sabato, Luglio 24, 2021

Stefano Cucchi, 11 anni dalla morte. La sorella Ilaria: “Chi sapeva non ha avuto coraggio”

Il ricordo, nel giorno della ricorrenza della morte di Stefano, passa dal murales realizzato in via Monte Rocchetta, quartiere Tufello. L’artista: “Pronto a difendersi e a ricordare tutti quelli che come lui hanno subito un’ingiustizia così grande”.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Ricorre oggi l’undicesimo anniversario della morte di Stefano Cucchi, il geometra romano arrestato nel 2009 dai carabinieri perché in possesso di droghe leggere. Un fermo di routine, che si è trasformato in una delle vicende giudiziarie più dolorose del nostro Paese. Stefano è morto da solo, in una stanza dell’ospedale Sandro Pertini di Roma, con il volto sfigurato e il corpo massacrato da ripetute percosse, lontano dai suoi familiari a cui ripetutamente venne negato dalle autorità la possibilità di incontrarlo. “Chi sapeva non ha avuto coraggio” scrive Ilaria Cucchi, sua sorella, in un doloroso post su Facebook in occasione della ricorrenza:

Mentre i Generali sfilano in udienza nel tentativo di giustificare, oltre ogni evidenza, il loro operato io non posso non pensare che 11 anni fa queste erano le ultime ore di vita di mio fratello. All’alba di 11 anni fa Stefano è morto, nell’indifferenza generale di tutti coloro che lo hanno visto nei giorni del suo calvario. E nel quieto vivere di chi sapeva e non ha avuto il coraggio di parlare allora finché si era in tempo, forse, per poterlo salvare.

La morte Stefano Cucchi tra insabbiamenti e omertà

Stefano Cucchi
Ilaria Cucchi, sorella di Stefano. La battaglia legale che ha portato all’incarcerazioni dei due carabinieri assassini è durata circa 10 anni.

Dopo dieci lunghi anni di battaglie legali, lo scorso anno Stefano Cucchi ha finalmente avuto giustizia anche in tribunale. È infatti solo nel novembre del 2019, dopo più di otto ore di Camera di Consiglio, che i giudici della Corte d’Assise di Roma hanno condannato per omicidio preterintenzionale i carabinieri Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro a 12 anni di reclusione. La svolta nel processo è arrivata con la testimonianza chiave di Francesco Tedesco, uno dei presenti la notte dell’arresto di Stefano Cucchi. Non esattamente una storia a lieto fine, come ricorda Ilaria nel post, che oltre a perdere un fratello, ha dovuto accudire i suoi genitori, consumati dal dolore:

Le omertà e gli insabbiamenti sono costati alla mia famiglia anni ed anni di battaglie legali a vuoto. Ci siamo devastati ed entrambi i miei genitori si sono ammalati gravemente.

Leggi anche: Omicidio Aldrovandi 15 anni dopo: La mamma: “Non lo dimenticate”

Un murales in ricordo di Stefano Cucchi

Stefano Cucchi
Roma, quartiere Tufello. Lo street artist Harry Greb ricorda la scomparsa Stefano Cucchi.

Quest’anno per ricordare la scomparsa di Stefano è apparso su un muro di via Monte Rocchetta, nel quartiere romano del Tufello, un murales realizzato dallo street artist Harry Greb. Ha spiegato l’artista:

Sono passati undici anni dalla morte di Stefano Cucchi. E oggi ho deciso di ricordarlo così, con i guantoni da pugilato, sport che amava. Pronto a difendersi e a ricordare sulla t-shirt tutti quelli che come lui hanno subito un’ingiustizia così grande.

Sui guantoni di Cucchi le scritte Aequitas e Justitia, mentre sulla sua maglia sono elencati i nomi di Sandri, Aldrovandi, Uva, Bianzino e tanti altri che come lui sono morti ingiustamente. “L’opera si trova al Tufello, quartiere da sempre in prima linea per i diritti dei cittadini più esposti” ha spiegato Greb, “per non dimenticare”.

Leggi anche: Omicidio Vannini, Ciontoli condannato a 14 anni. La mamma di Marco: “La giustizia esiste, mai mollare”

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Ultime notizie