lunedì, Settembre 21, 2020

30 anni di Web, perché è importante ricordarlo

Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re. Classe 1990, "Umanista 4.0", è autore e redattore per Triwù, società di comunicazione scientifica, dove si occupa di tecnologia e filosofia. Scrive online su riviste tra cui Linkiesta, Il Tascabile, L’indiscreto e Quaderni d’Altri tempi. È Presidente fondatore dell’associazione CON.CRE.TO., impegnata nell’organizzazione di eventi culturali e interdisciplinari nella città di Milano.

Sembra ieri, e invece sono 30 anni… Sto parlando del World Wide Web, per gli amici: WWW. Sì, l’aggregatore di informazioni intertestuali e link che stai utilizzando anche ora per leggere queste parole. È il fratello giovane di Internet, con cui non bisogna fare confusione, che invece esisteva già dagli anni ’60 – creato dal Dipartimento della Difesa americana con l’oscuro nome de plume “ARPANET”. Il www invece, dicevamo, nasce le 1989 a Ginevra. “E perché proprio a Ginevra?” vi chiederete voi. Perché a Ginevra si trova il CERN: il più grande laboratorio al mondo di fisica delle particelle. “E allora..?” Aspetta, continua a leggere! Già neglia nni ’80, al CERN, venivano profusi, analizzati e processati tantissimi dati: molte informazioni, ovviamente, richiedono molti scienziati qualificati. Ma, essendo il CERN un posto enorme, uno dei problemi era agevolare la comunicazione interna tra questi scienziati… Leggi anche: 100 mila euro se molli lo smartphone per un anno

Ecco la scintilla! Domanda=Risposta

Il fisico 34enne Tim Berners-Lee prende la palla al balzo e presenta così un progetto – l’attuale WWW per velocizzare e migliorare il passaggio di informazioni da un luogo all’altro del CERN: nasce il World Wide Web, il celebre frullatore di info testuali e link di cui parlavamo all’inizio… E sì, la culla di questa invenzione epocale è quello stesso CERN dove si fanno scontrare particelle a velocità supersonica per ricreare il Big Bang… Insomma, cose da poco: semplicemente un posto dove l’umanità con la U maiuscola cerca continuamente di superare sé stessa e scoprire il senso dell’universo. Credo ci sia una lezione dietro questa storia. Una lezione che ci insegna a guardarci intorno, a usare vie traverse, a non dare nulla per scontato. In questo modo un fisico ha inventato la RETE – sebbene non fosse affatto quello il suo campo, né fossero quelle le ricerche effettuate al CERN. Ma proprio da questa curiosità estrema, da questo incessante empito erotico per la conoscenza è scaturita un’altra grande creazione dell’ingegno umano. Forse perché, per obiettivi altissimi, servono mezzi altrettanto degni. Ancorché differenti e lontani, magari, dal campo della nostra ricerca… Questa storia è un bellissimo invito all’azzardo cognitivo – ad agire e pensare “out of the box”. Un’invenzione che ora è compito di tutti proteggere e mantenere democratica e libera. E chissà, potresti essere tu che leggi ad avviare la nuova rivoluzione tecnologica – in fondo serve solo il bisogno giusto! Leggi anche: Se non stai pagando, il prodotto sei tu   di Alessandro Isidoro Re

Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re. Classe 1990, "Umanista 4.0", è autore e redattore per Triwù, società di comunicazione scientifica, dove si occupa di tecnologia e filosofia. Scrive online su riviste tra cui Linkiesta, Il Tascabile, L’indiscreto e Quaderni d’Altri tempi. È Presidente fondatore dell’associazione CON.CRE.TO., impegnata nell’organizzazione di eventi culturali e interdisciplinari nella città di Milano.

Correlati

Festival della Bellezza, 2 donne su 24 ospiti e un’opera rubata

Festival degli scivoloni sarebbe, forse, un nome più adatto per la kermesse...

Bologna intitola strada alla trans Marcella Di Folco, paladina dei diritti civili

Nel decimo anniversario della scomparsa, il sindaco della città risponde all'avvocata Cathy La Torre che aveva lanciato la proposta. “La sua azione - ha detto- ha avuto una capacità fondativa. Bologna è città all’avanguardia grazie a persone come lei”.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Libellula significato, simbologia e leggende

Libellula significato e spiritualità. Un insetto dai mille colori che affascina con il suo volo leggero incarnando diversi significati a seconda delle culture

Ultimi

Ecco chi sono e cosa fanno i figli dei VIP più famosi

Con la complicità dei social network, sono molti i figli dei VIP diventati famosi grazie ai loro cognomi privilegiati. Alcuni cavalcano solo un’onda, altri si sono distinti per le loro capacità. Scopriamo chi sono.

Covid-19, la scommessa degli esperti: vaccino a novembre

Con quasi 30 milioni di casi confermati in tutto il mondo, quella...

A casa di Paola Barale, un rifugio nel cuore di Milano

Un appartamento luminosissimo in stile urban chic, nella zona Porta Garibaldi di Milano, con vista mozzafiato su City Life. Ecco qualche curiosità sulla conduttrice.