giovedì, 2 Dicembre 2021

Zeolite, usi e benefici del prezioso minerale vulcanico

La zeolite è una pietra molto preziosa, ricca di benefici per il nostro corpo. Vediamo quando e quanta assumerne e le opinioni scientifiche in merito.

Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Con il termine zeolite si indicano differenti tipi di minerali, di origine sia naturale che sintetica, che hanno struttura cristallina regolare e microporosa. Detta anche “spazzolino dell’organismo”, la zeolite è ampiamente utilizzata in ambito salutistico per lo più come sostanza depurativa e de-acidificante.

Grazie proprio alla sua struttura, e a un intelligente scambio ionico, questa pietra di origine vulcanica è in grado di assorbire elementi nocivi presenti nell’organismo come tossine, metalli pesanti, batteri e pesticidi provenienti da cibi, medicine e batteri. Allo stesso tempo, contenendo la maggior parte degli elementi contemplati nella tavola periodica, è anche in grado di rilasciare sostanze di cui, invece, l’organismo ha bisogno. Dunque, la zeolite fornisce al nostro organismo ciò di cui è carente ed elimina ciò che invece è in eccesso. Ottimo alleato per il benessere psico-fisico, la zeolite si trova in commercio in capsule o in polvere. Ma scopriamone insieme tutti i benefici, gli usi, le controindicazioni e le opinioni scientifiche in merito.

Zeolite benefici, cos’è e a cosa serve

La zeolite fu scoperta per la prima volta da un chimico svedese nel 1756, tale Axel Frederick Cronstedt, che osservandone il comportamento ne coniò anche il nome. Zeolite significa letteralmente “pietra che bolle”, dal greco zeo, bollire, e lithos, pietra. Cronstedt durante le sue ricerche notò, infatti, che questo tipo di minerale, nonostante risultasse asciutto al tatto e alla vista, se scaldato, era in grado di rilasciare vapore acqueo. Il chimico, dunque, ha osservato che l’acqua veniva trattenuta delle zeoliti grazie alla sua particolare struttura porosa, caratteristica ha a che fare con l’origine della pietra stessa, formatasi dall’incontro di lava incandescente e acqua di mare.

Zeolite attivata benefici: come funziona la “spugna intelligente”

La struttura cristallina delle zeoliti si compone di una serie di piccoli canali di carica negativa. Le tossine, avendo carica positiva, vengono naturalmente attirate dalla zeolite e vengono intrappolate nei canali del minerale.

Poiché la zeolite non viene assorbita dall’apparato gastro-intestinale, essa viene espulsa con le feci e con essa vengono espulsi anche tutti gli elementi intrappolati nel percorso. Tutte le sostanze tossiche vengono come attirate da una calamita, il risultato è un’efficace disintossicazione sistemica. La zeolite agisce cioè come una “spugna intelligente”.

Proprio per questa sua capacità, il minerale è stato sfruttato in molti modi diversi. Oltre che per uso alimentare, infatti, oggi viene impiegata in diversi settori, quali l’industria petrolchimica, l’edilizia, l’agricoltura e la zootecnia.

Una curiosità. La capacità assorbente e depurante delle zeoliti si è dimostrata efficiente al punto che il minerale sono state utilizzate anche per trattare le vittime colpite dalla bomba atomica di Hiroshima e Nagasaki. Ed è stata impiegata allo stesso scopo dalle autorità sanitarie russe dopo l’incidente di Chernobyl del 1986.

E ancora, grazie alle sue qualità depuranti, la zeolite è stata impiegata per bonificare i terreni, ripulire i mari e aiutare la popolazione colpita dalle radiazioni a seguito del disastro di Fukushima nel 2011.

Zeolite clinoptilotite per uso alimentare

zeolite usi benefici e controindicazioni

Con il termine zeolite, lo abbiamo detto, ci si riferisce a un gruppo di minerali accumunati da specifica struttura ordinata e microporosa. Questi possono essere di origine naturale, ma anche sintetica: attualmente si classificano circa 140 tipi di zeoliti naturali e 150 di composizione sintetica, per usi specifici e selettivi.

