venerdì, Settembre 25, 2020

Ti presento Sophia: il robot umano, troppo umano

Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re. Classe 1990, "Umanista 4.0", è autore e redattore per Triwù, società di comunicazione scientifica, dove si occupa di tecnologia e filosofia. Scrive online su riviste tra cui Linkiesta, Il Tascabile, L’indiscreto e Quaderni d’Altri tempi. È Presidente fondatore dell’associazione CON.CRE.TO., impegnata nell’organizzazione di eventi culturali e interdisciplinari nella città di Milano.

Come accennato nel primo episodio di questa rubrica, la tecnologia applicata alla robotica, sia in termini di algoritmi sia nel campo dell’ingegneria dei materiali, si è spinta molto avanti. Tanto da creare replicanti quasi identici a noi. Quel “quasi” però, piccola parola apparentemente innocua, apre un abisso che bisogna guardare senza che esso a sua volta guardi in noi – parafrasando Nietzsche. Lo stesso Nietzsche del celebre testo “Umano, troppo umano” ci viene incontro per definire cosa sono questi umanoidi. Prendiamo come esempio Sophia, robot dalle capacità sopraffine, tanto da essere insignita, prima volta nella storia, della cittadinanza onoraria dell’Arabia Saudita, in visita pochi giorni fa a Roma. L’androide, dai tratti femminili di Audrey Hepburn, più o meno, è stato lo special guest della serata organizzata da Elettronica Group sul tema della “Geopolitica del digitale”. Leggi anche: I robot ci ruberanno il lavoro?

Chi è Sophia, l’umanoide che ti somiglia

Sophia, frutto del’acribia della Hanson Robotics, società fondata dallo studioso di robotica Robin Hanson con sede a Hong Kong, è l’umanoide più all’avanguardia del panorama robotico. Ma c’è un ma. È umano, troppo umano… Come potete vedere, mentre la osserviamo parlare abilmente e con grande naturalezza, e perché no? Eleganza e ironia, sentimenti contrastanti si scatenano in noi. Perché c’è qualcosa di più umano e qualcosa di non ancora umano in “lei” o lui? Qualcosa di indefinito, d’inafferrabile, che scardina le nostre certezze e fa vacillare i nostri valori occidentali/razionali costruiti su secoli e secoli di teoria e prassi dell’identità.

Ma va bene così! Suvvia, non spaventatevi

È dagli anni ’70 che si parla di “Uncanny valley”, la “valle sconcertante”, lo stato di inquietudine che appunto ci provoca la vista di un essere artificiale troppo somigliante a noi. Una teoria tanto bislacca quanto seria e verificata. Confusi? Provate a immaginare di guardarvi allo specchio della toliette come ogni mattina e che il vostro riflesso, a un certo punto, dicesse qualcosa di sensato, mentre voi invece siete in silenzio. Paura, eh? Però in qualche modo siete “voi”. Ergo, quel timore subito si declinerebbe in una diffusa inquietudine. Una valle sconcertante, “uncanny valley”, appunto. Cosa significa tutto ciò? Che tanto lavoro c’è ancora da fare per superare d’un balzo questa valle dell’inquietudine, perché troppa somiglianza non significa creare un vantaggio per l’utente che poi dovrà, in ultima analisi, interagire con quel robot. Siamo orgogliosamente imperfetti, e così dovranno esserlo anche gli umanoidi, forse per collaborare nel modo più efficace. Specchi del bagno permettendo. di Alessandro Isidoro Re

Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re. Classe 1990, "Umanista 4.0", è autore e redattore per Triwù, società di comunicazione scientifica, dove si occupa di tecnologia e filosofia. Scrive online su riviste tra cui Linkiesta, Il Tascabile, L’indiscreto e Quaderni d’Altri tempi. È Presidente fondatore dell’associazione CON.CRE.TO., impegnata nell’organizzazione di eventi culturali e interdisciplinari nella città di Milano.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Ultimi

New York, la discarica più grande al mondo diventa parco naturale

Il Freshkills Park è un nuovo polmone verde alle porte della Grande Mela. La discarica più grande del mondo è stata trasformata in un’oasi naturale tre volte tanto Central Park. Un esemplare processo di ripristino ambientale.

Margherita Vicario critica “Sparami” di Emis Killa. I fan del rapper la insultano sui social

Bagarre sui social tra Margherita Vicario e Emis Killa. Volano insulti a...

Ibrahimovic positivo al Covid, da oggi è in quarantena a domicilio

Zlatan Ibrahimovic è risultato positivo al Covid. Lo ha comunicato il Milan....

La scrittrice siciliana Giovanna Giordano è candidata al Premio Nobel per la Letteratura 2020

La scrittrice di origine siciliana Giovanna Giordano, candidata al Premio Nobel per...

Perché oggi Google dedica un Doodle a Arati Saha?

Oggi Google dedica il suo Doodle alla vita e alle imprese della...