giovedì, Ottobre 22, 2020

Sciroppo d’acero, il dolcificante 100% naturale, buono da mangiare e buono per la salute

Conosciutissimo all'estero e molto apprezzato in Italia, lo sciroppo d'acero è tra i dolcificanti più efficaci in circolazione. Il suo segreto sta nel contenuto apporto calorico e nel gusto.

Enrica Vigliano
Enrica Vigliano
Enrica Vigliano, 33 anni, romana per adozione. Lavora nel mondo dell’arte e della comunicazione di eventi, dopo gli studi di Archeologia e di Business dei beni culturali. Adora parimenti la matematica e la grammatica, avendo una predilezione per le parole crociate e per la vita all’aperto.

Sulle crêpes, sui celebri pancakes ma anche sulle fette biscottate e sui formaggi: anche voi non resistete a versare un po’ di sciroppo d’acero sulle vostre colazioni?

Ma se pensate che serva “solo” ad addolcire la merenda, o che sia una leccornia d’oltreoceano, ecco una serie di curiosità e di usi diversi per questo nettare che sembra davvero essere l’ambrosia degli dei.

L’acero, l’albero del Canada e dello sciroppo

Simbolo del Canada, con la sua bella foglia palmata, l’acero da cui si ricava lo sciroppo è originario e tipico dei paesi freddi del nord America.

Lo sciroppo d’acero in inglese maple syrup proviene dalla linfa degli alberi dell’acero da zucchero o dell’acero nero, estratta principalmente dal tronco e dal fusto.

Il momento migliore per la raccolta del succo di acero si colloca tra marzo e aprile, quando la fase vegetativa della pianta è in quiescenza. Il liquido viscoso, talvolta semisolido, ottenuto viene messo a bollire per ottenere un vero e proprio sciroppo che assume un colore ambrato e una densità più o meno consistente.

Il prodotto ricorda molto da vicino il miele, anche se il sapore è totalmente diverso e si distingue in base alla velocità e durata dell’ebollizione, alla temperatura raggiunta nella fase di cottura, ma anche dal tipo di pianta da cui viene prelevata la linfa e dalla stagione.

Si possono suddividere gli sciroppi d’acero in 4 grandi categorie a seconda dell’intensità del colore e del relativo gusto: da quello più scuro e intenso, il “grade B” a quello più leggero e chiaro, il Fancy.

La produzione dello sciroppo d’acero è del tutto ecosostenibile, nonostante per produrre 1 litro di sciroppo acero siano necessari circa 35 chili di linfa.

Chi ha inventato lo sciroppo d’acero?

Si hanno notizie della produzione di sciroppo d’acero sin da prima della scoperta dell’America: gli amerindi ne facevano già largo uso da tempi antichissimi come alternativa allo zucchero.

Molte leggende dei popoli nativi del Canada riconducono la scoperta di questo nettare zuccherino all’osservazione degli animali che popolano le foreste e che spesso si nutrono della linfa degli aceri.

Proprietà benefiche dello sciroppo d’acero

sciroppo d'acero

Antiossidanti naturali

Lo sciroppo d’acero è ricco di antiossidanti naturali, quasi 4 volte più del miele. Queste preziose sostanze vengono prodotte dalla pianta nel momento in cui si estrae la linfa, probabilmente come risposta alla ferita. Si tratterebbe soprattutto dell’acido abscissico e faseico, che proteggono l’albero dallo stress ambientale.

Gli antiossidanti aiutano le cellule del nostro organismo, specialmente i muscoli, ad assorbire rapidamente il glucosio, evitando però il picco di secrezione di insulina. Lo sciroppo d’acero ha quindi un basso indice glicemico, permettendo il corretto assorbimento del glucosio.

Vitamine

Tra le qualità nutrizionali del succo d’acero va ricordata la grande quantità di vitamine contenute in questo alimento.

La riboflavina o vitamina B2 contenuta nello sciroppo ha la caratteristica di favorire i processi energetici, sconfiggendo la fatica e aiutando ad affrontare con carica maggiore la giornata.

Sali minerali

Ogni cucchiaiata di sciroppo d’acero contiene anche zinco, magnesio, potassio e calcio, i sali minerali che servono al corretto funzionamento del nostro organismo e alla rigenerazione cellulare.