Tra le zeoliti naturali quella più diffusa nel mercato medico è senza dubbio la zeolite clinoptilolite, ampiamente utilizzata per la composizione di integratori alimentari naturali,grazie alla sua azione disintossicante per l’organismo e il tratto digerente.

Come accennato, nel 1986 a Chernobyl la zeolite clinoptilotite venne utilizzata per preparare biscotti e cioccolate da distribuire ai bambini colpiti dalle radiazioni per contrastare l’esposizione alle radiazioni. E in Giappone da molto tempo viene usata come additivo alimentare.

Zeolite proprietà: tutti i benefici di una pietra straordinaria

La zeolite clinoptilolite, lo abbiamo detto, ha proprietà depurative e detossinanti, ottime per garantire il benessere del nostro organismo. Grazie ai cationi e alla sua particolare struttura, la zeolite riesce a legarsi con qualsiasi minerale, metallo pesante e tossina, eliminandole dal nostro corpo. Agisce cioè come un anticorpo naturale ed è per questo ottimo alleato del sistema immunitario.

Assumere zeolite diminuisce il senso di stanchezza e spossatezza fisica, riduce l’acido lattico migliorando le prestazioni fisiche e i tempi di recupero dopo intensa attività e per questo è molto utilizzata in ambito sportivo. Ma favorisce anche la concentrazione, la resistenza allo stress e riduce il senso di gonfiore in caso di alimentazione troppo pesante. Questo perché è da supporto al tratto gastrointestinale, migliora la digestione e dà sollievo al fegato grazie alla riduzione dei livelli di ammonio e istamina.

Aumenta il benessere e la fertilità, proteggendo l’organismo dai danni del fumo, dell’alcol, dall’inquinamento ambientale, fattori che possono pregiudicare la fertilità sia maschile che femminile.

Utilizzata anche nell’edilizia, questo minerale è ottimo per la produzione del cartongesso, mentre in zootecnia, grazie alla capacità di scambio ionico, è impiegata per neutralizzare gli odori delle sostanze organiche, dunque nelle stalle, negli allevamenti, ma se ne trova traccia anche nelle lettiere per gatti.

In Russia viene anche inserita nei concimi per l’agricoltura e nei mangimi per gli animali, allo scopo di rafforzare il metabolismo degli animali da allevamento. Studi hanno dimostrato che il consumo di zeolite ha avuto come risultato l’aumento della fertilità del bestiame e la nascita di una progenie sana.

Leggi anche: Tutte le proprietà e i benefici dello zenzero per il corpo e il tuo metabolismo

Zeolite benefici e controindicazioni, quando usare la zeolite

Le più importanti qualità della zeolite possono essere così riassunte:

  • Aumento delle prestazioni fisiche e mentali;
  • Aumento della motivazione;
  • Alleggerimento dell’umore;
  • Migliore gestione dello stress;
  • Aumento delle difese immunitarie.

Ma se da una parte la zeolite legandosi a minerali, metalli e tossine, è toccasana per il benessere fisico e mentale, dall’altra deve essere assunta con particolare cautela in caso di trattamenti terapeutici.

Di fatto, se la zeolite è in grado di portare via dal nostro corpo qualsiasi elemento nocivo, non è escluso che, legandosi a un farmaco, possa vanificare anche gli effetti del medicinale di cui si ha bisogno. Per questo in caso di terapie in corso si consiglia di prendere la zeolite almeno due ore dopo l’assunzione del farmaco.

Zeolite effetti collaterali in caso di terapie antitumorali

Ci sono poi teorie secondo le quali l’assunzione di zeolite clinoptilolite sia in grado di ridurre gli effetti collaterali di trattamenti antitumorali. Teorie che, però, non sono mai state convalidate proprio perché si teme che la zeolite, oltre a portar via con se gli effetti collaterali dei farmaci e delle terapie antitumorali, possa anche ridurre l’efficacia dei farmaci stessi.

Inoltre, l’utilizzo della zeolite clinoptilolite non è consigliato per le persone affette da disturbi renali, in gravidanza e allattamento.

