martedì, Gennaio 26, 2021

Stéphanie Frappart, per la prima volta un arbitro donna in Champions League

Stéphanie Frappart sarà il primo arbitro donna a dirigere un match di Champions League: oggi, mercoledì 2 dicembre, la francese sarà in campo per dirigere Juventus-Dinamo Kiev.

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

In Juventus-Dinamo Kiev ci sarà per la prima volta una donna a dirigere una gara di calcio in Champions League, Stéphanie Frappart. In campo la 36enne francese ha già diretto incontri di calcio maschile tra cui la Supercoppa Europea nel 2019 e una gara in Europa League lo scorso ottobre. Oggi, mercoledì 2 dicembre, Stéphanie Frappart passerà alla storia per essere la prima donna che dirigerà una gara nella più importante competizione per club in Europa.

Chi è Stéphanie Frappart

Stéphanie Frappart è nata il 14 dicembre 1983 a Herblay, un comune francese della Val-d’Oise. Inizialmente ha accostato il suo ruolo di direttrice di gara a quello di calciatrice, portando avanti entrambe le cose. Quel che era certo era la sua passione per il calcio.

Nel calcio femminile in veste di calciatrice ha preso parte al Mondiale 2015, alle Olimpiadi 2016 e al campionato europeo 2017. Poi si è dedicata all’arbitraggio. Nel 2018 ha diretto la finale del Mondiale femminile under-20 tra Spagna e Giappone. Nel 2019, invece, ha arbitrato una partita della Ligue 1 maschile diventando il primo fischietto rosa nella massima serie francese.

Leggi anche: Champions League, Juve ribalta il Ferencvaros, Lazio travolge lo Zenit: la classifica

La carriera di Stéphanie Frappart

Stéphanie Frappart
Stéphanie FrappartIstanbul (Turchia) 14/08/2019 – Stéphanie Frappart dirige la Supercoppa Europea.

Stéphanie Frappart è stata la prima donna ad arbitrare una partita di calcio maschile della Ligue 2 (la serie B francese) tra Niort e Brest nel 2014. 

Il 28 aprile 2019 ha diretto la gara Amiens-Strasburgo della Ligue 1 maschile. Ai campionati mondiali femminili del 2019 ha arbitrato quattro partite, tra cui la finale Stati Uniti-Paesi bassi. Il 14 agosto 2019 è stata il primo arbitro donna a dirigere una finale di Supercoppa europea di calcio maschile. Ha arbitrato, infatti, il derby inglese tra Liverpool e Chelsea alla Vodafone Arena di Beşiktaş. 

A ottobre 2020 ha esordito nei gironi di Uefa Europa League maschile. Ha diretto la gara Leicester City-Zorya.

Stéphanie Frappart questa sera in campo per dirigere Juve-Dinamo Kiev

Stéphanie Frappart
Stéphanie FrappartStéphanie Frappart oggi in campo per dirigere la gara di Champions League Juve-Dinamo Kiev.

Questa sera alle 21, mercoledì 2 dicembre, Juventus e Dinamo Kiev scenderanno in campo all’Allianz Stadium di Torino per la gara valida per la quinta giornata della fase a gironi di Champions League.

Alla pari del Barcellona, la Juventus è già qualificata per gli ottavi di finale di Champions League. I bianconeri questa sera punteranno a chiudere la classifica del girone del gruppo G in testa. La Juve stasera ospiterà la Dinamo Kiev, gara vinta 2-0 all’andata.

E ad arbitrare ci sarà lei, Stéphanie Frappart. Il match all’Allianz Stadium di Torino sarà infatti il primo in Champions League a essere diretto da un arbitro donna. Una gara, quella di questa sera, che cambierà poco le qualificazioni agli ottavi di finale del girone G di Champions League, ma passerà alla storia grazie a Stéphanie Frappart.

Stéphanie Frappart, le prime volte degli arbitri donna

Stéphanie Frappart
Stéphanie Frappart, primo arbitro donna in Champions League.

Il 10 settembre 2017 in Bundesliga, Bibiana Steinhaus arbitrò Hertha Berlino-Weder Brema. Due mesi fa, il 30 settembre, è stata scelta per arbitrare la Supercoppa tedesca tra Bayern Monaco e Borussia Dortmund.

La 35enne Sian Massey-Ellis è stata la prima donna assistente di gara in Premier League il 28 dicembre 2010, in Sunderland-Blackpool. In Liga spagnola Guadalupe Porras Ayuso il 17 agosto 2019 è stata la prima donna guardalinee nella partita Maiorca-Eibar.

In Serie A, invece, Cristina Cini è stata la prima guardalinee il 24 maggio del 2003 in Juventus-Chievo. Da allora nessuna donna ha arbitrato una partita della massima serie italiana. Due anni e quattro mesi dopo Juventus-Chievo, Anna De Toni divenne la prima donna a dirigere una partita di calcio professionistico in Italia: Sudtirol-Lecco di Serie C2 a Bolzano. Nello stesso anno Maria Marotta ha arbitrato Cosenza-Monopoli di Coppa Italia.

È arrivata l’arbitressa”, titolava la Domenica del Corriere nel 1971. Si parlava di Giovannella Pantani che nel 1971 passò alle cronache per essere stata il primo arbitro donna del movimento calcistico italiano. Debuttò nella Serie A femminile il 25 Aprile 1971 a Loano. Ma il mondo non era ancora pronto alle donne in un settore tipicamente maschile come l’arbitraggio nelle partite di calcio.

Per la gara di Champions League di questa sera, mercoledì 2 dicembre 2020, è davvero “arrivata l’arbitressa“. Stèphanie Frappart passerà alla storia. Il mondo saprà che una donna può dirigere una gara della massima competizione europea per club, la Champions League.

Leggi anche: Chi è Kamala Harris, la prima donna vice-presidente degli USA

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Ultime notizie

Cinque anni dalla scomparsa di Giulio Regeni, Mattarella: “L’Egitto dia risposte adeguate”

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella “in questo giorno di memoria” rinnova la solidarietà alla famiglia Regeni e chiede un impegno “comune per giungere alla verità”.

Olimpiadi Tokyo 2021, Italia verso l’esclusione. Entro mercoledì la decisione del CIO

Entro mercoledì 27 gennaio arriverà la decisione del CIO sull'esclusione dell’Italia dalle...

Covid, spunta l’idea di una zona rosso scuro in Europa: cos’è e quali le regole per viaggiare

Dall'Europa arriva l'idea di istituire la zona rosso scuro per indicare dove la circolazione del virus è molto alta. Ecco cos'è, pechè è necesssaria e quali sono le regole.

Brescia, arrestato primario: “Ha indotto la morte di pazienti Covid con farmaci non idonei”

È successo a Montechiari, presidio degli Ospedali Civili di Brescia. Il primario Carlo Mosca è ora accusato di omicidio volontario.

Manifestazioni e proteste in Russia e nel mondo per la liberazione di Alexey Navalny

Mentre l'ormai noto oppositore di Putin, Alexey Navalny, è in carcere, in Russia, ma non solo, si rivendicano democrazia e libertà e si chiede la liberazione del dissidente avvelenato.