Una porzione da 60 mil di sciroppo d’acero supplisce al 100% del fabbisogno giornaliero di manganese, al 37% di vitamina B2,

Polifenoli

Per quanto riguarda l’apporto di polifenoli, lo sciroppo d’acero batte quello di mais o di riso, così come lo zucchero bianco. Queste molecole organiche naturali sono in grado di ridurre lo stress ossidativo e aiutano a tenere sotto controllo l’insorgere di malattie come il diabete, l’obesità e le malattie cardio vascolari.

Sciroppo d’acero e zucchero a confronto

sciroppo d'acero sui pancakes

Quanto sciroppo d’acero si deve usare al posto dello zucchero?

Con quasi il 25% in più potere dolcificante rispetto alla stessa quantità di zucchero, lo sciroppo d’acero è particolarmente indicato come edulcorante naturale. Privo di coloranti e additivi, non richiede una raffinazione industriale e pertanto risulta essere molto più sano dello zucchero bianco.

Il che significa che a parità di quantità si dovrà usare circa un quarto in meno di sciroppo d’acero rispetto allo zucchero.

Quante calorie contiene questo tipo di sciroppo?

Cento grammi di sciroppo d’acero apportano solo 250 calorie, rispetto alle 392 dello zucchero bianco, così come l’indice glicemico è 54, contro quello del secondo a 65.

Lo sciroppo d’acero dunque è uno dei dolcificanti meno calorici in natura: solo la stevia e la melassa hanno degli indici di poco più bassi.

Può essere usato per dolcificare le tisane, il thé, ma è ottimo anche insieme alla frutta secca, ai formaggi, allo yogurt e persino sul gelato.

Leggi anche: Acesulfame-k: il sostituto dello zucchero a calorie zero

Una composizione pura

Infine, uno dei maggiori vantaggi del consumo dello sciroppo d’acero rispetto ad altri dolcificanti, risiede nella sua composizione quasi del tutto pura. Ciò significa che contiene pochissimo fruttosio, una sostanza che viene molto rapidamente assorbita dal fegato, a differenza del miele, composto al 50% di fruttosio, o dell’agave, 84%.

Un alleato nella perdita di peso

Come usare lo sciroppo d’acero per dimagrire? Qualche anno fa fece scalpore come Beyonce abbia usato lo sciroppo d’acero per dimagrire! La sua dieta a base di sciroppo promette una depurazione profonda dell’organismo.

In dieci giorni, eliminando i cibi solidi e bevendo solo liquidi come un succo d’acero, limone e pepe di cayenna, la cantante è stata in grado di rimettersi in forma, in vista del suo film Dreamgirls.

Questo regime apporterebbe anche significativi miglioramenti per quanto riguarda l’energia, l’elasticità della pelle e la vitalità degli occhi. È sempre bene ricordare che ogni cambiamento nell’alimentazione deve essere monitorato da un professionista, per non incorrere in problemi di salute derivanti da un apporto scorretto o poco bilanciato di nutrienti.

Sciroppo d’acero e salute: tutti i benefici

Antinfiammatorio

Grazie all’alto contenuto di polifenoli e antiossidanti, lo sciroppo d’acero aiuta a prevenire alcune malattie di origine infiammatoria, come l’artrite, le infiammazioni intestinali o le malattie cardiache.

Riducendo lo stress ossidativo, responsabile dell’indebolimento del sistema immunitario, lo sciroppo aiuta anche a proteggere l’organismo dai malanni di stagione e dalle malattie infettive.

Prevenzione del cancro

A differenza dello zucchero poi, corresponsabile di alcune tipologie di cancro, lo sciroppo d’acero sembra essere meno pericoloso come edulcorante. Impedisce infatti la mutazione e il danneggiamento del DNA delle cellule, riducendo il rischio dello sviluppo di masse patogene.

Alleato degli antibiotici

Come sappiamo, gli antibiotici, sebbene indispensabili per debellare le malattie indotte dai batteri, sono  farmaci molto potenti e allo stesso tempo molto pericolosi. La tendenza è di ridurre quanto possibile il loro uso e solo in funzione di una reale necessità.