Cos’è la zeolite attivata o zeolite pura? Ecco cosa devi sapere

La zeolite può essere utilizzata per uso interno ed esterno. Quando parliamo di utilizzo interno, quindi di integratori, è molto importante saper scegliere il tipo di prodotto più adatto. Questo perché esistono oltre 400 differenti tipi di zeolite ed efficacia e sicurezza del minerale dipendono dalla sua qualità.

Zeolite integratore, come riconoscere i migliori

La zeolite destinata a uso interno deve essere notificata dal Ministero della Salute come dispositivo medico classe 2 o superiore e gode della certificazione CE.

La differenza tra classe 1 (zeolite per uso esterno) e classe 2 (uso interno) dunque sta nella documentazione che prova la sicurezza del minerale.

Qualsiasi zeolite destinata a uso interno, quindi qualsiasi integratore che contenga zeolite, deve obbligatoriamente riportare la certificazione CE sulla confezione, seguita dal numero dell’ente certificatore.

Zeolite posologia, quanta assumerne?

zeolite usi benefici e controindicazioni

Intanto va detto che, sia assumendo l’integratore di zeolite in polvere, sia prendendolo in compresse, è fondamentale accompagnarne l’assunzione bevendo molto acqua, circa 150 ml per ciascuna capsula o cucchiaio.

La posologia varia a seconda necessità.

Zeolite in polvere

Se si usa zeolite come trattamento disintossicante si consiglia l’assunzione di 3 cucchiaini una volta al giorno per due mesi. Poi come mantenimento si riduce la dose a un cucchiaino al giorno.

Se si usa zeolite come prevenzione è consigliato un cucchiaino al giorno con continuità.

È consigliabile l’assunzione almeno mezz’ora prima dei pasti.

Zeolite in capsule

Se si usa zeolite come trattamento disintossicante si consiglia l’assunzione di 4 capsule al dì, da dividere tra mattina e sera.

Se si usa zeolite come prevenzione si consigliano circa 2 capsule al dì da prendere con continuità. In ambo i casi accompagnare l’assunzione con abbondante acqua, un mezzo bicchiere per ciascuna capsula.

La zeolite fa male?

La zeolite è perfettamente compatibile con il consumo alimentare umano, motivo per il quale non sono state riscontrate controindicazioni o effetti collaterali importanti.

In rari casi può verificarsi stipsi se non vengono consumati sufficienti quantità di liquidi.

Zeolite controindicazioni: le opinioni dei consumatori

Il miglior modo per capirne di più è sicuramente ascoltare le opinioni di chi assume zeolite. Ecco alcuni commenti lasciati da consumatori diretti di zeolite.

“Soffro d’intestino irritabile e da almeno due anni i dolori mi rovinavano la vita, con questo prodotto vivo normalmente, certo curando anche l’alimentazione ma già lo facevo prima”.

“L’unica cosa riscontrata è un po’  di dolore addominale ma da ciò che ho letto credo sia normale ed un segnale positivo”.

“Ho fatto provare ad un mio amico il prodotto, perché affetto da un’infezione ai reni e dopo pochissime settimane, la situazione è migliorata tantissimo”.

“Sia io che mia moglie siamo rimasti molto soddisfatti del prodotto sin dal primo utilizzo. Consigliata da un nostro amico naturopata per disintossicazione da metalli, smog, tossine tutto a beneficio del nostro organismo”.

Leggi anche: Quali sono gli alimenti ricchi di magnesio e cosa lo rende importante per l’uomo?

Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Correlati

Fotovoltaico e sostenibilità, in un evento italiano tutte le novità del settore

Tutto sulle nuove frontiere del fotovoltaico. Lo scorso 29 novembre si è tenuto all'Hotel...

4 modalità di riscaldamento fotovoltaico che non ti aspetti

Un impianto solare non serve solo a produrre elettricità per soddisfare le utenze di...

Direct Air Capture, cos’è e come funziona

Tra le manovre più interessanti per tenere sotto controllo i livelli di gas serra...