venerdì, Dicembre 2, 2022

Terremoto di magnitudo 6.1 in Afghanistan, quasi 1000 vittime: “Mandateci aiuti”

Ieri sera, la parte sud orientale dell'Afghanistan è stata colpita da una violentissima scossa di magnitudo 6.1, con disastrose conseguenze: quasi 1000 morti e oltre 600 feriti.

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Terremoto Afghanistan: cosa sta succedendo? Ieri sera, la parte sud orientale dell’Afghanistan, quella al confine col Pakistan, è stata colpita da una violentissima scossa di magnitudo 6.1. Il terremoto ha avuto conseguenze disastrose: i morti sarebbero più di 900 e oltre 600 i feriti, ma entrambi i numeri sono destinati a crescere. Stando all’istituto geofisico statunitense (Usgs), il terremoto è stato registrato a 44 km a sud di Khost, che si trova a sud di Kabul. L’epicentro è stato individuato a una profondità di 10 km.

Il Centro Sismologico Euro Mediterraneo ha fatto sapere che il terremoto è stato avvertito in un raggio di oltre 500 km, non solo in Afghanistan quindi, ma pure in Pakistan e in India. Le immagini che arrivano dai luoghi della scossa mostrano persone sulle barelle, cumuli di macerie e case distrutte.

Chiediamo alle agenzie umanitarie di fornire soccorsi immediati alle vittime del terremoto per prevenire una catastrofe umanitaria”, questo l’appello su Twitter del portavoce del governo afghano Bilal Karimi. Le aree più colpite sono quelle dei distretti di Barmala, Ziruk, Naka e Gayan nella provincia di Paktika.

Terremoto Afghanistan nella notte: è avvenuto in una zona a rischio

Terremoto Afghanistan nella notte: è avvenuto in una zona a rischio

Terremoto Afghanistan: la scossa violenta di ieri sera ha colpito un territorio da sempre a rischio, quello delle montagne afghane dell’Hindu Kush, luogo di scontro della placca tettonica indiana con la placca eurasiatica a nord. Un terremoto molto simile a quello di ieri aveva già colpito l’Afghanistan nel 2002 portando alla morte di 1000 persone. Nel 1998, invece, una scossa provocò quasi 5000 vittime.

La scossa ha sorpreso le persone nella notte, mentre dormivano, anche per questo il numero delle vittime potrebbe salire in maniera impressionante nelle prossime ore. Nel frattempo, l’aviazione è arrivata a Paktika per evacuare i feriti.

Terremoto Afghanistan: le parole del Premier pakistano Sharif e di Papa Francesco

Sono profondamente addolorato per il terremoto in Afghanistan che ha provocato la perdita di vite innocenti. La popolazione del Pakistan condivide il dolore e la tristezza dei fratelli afghani. Le autorità competenti lavorano per sostenere l’Afghanistan in questo momento di bisogno“, queste le parole del premier pakistano Shahbaz Sharif.

Anche Papa Francesco, al termine dell’Udienza generale di questa mattina, ha esternato il suo cordoglio per le vittime del terremoto Afghanistan: “Esprimo la mia vicinanza ai feriti e a chi è stato colpito dal sisma. E prego in particolare per quanti hanno perso la vita e i loro familiari. Auspico che con l’aiuto di tutti si possano alleviare le sofferenza della cara popolazione afghana”.

Leggi anche: Addio di Di Maio, Conte: “Cercava solo un pretesto”. Cosa succederà adesso?

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Ultime notizie