venerdì, Luglio 10, 2020

Un museo subacqueo per proteggere la Grande Barriera corallina

2
Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Nasce il primo museo d’arte subacqueo realizzato nell’emisfero australe, a largo delle coste australiane. Perfettamente integrato con la Grande Barriera corallina del Queensland, l’opera realizzata dall’artista Jason deCaires Taylor, sarà anche una casa accogliente per fauna e flora locale. Il Museum of Underwater Art doveva essere inaugurato ad aprile, ma l’apertura è stata posticipata causa pandemia. Dal sito internet, però, sono disponibili le prime immagini delle due installazioni completate. Le altre due, previste dal progetto, sono in fase di costruzione.

La Coral Greenhouse e i suoi guardiani

L’opera più importante del museo subacqueo del Queensland è una serra di coralli creata a ridosso della John Brewer Reef. Oltre alle incredibili suggestioni che un museo di questo tipo può offrire, la serra è anche un luogo sicuro per la crescita dei coralli, gravemente minacciati dai cambiamenti climatici che interessano gli oceani. La struttura è progettata, inoltre, per mitigare le forti correnti dell’Oceano. All’interno della Coral Greenhouse, Taylor ha posizionato 20 statue che ha definito i ‘guardiani dei coralli’. Le statue rappresentano studenti, le giovani generazioni invitate dall’artista a prendersi cura di un inestimabile patrimonio minacciato dal surriscaldamento globale. Non a caso, l’istallazione è pensata anche per essere un laboratorio di controllo sullo stato dell’acqua. La salinità, i livelli di pH e di ossigeno saranno monitorati costantemente, mentre una telecamera subacquea catturerà la crescita e lo sviluppo dei suoi piccoli ospiti. Leggi anche: “La nostra missione è fare la differenza”, la nave italiana che ripulirà gli oceani

Ocean Siren, una scultura a energia solare

Ocean Siren
L’Ocean Siren è una scultura a energia solare. Cambia colore in base alla temperatura dell’acqua della barriera corallina.
La seconda opera del museo già ultimata è l’Ocean Siren, una scultura a energia solare visibile dalla terra ferma, che cambia colore in base alla temperatura dell’acqua della barriera corallina. L’opera è stata installata già lo scorso dicembre davanti al molo The Strand di Townsville e funziona perfettamente. Più l’acqua è più calda, più la statua diventa rossa. E il gioco di colori mostra il rischio che le specie marine che abitano gli oceani corrono ogni giorno. Anche in questo caso il valore simbolico della scultura è molto forte. È un omaggio agli abitanti originari di Palm Island nel Queensland, gli indigeni australiani. La statua, infatti, ha le sembianze di Takoda Johnson, bambina di 12 anni appartenete popolo Wulgurukaba o Manbarra. Il progetto conta quattro attrazioni. Per il momento, delle due ancora da realizzare si conosce solo il luogo in cui verranno collocate: Palm Island e Magnetic Island. Leggi anche: Presidente WWF: “Senza un passo indietro nessun futuro per il Pianeta” di Elza Coculo

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Correlati

Ennio Morricone e quell’attimo di eternità su Piazza Navona deserta durante il lockdonw

Non c'è bisogno di cultura cinefila per amare Ennio Morricone, né di...

Linguaggio inclusivo contro razzismo e sessismo, ne parliamo con Vera Gheno

In seguito alle pressioni antirazziste del movimento Black Lives Matter, il brand...

Statale Milano e Sapienza Roma, nella top ten per la ricerca anticovid

La Statale di Milano e la Sapienza di Roma tra le prime dieci Università al mondo, impegnate nella ricerca contro Covid 19. Orgoglio italiano.

Popolari

Daniela Zanardi: “Fate di tutto per salvare Alex, purché ci sia speranza”

Il nuovo bollettino medico parla di rischio di eventi avversi che potrebbero aggravare ulteriormente le condizioni del campione. La moglie è con lui ma eviterebbe l'accanimento terapeutico.

Calendario Maya: il mondo finirà il 21 giugno 2020?

Secondo un’errata interpretazione del calendario, la vera fine del mondo non sarebbe stata il 21 dicembre 2012 ma sarà il 21 giugno 2020. La bufala che sta facendo impazzire il web.

Tiziano Ferro: “Un figlio con mio marito grazie al fostering”

Tiziano Ferro e il marito stanno pensando di avere un figlio. Tra le strade da percorrere, il fostering, una specie di affidamento temporaneo.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Europa: ecco dove gli italiani possono andare in vacanza

In alcuni Paesi, come ad esempio la Spagna, vince ancora la prudenza. Italiani sotto controllo. Da Luglio maggior libertà di spostamento anche verso il resto del mondo.

Ultimi

ISTAT, produzione industriale +42,1%: Stiamo uscendo dalla crisi?

Pubblicati i dati dell’Istituto nazionale di statistica che comunica: “A maggio 2020 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale aumenti del 42,1% rispetto ad aprile”.

Jennifer Aniston e Tom Hanks infuriati: “Chi non usa la mascherina si vergogni”

Da quando ha aperto il profilo Instagram, l’attrice Jennifer Aniston è sotto...

Conte verso proroga stato di emergenza Covid al 31 dicembre

L’Italia non è ancora fuori pericolo dal rischio contagi da Covid 19....

Esiste una legge per salvarsi dai debiti. Ecco come funziona

Esiste una legge per salvarsi dai debiti. È la Legge 3/2012 istituita...

Razzismo, perché Coca-Cola e altri brand ritirano la pubblicità da Facebook

I più grandi brand al mondo stanno bloccando la pubblicità su Facebook in segno di protesta per le sue politiche sui diritti civili.