giovedì, Maggio 13, 2021

Scuola, i banchi monoposto non ci sono? Preside fa segare a metà quelli vecchi

Efficace e sostenibile, l'idea di una scuola romana: i vecchi banchi segati a metà per ottenere quelli monoposto. La scuola può iniziare in sicurezza e senza sprechi.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Una preside di una scuola di Roma prende una decisione insolita ma efficace: segare in due i vecchi banchi, visto che mancano quelli monoposto. E così Ic Scala, nella periferia della Capitale non ha acquistato nessun nuovo banco ed è pronta ad iniziare questo particolare anno scolastico con banchi segati a metà.

Banchi segati a metà, idea figlia della disperazione

Quando si dice che la scuola ti insegna a pensare fuori dagli schemi. L’iniziativa di una preside dell’’Istituto Comprensivo Elia Scala, nella periferia romana, è un grande insegnamento, da questo punto di vista. Originale ma alquanto efficace la decisione raccontata da Repubblica: invece che acquistare nuovi banchi monoposto, la preside ha fatto segare in due quelli vecchi, per farne di ognuno due. Oggi sono pronte e accuratamente allineate ben 220 postazioni sicure e distanziate per gli studenti. I professori confidano al giornale che:

L’idea è nata dalla disperazione, e abbiamo anche favorito l’economia locale.

Leggi anche: Wuhan, si ritorna a scuola, ma senza mascherina

Banchi segati a metà, idea anti spreco

Un’idea nata dall’intuizione di uno dei professori, sposata dalla preside Claudia Gentili che vince lo spreco di denaro e di tempo e fa lavorare una falegnameria locale, praticamente inattiva a causa del lockdown. L’intervista su Repubblica rivela che:

Avevamo bisogno di banchi monoposto ma al tempo non si sapeva ancora nulla dei bandi. E il Municipio non aveva risorse per acquistare banchi monoposto.

Leggi anche: Scuola, Azzolina: “Stiamo per scrivere un capitolo nuovo nella storia della scuola italiana”

Banchi segati a metà, più economici di quelli di Arcuri

Una soluzione brillante, economica e sostenibile. Un modo per non buttare via banchi nuovi e ben tenuti. L’Istituto è stato aperto nel 2015 pertanto gli arredi sono in ottimo stato. I banchi dimezzati sono costati anche meno di quelli promossi dal Commissario Arcuri. Il professore di tecnologia Roberto Roccatelli spiega che:

Riciclare, muovendo l’economia locale ci è sembrata la cosa più semplice da fare.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Ultime notizie