e palestre ma, avverte il Premier Conte, le strutture avranno sette giorni di tempo per adeguarsi ai protocolli di sicurezza.