martedì, Maggio 11, 2021

U-Mask, aperta inchiesta a Milano. La società: “Il prodotto rispetta le norme”

Aperta inchiesta a Milano sulle mascherine dei vip, U-Mask, dopo la denuncia di Striscia la Notizia. I dispositivi biotech avrebbero un'efficacia inferiore a quanto stabilito dalla legge.

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Considerata la mascherina dei vip perché adottata da diverse federazioni sportive, la U-Mask è diffusissima in Parlamento, la indossano Chiara Ferragni e Fedez e si trova negli shop di grandi marchi automobilistici.

Si dice che al suo interno ci sia una molecola in grado di distruggere i batteri. Eppure, dopo il servizio di Striscia la Notizia e l’esposto di una ditta concorrente, la procura ha disposto il sequestro delle mascherine nelle farmacie e nella sede della società per analizzane la reale capacità di filtraggio.

La società si difende: “Il nostro prodotto rispetta le norme”.

U-Mask, Striscia La Notizia: “Le mascherine dei vip? Filtrano meno di quelle da 50 centesimi”

U-Mask

L’inchiesta di Striscia la Notizia di Moreno Morello ha portata alla luce il caso delle U-Mask

Poi, si è occupato delle Invisimask, mascherine trasparenti riutilizzabili a uso medico CE, che avrebbero mostrato una capacità di filtraggio che si attesta intorno al 45%, la metà rispetto a quella stabilita per legge.

Poi, è stato il turno delle U-Mask. I dispositivi di tessuto colorato con un filtro intercambiabile all’interno, in voga tra vip e sportivi.

Secondo Morello, grazie alle analisi effettuate, anche queste avrebbero un’efficacia inferiore a quanto stabilito dalla legge.

Inoltre, secondo Morello, nonostante in farmacia il costo delle U-Mask sia di € 33,60, le mascherine proteggerebbero meno di quelle da 50 centesimi.

Leggi anche: Covid, la moda delle mascherine fai da te. Gli scienziati avvertono: “Non proteggono”

U-Mask, sequestrate le masherine biotech

U-Mask.

Dopo il servizio di Striscia e dopo un esposto di una ditta concorrente con gli allegati degli esiti delle analisi di laboratorio sul filtraggio delle mascherine, la Procura di Milano ha disposto il sequestro delle U-Mask in dieci farmacie milanesi e nella sede della società di 15 mascherine complete di 5 filtri, per effettuare le analisi sulla loro effettiva capacità di filtraggio.

L’inchiesta, coordinata dai procuratori aggiunti Tiziana Siciliano ed Eugenio Fusco, è stata affidata alla Polizia locale e alla polizia giudiziaria del dipartimento Salute, Ambiente e Lavoro.

L’esposto della una ditta concorrente dimostrerebbe che la capacità di filtraggio della mascherina biotech con il filtro di 150-200 ore sarebbe del 70/80 % a fronte del 98/99 % dichiarato ufficialmente.

Per questo motivo, l’amministratore della filiale italiana della società U-Mask è indagata per frode nell’esercizio del commercio.

U-Mask, la società si difende: “Le nostre mascherine rispettano le norme”

U-Mask la società si difende.

La società indagata è tranquilla sul proprio operato ed è certa che le indagini faranno emergere la correttezza del loro lavoro:

Le indagini chiariranno la trasparenza del nostro operato.

Abbiamo collaborato attivamente con gli inquirenti, fornendo tutta la documentazione richiesta. Ribadiamo che il prodotto U-Mask rispetta pienamente le norme e le leggi in materia.

Inoltre, la società dichiara di aver già inviato, a suo tempo, al Ministero della Salute tutta la documentazione tecnica delle mascherine, e, che ne aveva disposto l’approvazione e la registrazione come dispositivi medici di classe uno.

Leggi anche: 400 tonnellate di mascherine al giorno. Ecco quanto pesa il Covid sull’ambiente

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Ultime notizie