sabato, Luglio 11, 2020

Ansia da prestazione, cos’è esattamente?

2
Tonia Samela
Tonia Samela
Tonia Samela, nata a Potenza nel 1994. Psicologa Clinica e Dottoranda di Psicopatologia del Comportamento, attualmente conduce la sua attività di ricerca a Roma. È attiva nella promozione della salute e nella divulgazione scientifica del sapere psicologico.

Che cosa succede realmente al nostro cervello nel momento in cui ci sediamo di fronte all’esaminatore per un colloquio di lavoro? Quale tipo di meccanismo causa la sensazione di vuoto mentale che accompagna i primi istanti di una performance? Di cosa stiamo davvero parlando quando ci riferiamo ad uno stato di ansia? Se leggiamo i manuali diagnostici sono molte le patologie che presentano come caratteristica principale lo stato d’ansia nelle sue forme più disparate e con diversi livelli di intralcio al normale svolgimento della vita quotidiana. La maggior parte delle volte però, prima di un esame, di un colloquio o di una qualsiasi performance la nostra ansia è traducibile con: attivazione fisiologica intensa di risposta a uno stimolo esterno o interno percepito come rilevante e potenzialmente lesivo o pericoloso. In parole povere vuol dire che il nostro cervello processa le informazioni provenienti dall’esterno ─ ad esempio la stanza dove si svolge il colloquio, lo sguardo dell’esaminatrice, il curriculum sul tavolo ─ e poi le confronta con i ricordi dei nostri colloqui di lavoro passati, le passa in rassegna rispetto ai brutti sogni della notte prima e le unisce alle facce da funerale delle persone che quel colloquio non lo hanno passato.

Adrenalina e cortisolo salgono, così l’ansia annebbia il cervello

In contemporanea, il cervello controlla attraverso i nervi lo stato del nostro corpo, che di solito è già predisposto all’attacco: “Ma no dai figurati, quello lì non è cattivo, vado lì e lo stendo!” o alla fuga: “ No, no, no io me ne torno a casa”. Risultato? L’adrenalina sale, il livello di cortisolo ─ chiamato anche ormone dello stress ─ nel plasma schizza alle stelle, aumenta la pressione sanguigna, ci sudano le mani e c’è vasocostrizione viscerale, quindi minor apporto di ossigeno al cervello. L’esaminatore ci chiama e, più che un colloquio di lavoro, ci sembra di stare affrontando un leone affamato. La sensazione che proviamo è di non essere presenti a noi stessi: in quel momento non siamo la nostra testa, ma le nostre gambe, le quali vorrebbero scappar via all’istante. Ovviamente, invece che fuggire, ci dirigiamo comunque verso la prova. Ma una gazzella non si dirigerebbe mai verso il leone, come è possibile che noi sì? La risposta risiede ancora una volta nel nostro cervello. Leggi anche: Andare dallo psicologo è ancora un tabù: 5 miti da sfatare

Ecco come il nostro cervello contrasta l’istinto primordiale di pericolo

L’essere umano ha sviluppato nel corso dell’evoluzione una porzione molto più grande, densa e complessa di cervello che gli altri mammiferi non hanno modificato in egual misura. Questa parte di encefalo prende il nome di corteccia prefrontale e tra i suoi compiti c’è quello di ridimensionare l’allarmismo innescato da altre aree come l’amigdala, che invece condividiamo con il resto dei mammiferi e che si attiva in maniera automatica appena rileva qualcosa che non va nell’ambiente intorno, soprattutto se si tratta di eventi percepiti come negativi. Quindi, riassumendo, possiamo affermare che lo stato di attivazione generalizzata che chiamiamo ansia è un normale meccanismo difensivo messo in atto dal nostro sistema limbico e dal nostro sistema nervoso autonomo.

