giovedì, Ottobre 22, 2020

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

L’Ente di previdenza sociale si tutela in caso di nuovi lockdown e in una nota chiarisce: l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Una sorta di stretta sulle regole della quarantena per Covid-19 che segna un limite rispetto a quanto stabilito con il precedente decreto Cura Italia del marzo 2020, che invece equiparava quarantena e malattia. Ecco cosa cambia.

Quando la quarantena è riconosciuta come malattia?

La quarantena è riconosciuta dall’Inps come malattia solo quando “la stessa prevede un provvedimento dell’operatore di sanità pubblica”. Ciò vuol dire che se a decidere un provvedimento di quarantena è la Asl, un medico generale o quello dell’ospedale, il soggetto a rischio potrà accedere alla tutela della malattia. Quando invece a impedire il normale svolgimento della propria attività lavorativa è un’autorità amministrativa, quindi il Comune o la Regione, non vi sarà alcuna sovrapposizione tra il periodo di isolamento e la tutela Inps. Dunque, verrà assicurato “il diritto ad accedere alla corrispondente prestazione previdenziale, compensativa della perdita di guadagno” solo in caso di malattia conclamata.

Leggi anche: Dal 15 ottobre in vigore il nuovo Dpcm, cosa dobbiamo aspettarci?

La quarantena dei lavoratori fragili

quarantena
Se a decidere un povvedimento di quarantena è la Asl, un medico generale o quello dell’ospedale, il soggetto a rischio potrà accedere alla tutela della malattia.

Lo stesso discorso vale per i soggetti definiti “fragili”, cioè coloro che posti sotto sorveglianza precauzionale o quarantena, ma continuano a svolgere da casa la propria attività lavorativa, sulla base degli accordi presi con il proprio datore di lavoro. Spiega l’Inps:

Non è possibile ricorrere alla tutela previdenziale della malattia nei casi in cui il lavoratore in quarantena o in sorveglianza precauzionale, perché soggetto fragile, continui a svolgere l’attività lavorativa presso il proprio domicilio, mediante le citate forme di lavoro alternative alla presenza in ufficio. È invece evidente che in caso di malattia conclamata il lavoratore è temporaneamente incapace al lavoro, con diritto ad accedere alla corrispondente prestazione previdenziale, compensativa della perdita di guadagno.

Cassa integrazione e quarantena, come funziona

Il lavoratore che è in cassa integrazione non potrà richiedere la tutela della malattia anche se dovesse essere ricoverato in ospedale. Si tratta, spiega l’Istituto di previdenza, del “principio della prevalenza del trattamento di integrazione salariale sull’indennità della malattia disposto altresì dall’articolo 3, comma 7, del Dl 14 settembre 2015, n. 148”. Secondo questo principio, continua Inps:

La circostanza che il lavoratore sia destinatario di un trattamento di cassa integrazione guadagni ordinaria (Cigo), straordinaria (Cigs), in deroga (Cigd) o di assegno ordinario garantito dai fondi di solidarietà, determinando di per sé la sospensione degli obblighi contrattuali con l’azienda, comporta il venir meno della possibilità di poter richiedere la specifica tutela prevista in caso di evento di malattia.

Leggi anche: La deputata Lisa Noja: “Se tengo io la mascherina potete farlo tutti”

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

Papa Francesco, sì alle unioni civili: “Le persone omosessuali hanno diritto a una famiglia”

Inclusione, è la parola d’ordine della nuova iniziativa civile di Papa Francesco....

L’Irlanda è il primo paese europeo a imporre un nuovo lockdown

La chiusura totale inizierà alla mezzanotte di oggi e durerà sei settimane. Saranno consentiti solo spostamenti strettamente necessari, ma le scuole, considerate tra i servizi essenziali, rimarranno aperte.

Uccisa dal fidanzato durante il lockdown, oggi la Laurea a Lorena Quaranta

Tra le tante conseguenze del lockdown ci sono purtroppo anche le violenze...

Stanchezza da pandemia: perché siamo più tristi e tesi?

Di recente sentiamo spesso parlare di stanchezza da pandemia. Ma di cosa...