Alcuni studi hanno dimostrato che lo sciroppo d’acero esalta gli effetti degli antibiotici, permettendone un uso più contenuto. Sembrerebbe cioè che aiuti alcuni tipi di antibiotico a funzionare meglio e più efficacemente: lo sciroppo permette al farmaco più facilmente di penetrare la parete cellulare del batterio.

Protezione della pelle

Spalmato direttamente sulla pelle, lo sciroppo d’acero ha proprietà nutritive, emollienti e lenitive. Ottimo su epidermide arrossata, secca o escoriata, idrata la pelle senza aggredirla, restituendole elasticità e compattezza.

Controindicazioni

Nonostante sia un dolcificante naturale ipocalorico, lo sciroppo d’acero contiene saccarosio ed è sconsigliato nelle diete ferree o nel caso di forme gravi di diabete.

Può in qualche caso scatenare una reazione allergica nei soggetti sensibili anche se non è annoverato tra le sostanze allergeniche.

A cosa serve lo sciroppo d’acero? Come usarlo in cucina

Sciroppo d'acero, dolci in cucina

Il nettare dell’acero trova in cucina una vasta gamma di applicazioni, sia per quanto riguarda la preparazione dei dolci che per le guarniture di insalate, formaggi, carni e dessert.

Lo sciroppo di acero può essere usato anche come ingrediente per preparare una composta di mele straordinaria. Basta cuocere in una casseruola 1 kg di mele sbucciate e tagliate a tocchetti, 500 gr di rabarbaro, 50 ml di acqua e 90 ml di sciroppo d’acero. Servita con il gelato o lo yogurt è davvero eccezionale.

Se ne avete abbastanza di dolci, lo sciroppo d’acero si sposa bene anche con la carne

Provate a usarlo al posto dello zucchero nella preparazione della glassa per arrosti di maiale o pollo. Basterà mescolare 125 ml di sciroppo d’acero puro, 15 ml di salsa Worcestershire o di soia e un cucchiaio d’olio d’oliva. Spennellate la carne negli ultimi minuti di cottura: la salsa allo sciroppo vi stupirà!

Dove e come si conserva lo sciroppo d’acero?

Quanto dura lo sciroppo d’acero? E qual è il giusto modo per conservarlo? In generale, una volta aperta una confezione di sciroppo d’acero si mantiene bene in frigorifero per qualche mese. Volendo è possibile anche surgelarlo.

Dove si trova e quanto costa?

Lo sciroppo d’acero, vista la crescente richiesta negli ultimi anni, è sempre più facilmente reperibile nei supermercati, nelle erboristerie, nei negozi bio  a prezzi accessibili. I prodotti più puri possono raggiungere anche la decina di euro, ma si trovano anche a costi minori con un buon rapporto tra qualità e prezzo.

I migliori sciroppi d’acero canadese

Anche i negozi online forniscono un’ampia scelta di sciroppi d’acero: ecco qualche suggerimento.

Enrica Vigliano
Enrica Vigliano
Enrica Vigliano, 33 anni, romana per adozione. Lavora nel mondo dell’arte e della comunicazione di eventi, dopo gli studi di Archeologia e di Business dei beni culturali. Adora parimenti la matematica e la grammatica, avendo una predilezione per le parole crociate e per la vita all’aperto.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

Papa Francesco, sì alle unioni civili: “Le persone omosessuali hanno diritto a una famiglia”

Inclusione, è la parola d’ordine della nuova iniziativa civile di Papa Francesco....

L’Irlanda è il primo paese europeo a imporre un nuovo lockdown

La chiusura totale inizierà alla mezzanotte di oggi e durerà sei settimane. Saranno consentiti solo spostamenti strettamente necessari, ma le scuole, considerate tra i servizi essenziali, rimarranno aperte.

Uccisa dal fidanzato durante il lockdown, oggi la Laurea a Lorena Quaranta

Tra le tante conseguenze del lockdown ci sono purtroppo anche le violenze...

Stanchezza da pandemia: perché siamo più tristi e tesi?

Di recente sentiamo spesso parlare di stanchezza da pandemia. Ma di cosa...