Elimina la paura per vivere serenamente ogni giorno

Il ruolo di questi due sistemi per migliaia di anni è stato difenderci dai predatori, quindi non stupiamoci della reazione esagerata, a quei tempi era questione di vita o di morte! Tuttavia l’evoluzione, dopo anni ed anni di civilizzazione, ha favorito lo sviluppo di altri sistemi pronti a fronteggiare queste reazioni primitive di paura quando non siamo davvero in pericolo di vita. Insomma, è anche attraverso le connessioni cerebrali bilaterali tra l’amigdala e la corteccia prefrontale che riusciamo a ridimensionare la paura e affrontare in maniera dignitosa le nostre performance quotidiane. È importante quindi ascoltare e accettare queste sensazioni, anche se sgradevoli, perché solo in questo modo possiamo trasformare l’ansia nociva in una spinta di coraggio produttiva. Leggi anche: Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio: salvare una vita è possibile   di Tonia Samela  

Tonia Samela
Tonia Samela
Tonia Samela, nata a Potenza nel 1994. Psicologa Clinica e Dottoranda di Psicopatologia del Comportamento, attualmente conduce la sua attività di ricerca a Roma. È attiva nella promozione della salute e nella divulgazione scientifica del sapere psicologico.

Correlati

Suicidi tra studenti universitari: perché lo studio può diventare un inferno

Paura di deludere, rischio di fallire, inadeguatezza. Sono diversi i fattori che possono indurre un giovane studente al suicidio. Intervista alla Dottoressa Tonia Samela, psicologa clinica.

Emozioni, ciò che non puoi dire lo stai già facendo capire

In psicologia c'è un filone di ricerca che esplora come il nostro viso cambia in relazione alle emozioni che proviamo, ma si concentra anche sul modo in cui le persone leggono le emozioni degli altri.

Paola Perego e gli attacchi di panico: “Gli psicofarmaci non devono spaventare”

Un lungo cammino di cure con analisi e farmaci per guarire dagli attacchi di panico. Così Paola Perego sprona i malati a parlarne e non provare vergogna.

Popolari

Lucarelli, Ordine Giornalisti la deferisce: ecco la replica

Leon Pappalardo, il figlio minorenne di Selvaggia Lucarelli contesta pubblicamente Matteo Salvini...

Daniela Zanardi: “Fate di tutto per salvare Alex, purché ci sia speranza”

Il nuovo bollettino medico parla di rischio di eventi avversi che potrebbero aggravare ulteriormente le condizioni del campione. La moglie è con lui ma eviterebbe l'accanimento terapeutico.

Calendario Maya: il mondo finirà il 21 giugno 2020?

Secondo un’errata interpretazione del calendario, la vera fine del mondo non sarebbe stata il 21 dicembre 2012 ma sarà il 21 giugno 2020. La bufala che sta facendo impazzire il web.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Tiziano Ferro: “Un figlio con mio marito grazie al fostering”

Tiziano Ferro e il marito stanno pensando di avere un figlio. Tra le strade da percorrere, il fostering, una specie di affidamento temporaneo.

Ultimi

ISTAT, produzione industriale +42,1%: Stiamo uscendo dalla crisi?

Pubblicati i dati dell’Istituto nazionale di statistica che comunica: “A maggio 2020 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale aumenti del 42,1% rispetto ad aprile”.

Jennifer Aniston e Tom Hanks infuriati: “Chi non usa la mascherina si vergogni”

Da quando ha aperto il profilo Instagram, l’attrice Jennifer Aniston è sotto...

Conte verso proroga stato di emergenza Covid al 31 dicembre

L’Italia non è ancora fuori pericolo dal rischio contagi da Covid 19....

Esiste una legge per salvarsi dai debiti. Ecco come funziona

Esiste una legge per salvarsi dai debiti. È la Legge 3/2012 istituita...

Razzismo, perché Coca-Cola e altri brand ritirano la pubblicità da Facebook

I più grandi brand al mondo stanno bloccando la pubblicità su Facebook in segno di protesta per le sue politiche sui diritti civili.