mercoledì, Agosto 4, 2021

Uccisa dal fidanzato durante il lockdown, oggi la Laurea a Lorena Quaranta

Chi diceva di amarla, l'ha uccisa in pieno lockdwon. La giovane studentessa di Medicina Lorena Quaranta, morta per mano del suo fidanzato, oggi riceve la Laurea ad honorem tra la commozione di famiglia e amici, a Messina.

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Tra le tante conseguenze del lockdown ci sono purtroppo anche le violenze domestiche. Costretti a stare in uno stesso ambiente per periodi prolungati le tensioni si accrescono e le case possono diventare delle vere e proprie gabbie, in particolare per le vittime di violenza. L’omicidio di Lorena Quaranta da parte del fidanzato è un caso che ha sconvolto l’opinione pubblica. Oggi però, la rivincita: la Laurea in Medicina con 110 e lode ad honorem.

Chi era Lorena Quaranta?

Lorena Quaranta era una laureanda in Medicina all’Università di Messina, originaria di Favara, in provincia di Agrigento. Lorena, ventisettenne, aveva lasciato il suo paese dopo la rottura con il precedente fidanzato commerciante, decisa a proseguire gli studi ormai prossimi alla laurea, prevista per luglio. Aveva conosciuto un nuovo ragazzo, infermiere iscritto all’università, tra i corridoi del Policlinico, dove frequentava il tirocinio previsto per gli ultimi mesi. Sarebbe nato un amore intenso che li avrebbe portati a convivere insieme, fuori Messina, sulla collina di Furci.

Leggi anche: Il femminicidio della studentessa di medicina Lorena fa più male del Coronavirus

Lorena Quaranta: l’omicidio

Antonio De Pace, 28 ani di Dasà, il fidanzato infermiere della Quaranta, avrebbe ucciso la donna la notte tra il 30 e il 31 marzo nell’abitazione che condividevano. Il ragazzo avrebbe ammesso l’omicidio e di aver ucciso la giovane con una coltellata allo stomaco, ma dagli accertamenti autoptici sarebbe risultato essere morta per strangolamento ed asfissia. Son stati inoltre riscontrati traumi da corpo contundente, calci e pugni. De Pace oggi è rinchiuso nel carcere di Ghezzi e su di lui grava l’accusa di omicidio volontario premeditato.

Leggi anche: Uccisa per aver ospitato ingenuamente il suo ex marito

La Laurea, il riscatto di Lorena

La foto di Lorena Quaranta nell’aula dove la sua amica Vittoria Potorno ha discusso per lei la sua tesi di laurea in Medicina.

Lorena era una studentessa con grandi capacità che si avvicinava a terminare il suo percorso. A luglio avrebbe conseguito la laurea con una tesi sulla “candidiasi micocutanea cronica“. Le amiche hanno deciso di terminare la tesi e così ieri si è svolta la cerimonia di Laurea a Messina alla presenza dei professori, del Rettore e dei familiari di Lorena: il papà Enzo, la mamma Cinzia, la sorella Danila e i due fratelli, compreso il più piccolo di 6 anni. Finalmente si è potuto così realizzare il sogno di Lorena, sogno che coltivava sin da bambina. A discutere la tesi di Lorena, secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, l’amica Vittoria Potorno.

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Ultime notizie