domenica, Settembre 20, 2020

Lo sfogo dell’infermiera di Lucca: “Imbecilli se pensate che il virus sia finito”

Lo sfogo dell'infermiera sui social contro chi sottovaluta il Covid è una reazione che fa riflettere. Alla donna può costare un richiamo dalla Asl.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Lo sfogo dell’infermiera sui social

Il Tirreno ha raccontato il fatto: un’infermiera dell’Ospedale di Lucca, che probabilmente lavora in reparti Covid, ha scritto un post su Facebook in cui non usa mezzi termini per criticare chi non usa la mascherina e chi assume comportamenti che potrebbero mancare di rispetto a che ancora lotta contro Covid 19. Ecco cosa avrebbe riportato la professionista di Lucca sui social:

Stamani mentre mi stavo rinfilando questo bello scafandro ho pensato a quanti mesi abbiamo tirato nel cesso, ho pensato a tutti quegli imbecilli che continuano a dire: “Ma il virus è finito”. Non è finito un c….o! Voi andate al mare che io mi diverto a sudare dentro sto’ coso di plastica.

Leggi anche: Giornata Internazionale dell’Infermiere: “Non siamo eroi, ma professionisti”

L’infermiera se la prende anche con il Governo

La donna ha postato anche una foto in cui indossa la visiera di plastica che, insieme alla mascherina, ai camici e ai guanti proteggono gli operatori sanitari dal virus, se la prende in un certo senso anche con il Governo e con la decisione di alcune riaperture di locali che secondo il suo punto di vista, sottovalutano il rischio di una ripresa dei contagi. Ecco cosa aveva aggiunto nel suo post:

Avete fatto bene a riaprire le discoteche, era di primaria necessità. Fate bene ad andare in giro senza mascherina, fate proprio bene! Vi meritate l’estinzione. Mi raccomando ora ricominciate con quella buffonata degli eroi.

Leggi anche: Dl Rilancio: escluso il bonus medici e infermieri. L’ira degli eroi in corsia

L’infermiera di Lucca rischia un richiamo

Il post al vetriolo dell’infermiera del San Luca ha scatenato numerosi commenti, alcuni di plauso altri invece in disaccordo con le sue esternazioni. Tanto che dopo qualche ora il post è stato rimosso. Il duro sfogo dell’infermiera di Lucca sui social non è stato gradito nei toni e nel linguaggio utilizzato dall’Azienda Ospedaliera. La donna rischia un richiamo.

Leggi anche: Elisa: “Lascio la mia barca a vela e torno a fare il medico nel reparto d’urgenza”

Un comportamento che fa pensare

In questi lunghi mesi di battaglia contro il Covid, abbiamo visto e letto più volte di infermieri e operatori sanitari stanchi, provati, distrutti dall’emergenza da coronavirus. Volti segnati dal continuo uso di dispositivi di protezione, cuori spezzati per la lontananza dalla propria famiglia, occhi pesanti nel vedere morire donne e uomini soli, per colpa di un nemico invisibile che in quel momento, in quei maledetti giorni in lockdown stava vincendo. Anche sulle loro competenze. Questi professionisti, chiamati “eroi”, sono stai punti fermi di riferimento nella battaglia contro il virus.

Leggi anche: Mattarella su Covid-19: “Libertà non è fare ammalare gli altri”

Contro il Covid abbiamo abbassato la guardia?

Le Fasi 1, 2 e 3 hanno portato a un graduale allentamento della nostra guardia nei confronti del virus che ancora circola, anche se gli ospedali ora sono più attrezzati a combatterlo. Anche se noi siamo più bravi ad evitarlo. Ma se i Dpcm governativi dicono che indossare la mascherina in alcune circostanze è obbligatorio, e che il distanziamento fisico è ancora fortemente indispensabile, perché non rispettare queste regole? Chi lavora in sicurezza, nelle aziende, negli esercizi commerciali e negli ospedali, questi fastidiosi dpi li indossa con molto sacrificio. I toni esasperati usati dall’infermiera nel suoi post su Facebook, certo, potrebbero risultare eccessivi, ma il messaggio è chiaro. Perché vanificare ogni sforzo fatto fin qui?

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Correlati

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Libellula significato, simbologia e leggende

Libellula significato e spiritualità. Un insetto dai mille colori che affascina con il suo volo leggero incarnando diversi significati a seconda delle culture

Ultimi

Ecco chi sono e cosa fanno i figli dei VIP più famosi

Con la complicità dei social network, sono molti i figli dei VIP diventati famosi grazie ai loro cognomi privilegiati. Alcuni cavalcano solo un’onda, altri si sono distinti per le loro capacità. Scopriamo chi sono.

Covid-19, la scommessa degli esperti: vaccino a novembre

Con quasi 30 milioni di casi confermati in tutto il mondo, quella...

A casa di Paola Barale, un rifugio nel cuore di Milano

Un appartamento luminosissimo in stile urban chic, nella zona Porta Garibaldi di Milano, con vista mozzafiato su City Life. Ecco qualche curiosità sulla conduttrice.