venerdì, Aprile 23, 2021

Coronavirus, approvato vaccino cinese per test umani, sarà iniettato in 180 adulti

Silvia Buffo
Silvia Buffohttp://www.ildigitale.it
Silvia Buffo, 1985. Giornalista e imprenditrice, è founder de ildigitale.it che dirige e dell’azienda Identità Digitali. Ricercatrice in Letteratura italiana su tematiche di scrittura e web, amante della classicità, filologia e linguaggi. Si occupa di formazione, tenendo a Roma seminari sul Web Writing. Si autodefinisce un’idealista. “La bellezza è promessa di felicità” è il suo motto, che ha delicatamente rubato a Stendhal.
Ecco le ultime novità sull’epidemia di coronavirus e sulla risposta globale. CanSino Biologics Inc. ha dichiarato di aver ricevuto l’approvazione normativa cinese per l’avvio di sperimentazioni umane su un vaccino contro il nuovo coronavirus, un altro esempio di potenziale arma contro la malattia che viene rapidamente seguita per i test mentre il bilancio delle vittime globale aumenta e le nazioni impongono blocchi ai loro cittadini.

Il vaccino sarà studiato a Wuhan

Cansino Biologics ha dichiarato alla borsa di Hong Kong il Mercoledì:

Il vaccino, sviluppato in collaborazione da parte della società quotata a Hong Kong e l’Accademia cinese di Scienze Mediche militare, sarà sottoposto a studi clinici in Wuhan.

Wuhan è l’epicentro della pandemia che si è diffusa in tutti gli angoli del pianeta, infettando oltre 190.000 persone e uccidendo oltre 7.800. ” E dal coronavirus stiamo cercando di proteggerli”, ha dichiarato Rajeev Venkayya, presidente dell’unità globale di vaccinazione presso il Takeda Pharmaceutical Co giapponese, in un’intervista separata martedì. “C’è però un margine di test molto piccolo per un problema di sicurezza”. Leggi anche: Coronavirus: “Dicevamo che sarebbe stato poco più di un’influenza, oggi siamo attoniti”

L’iniezione del vaccino in 180 adulti sani

La sperimentazione di CanSino prevede l’iniezione del vaccino sperimentale in 108 adulti sani, dai 18 ai 60 anni, in tre dosi diverse, secondo i dati del Chinese Clinical Trial Registry. I test inizieranno questo mese e proseguiranno fino alla fine dell’anno. Il vaccino è stato testato su animali e si è dimostrato sicuro e in grado di suscitare immunità contro il virus, ha affermato CanSino nella sua dichiarazione. Mentre l’epidemia si diffondeva in tutto il mondo, in Cina furono avviati più di 100 studi clinici per studiare l’efficacia, dai farmaci antinfluenzali al plasma contenente anticorpi da pazienti guariti, fino alla medicina tradizionale cinese a base di erbe. Un numero minore di prove è stato annunciato in paesi tra cui Stati Uniti, Corea del Sud e Tailandia.

In circostanze normali ci vorrebbero anni per un vaccino

In circostanze normali, un vaccino potrebbe richiedere anni per raggiungere gli studi clinici sull’uomo, poiché gli scienziati conducono quantità sostanziali di test sugli animali prima che i regolatori del farmaco facciano ulteriori studi per determinarne la sicurezza e l’efficacia sull’uomo. GlaxoSmithKline Plc ha dichiarato il mese scorso di lavorare con i biofarmaci Clover cinesi su un vaccino sperimentale. Inoltre, la Biomedical Advanced Research and Development Authority del governo degli Stati Uniti sta lavorando con Sanofi e Johnson & Johnson su potenziali vaccini.

Un altro vaccino in licenza sviluppato in Germania

Shanghai Fosun Pharmaceutical Group Co. ha anche concesso in licenza un vaccino che ora è stato sviluppato nella fase pre-clinica da BiozTech SE, con sede a Magonza, in Germania. Nonostante la rapida introduzione di studi sull’uomo, il primo vaccino disponibile è almeno a sei mesi di distanza, secondo il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie. Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Malattie infettive degli Stati Uniti, ha affermato che ci vorrà circa un anno e mezzo per completare gli studi, aumentare la produzione e rendere ampiamente disponibile un vaccino.

Leggi anche: Decreto Coronavirus, già 43 mila denunce per violazione di Silvia Buffo

Silvia Buffo
Silvia Buffohttp://www.ildigitale.it
Silvia Buffo, 1985. Giornalista e imprenditrice, è founder de ildigitale.it che dirige e dell’azienda Identità Digitali. Ricercatrice in Letteratura italiana su tematiche di scrittura e web, amante della classicità, filologia e linguaggi. Si occupa di formazione, tenendo a Roma seminari sul Web Writing. Si autodefinisce un’idealista. “La bellezza è promessa di felicità” è il suo motto, che ha delicatamente rubato a Stendhal.

Ultime notizie