lunedì, Gennaio 17, 2022

Nel 2021 sequestro di armi record negli aeroporti americani

Negli Stati Uniti il numero di viaggiatori che tentano di passare attraverso i controlli di sicurezza aeroportuali con armi da fuoco nel 2021 ha raggiunto il punto più alto degli ultimi 20 anni.

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Sequestro di armi record negli aeroporti americani. Che l’America avesse un problema con la violenza delle armi, a causa della legalità e la libera circolazione di queste è ben risaputo, le migliaia di morti ogni anno di cui molti minori ne sono la testimonianza.

Nonostante i viaggi aerei siano scesi al di sotto dei livelli pre-pandemia, il numero di viaggiatori che tentano di passare attraverso i controlli di sicurezza aeroportuali con armi da fuoco nel 2021 ha raggiunto il punto più alto da quando la Transportation Security Administration ha iniziato a seguirlo 20 anni fa, come ha fatto sapere la stessa agenzia.

Sequestro di armi 2021: record negli aeroporti americani

Sequestro di armi 2021: record negli aeroporti americani

Un sequestro armi record quello avvenuto negli Stati Uniti. La TSA ha impedito ai viaggiatori di trasportare più di 5.700 armi da fuoco negli aeroporti statunitensi dall’inizio del 2021, superando di gran lunga il precedente record 4.432 armi da fuoco nel 2019, secondo il portavoce della TSA R. Carter Langston. Un conteggio finale sarà annunciato il mese prossimo.

Circa l’85% delle armi da fuoco trovate nel 2021 erano cariche, ha affermato Langston.

L’aumento del sequestro di armi arriva anche se la domanda di viaggi rimane circa il 25% inferiore rispetto al ritmo pre-pandemia del 2019, secondo l’US Bureau of Transportation Statistics.

L’aumento del sequestro di armi inoltre è probabilmente legato a un aumento delle vendite complessive di armi negli Stati Uniti dall’inizio della pandemia di Covid19, ha affermato Langston, che ha citato un rapporto del luglio 2020 del Brookings Institute, un think tank di Washington.

Il sequestro di armi è aumentato insieme alle vendite

A gennaio e febbraio del 2020, il numero medio di vendite giornaliere di armi negli Stati Uniti era di circa 92.000, secondo lo studio. Dopo che l’allora presidente Trump ha dichiarato l’emergenza nazionale il 13 marzo, le vendite giornaliere di armi sono balzate a oltre 120.000 al giorno, con un picco di 176.000 il 16 marzo.

In totale, tra marzo e luglio del 2020 sono state vendute quasi 3 milioni di armi in più rispetto a quanto sarebbero state normalmente vendute durante quei mesi, ha riferito Brookings.

“È una tendenza con le armi in America e ora stiamo vedendo più armi negli aeroporti”, ha detto Langston.

Le leggi sulle armi variano in base allo stato, ma la legge federale vieta ai passeggeri delle compagnie aeree di portare armi da fuoco, armi, esplosivi o qualsiasi replica o materiale di scena di film nella cabina di un aereo. 

Le armi scariche possono essere trasportate ma solo se dichiarate alle compagnie aeree e rinchiuse nel bagaglio da stiva. 

I possessori di armi legali che tentano di passare attraverso i controlli di sicurezza con le loro armi vengono multati, ma alla fine possono farsi restituire le armi; la polizia locale può sequestrare armi illegali e arrestare i viaggiatori che le possiedono.

I trasgressori rischiano multe fino a $ 13.910 per violazione a persona, a seconda del numero di reati precedenti e se l’arma era carica in quel momento.

Leggi anche: Uso delle armi in America: una violenza che coinvolge bambini e adolescenti

Non perderti nemmeno un'articolo Seguici su Google News
Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Ultime notizie