venerdì, Ottobre 30, 2020

Un museo subacqueo per proteggere la Grande Barriera corallina

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Nasce il primo museo d’arte subacqueo realizzato nell’emisfero australe, a largo delle coste australiane. Perfettamente integrato con la Grande Barriera corallina del Queensland, l’opera realizzata dall’artista Jason deCaires Taylor, sarà anche una casa accogliente per fauna e flora locale. Il Museum of Underwater Art doveva essere inaugurato ad aprile, ma l’apertura è stata posticipata causa pandemia. Dal sito internet, però, sono disponibili le prime immagini delle due installazioni completate. Le altre due, previste dal progetto, sono in fase di costruzione.

La Coral Greenhouse e i suoi guardiani

L’opera più importante del museo subacqueo del Queensland è una serra di coralli creata a ridosso della John Brewer Reef. Oltre alle incredibili suggestioni che un museo di questo tipo può offrire, la serra è anche un luogo sicuro per la crescita dei coralli, gravemente minacciati dai cambiamenti climatici che interessano gli oceani. La struttura è progettata, inoltre, per mitigare le forti correnti dell’Oceano. All’interno della Coral Greenhouse, Taylor ha posizionato 20 statue che ha definito i ‘guardiani dei coralli’. Le statue rappresentano studenti, le giovani generazioni invitate dall’artista a prendersi cura di un inestimabile patrimonio minacciato dal surriscaldamento globale. Non a caso, l’istallazione è pensata anche per essere un laboratorio di controllo sullo stato dell’acqua. La salinità, i livelli di pH e di ossigeno saranno monitorati costantemente, mentre una telecamera subacquea catturerà la crescita e lo sviluppo dei suoi piccoli ospiti. Leggi anche: “La nostra missione è fare la differenza”, la nave italiana che ripulirà gli oceani

Ocean Siren, una scultura a energia solare

Ocean Siren
L’Ocean Siren è una scultura a energia solare. Cambia colore in base alla temperatura dell’acqua della barriera corallina.
La seconda opera del museo già ultimata è l’Ocean Siren, una scultura a energia solare visibile dalla terra ferma, che cambia colore in base alla temperatura dell’acqua della barriera corallina. L’opera è stata installata già lo scorso dicembre davanti al molo The Strand di Townsville e funziona perfettamente. Più l’acqua è più calda, più la statua diventa rossa. E il gioco di colori mostra il rischio che le specie marine che abitano gli oceani corrono ogni giorno. Anche in questo caso il valore simbolico della scultura è molto forte. È un omaggio agli abitanti originari di Palm Island nel Queensland, gli indigeni australiani. La statua, infatti, ha le sembianze di Takoda Johnson, bambina di 12 anni appartenete popolo Wulgurukaba o Manbarra. Il progetto conta quattro attrazioni. Per il momento, delle due ancora da realizzare si conosce solo il luogo in cui verranno collocate: Palm Island e Magnetic Island. Leggi anche: Presidente WWF: “Senza un passo indietro nessun futuro per il Pianeta” di Elza Coculo

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

La campagna di Joe Biden, siamo agli sgoccioli

È testa a testa tra Donald Trump e Joe Biden, in corsa...

La lattoferrina salva dal Covid? La parola degli esperti

Due scuole di pensiero: c'è chi sostiene che l'assunzione di lattoferrina possa...

Pensioni, in arrivo bonus 155 euro a Dicembre

Le pensioni stanno subendo molte modifiche nel corso del tempo e non...

Cos’è l’amore platonico? Esiste davvero?

Amore platonico è un modo usuale per definire una forma di amore...

Decreto Ristori, come fare per ricevere gli aiuti

Il decreto è pubblicato in Gazzetta Ufficiale e entrerà in vigore a partire da oggi, 29 ottobre. Un provvedimento da 5,4 miliardi che interviene “in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese, giustizia e sicurezza”.