mercoledì, Dicembre 8, 2021

Stop a cartelle esattoriali e pignoramenti per tutto il 2020

Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto che sospende fino al 31 dicembre 2020 la ripartenza delle riscossioni. Lo stop riguarda le nuove cartelle, i pagamenti di quelle già ricevute e i pignoramenti.

Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Arriva lo stop del governo alla riscossione di cartelle esattoriali e pignoramenti per tutto il 2020. La tregua riguarda l’invio di nuove cartelle, i pagamenti di quelle già ricevute e la sospensione dei pignoramenti. Un provvedimento ad hoc, arrivato insieme all’approvazione della Legge di bilancio 2021 e immediatamente operativo, che mira ad alleggerire la pressione fiscale, in particolar modo per piccole e medie imprese. “Con le tensioni sociali non si scherza” ha detto il viceministro dell’Economia Laura Castelli, riferendosi alla manovra di bilancio 2021 approvata dal Consiglio dei ministri nei giorni scorsi. E continua:

Siamo quasi alla fine di un anno difficile ed è importante continuare a proteggere gli ultimi, chi è più debole, chi ha bisogno d’aiuto.

Stop a nuove cartelle esattoriali, riscossioni e pignoramenti

cartelle esattoriali
Il nuovo decreto mira ad alleggerire la pressione fiscale del Paese, in particolar modo tutelando piccole e medie imprese.

La ripartenza della riscossione sarebbe dovuta scattare il 19 ottobre, dopo la scadenza della moratoria. Ma il rinvio del governo blocca fino al 2021 l’invio delle 9 milioni di nuove cartelle esattoriali pronte a essere spedite e la ripresa delle attività di notifica. Sospende, inoltre, i versamenti delle cartelle già arrivate e degli avvisi esecutivi.

Leggi anche: Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Novità per la rateizzazione delle cartelle esattoriali

Novità anche sulla rateizzazione delle cartelle. Passa da 5 a 10 il numero delle rate mancanti dopo la quale viene negata la dilazione dei pagamenti. L’agente riscossore avrà poi un anno di tempo in più per notificare le cartelle sospese e per comunicarne l’inesigibilità agli enti creditori. Ciò consentirà uno smaltimento graduale delle cartelle già accumulate.

Leggi anche: Nuovo Dpcm d’urgenza, Conte: “Non possiamo perdere tempo”

Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Ultime notizie