sabato, Dicembre 5, 2020

Il ritorno di Sophia Loren con La vita davanti a sé: da oggi su Netflix

Da oggi è possibile guardare su Netflix il nuovo film con Sofia Loren, diretta da Edoardo Ponti, suo figlio minore.

Il film La vita davanti a sé, che doveva uscire nelle sale il 3 novembre poi chiuse a causa della pandemia, è disponibile da oggi su Netflix. La pellicola vede come protagonista la storica Sophia Loren, che dopo 11 anni di assenza, torna sul grande schermo solo per amore di suo figlio Edoardo, che l’ha diretta nel film e per l’apprezzamento nei confronti del soggetto. Grandi sono le aspettative al riguardo. Per l’interpretazione della Loren già si prevede l’Oscar, che sarebbe il terzo dopo i primi due conseguiti, uno alla carriera e l’altro per il magistrale ruolo in La Ciociara.

La vita davanti a sé, cosa racconta il film?

Sophia Loren in La vita davanti a sé su Netflix
Sophia Loren e Ibrahima Gueve in La vita davanti a sé.

Il film, tratto dall’omonimo romanzo di Romain Gary, mette in risalto il rapporto turbolento tra Momo e Madame Rosa, la donna che lo cresce a Bari. Momo è un bambino di origini musulmane. La sua famiglia è assente e per questo viene chiesto a Madame Rosa di prendersi cura di lui. L’anziana donna infatti, ebrea sopravvissuta ad Auschwitz, si occupa dei figli di prostitute, impossibilitate loro stesse a crescerli. La donna, pur essendo avanti negli anni ed ammalata, si occupa di Momo finché le forze glielo permettono. Alcune scene sono state girate in Italia, a Trani, precisamente nel quartiere ebraico, nel centro storico e in un palazzo in via La Giudea.

Leggi anche: “Sono io”, un corto smaschera la vera faccia del Covid

La vita davanti a sé, le prime recensioni

Sophia Loren insieme al figlio Edoardo Ponti
Sophia Loren insieme al figlio Edoardo Ponti.

La sceneggiatura, ispirata al romanzo del ’75 di Romain Gary, è scritta da Edoardo Ponti, figlio della Loren, insieme a Ugo Chiti e Fabio Natale. La vicenda è ambientata in Italia, cambiano alcuni dettagli e l’attenzione è focalizzata tutta sull’anziana signora. I commenti negativi ovvio non si riferiscono a Sophia che attrae lo spettatore con un magnetismo e una presenza scenica senza eguali. Diciamo che le critiche sono state riservate al resto e senza la presenza della Loren il film perderebbe di molto. La narrazione risulta grossolana ed è un pò troppo evidente l’intenzione di emozionare e fare la morale.

Leggi anche: Gli orologi del diavolo: l’avvincente serie di Beppe Fiorello

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 20 eserciti più potenti al mondo?

20) Spagna Indice della forza militare: 0,3388Popolazione totale: 49.331.076Personale...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Ultimi

Benedetta Barzini, prima top model italiana: “L’anoressia malattia grave, ma utile”

È stata la prima italiana a comparire sulla copertina di Vogue America, nel 1963. Bellissima e fascinosa, all’età di 77 anni è protagonista del documentario di Beniamino Barrese, "La scomparsa di mia madre".

Natale con droni, posti di blocco ed esercito, il piano del Viminale per la sorveglianza

Il piano del Viminale interviene per la sicurezza dei cittadini. Affinché si...

Adolf Hitler africano: cosa faresti se alla nascita ti venisse assegnato questo nome?

Di recente è stato eletto in un consiglio regionale in Namibia un...

California: bimbo si suicida a 11 anni, in diretta durante una lezione on line

Un bimbo si suicida all'età di soli anni a Woodbridge, in California....

Autostrade, Castellucci indagato per crollo della galleria Berté in A26

Nel giorno in cui il Riesame dispone la scarcerazione dell'ex dirigente per la vicenda delle barriere fonoassorbenti, Castellucci viene indagato, insieme a una decina di persone, per la mancata manutenzione delle gallerie.