martedì, Maggio 11, 2021

Primo Maggio 2021: a Roma il Concertone torna live

La musica torna dal vivo e il classico Concertone torna ad animare la capitale: sul palco oltre 40 artisti e in platea 1070 ospiti. Un lume di speranza per i lavoratori dello spettacolo.

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

Primo Maggio 2021, il Concertone a Roma torna live.

Proprio in onore di tutti quei lavoratori dello spettacolo scesi in piazza qualche settimana fa a rivendicare con 419 bauli altrettanti giorni di stop, il Primo Maggio 2021 non poteva che essere all’insegna della ripartenza con il primo evento live dopo oltre un anno di stop.

Il Covid non permetterà quella che era l’usuale organizzazione pre-pandemia, ma l’avere di nuovo un palco gremito di artisti sembra già essere un sogno.

L’evento, sempre sotto la direzione di CGIL, CISL e UIL, si terrà nell’Auditorium Parco della Musica dove sarà concesso l’accesso a un pubblico contingentato.

Sul palco oltre 40 artisti.

Primo Maggio 2021, Noel Gallagher e molti altri artisti

Primo Maggio 2021, la musica torna sul palco e di fronte al pubblico.

La musica torna finalmente dal vivo e a prendersi gli applausi veri dal pubblico.

Sul palco della Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, oltre a Noel Gallagher e LP, si esibiranno 40 artisti: Alex Britti, Après La Classe & Sud Sound System, Balthazar, Edoardo Bennato, Bugo, Chadia Rodriguez ft. Federica Carta, Colapesce Dimartino, Coma_Cose, Enrico Ruggeri, Ermal Meta, Extraliscio, Fabrizio Moro con Vinicio Marchionni e Giacomo Ferrara, Fasma, Fast Animals And Slow Kids & Willie Peyote, Fedez, Folcast, Francesca Michielin, Francesco Renga, Gaia, Ghemon, Gianna Nannini e Claudio Capéo, Ginevra, Gio Evan, Il Tre, L’orchestraccia, La Rappresentante Di Lista , Madame, Mara Sattei, Max Gazzè & The Magical Mystery Band, Michele Bravi, Modena City Ramblers, Motta, Nayt, Noemi, Orchestra Multietnica Di Arezzo con Magherita Vicario, Piero Pelù, The Zen Circus, Tre Allegri Ragazzi Morti, Vasco Brondi, Wrongonyou.

Se sorprende che di questi ben 17 siano autori sanremesi, Massimo Bonelli, l’organizzatore di iCompany, ribatte:

E’ il Festival ad aver pescato a piene mani dal cast dei Concertoni passati, vedi Colapesce e Dimartino, i Coma_Cose e tanti altri.

Io ho soltanto seguito il lavoro di rinnovamento editoriale delle ultime edizioni per riportare sul palco la musica attuale piuttosto che il remake degli anni Novanta degli anni precedenti, quello stigmatizzato nella loro canzone da Elio e le Storie Tese, all’insegna del rinnovamento e del giusto spazio all’avanguardia.

Questa è la linea che ho perseguito e che credo sinceramente si sia riverberata anche sull’ultimo Festival.

Ma qui vorrei non solo la musica alternativa, vorrei tutta la musica, quella che non si esprime da più di un anno.

Il Concerto del Primo Maggio 2021 di Roma verrà trasmesso in diretta dalle ore 16.30 alle ore 19.00 e dalle ore 20.00 alle ore 24.00 su Rai3, Rai Radio 2 e RaiPlay, mentre in platea si prevedono ben 1070 posti assegnati per un pubblico fatto di “ospiti, tra sindacati, sponsor e persone collegate agli artisti”.

Leggi anche: Umbria Jazz 2021, l’evento musicale di eco internazionale è simbolo di ripartenza per l’Umbria: “Si farà”

Il Primo Maggio 2021 significa ripartenza: “L’Italia si cura con il lavoro”

L’evento del Primo Maggio 2021 significa innanzi tutto ripartenza, significa speranza per quel settore che da ormai oltre un anno è tra i più sofferenti.

Per tutti gli addetti del settore, fonici, elettricisti, manovali, che da sempre con le loro maestranze fanno sì che la musica arrivi al grande pubblico, ma anche per tutti gli artisti che vivono dei palchi, quel giorno significherà un nuovo inizio.

Senza reali ristori e rassicurazioni sul loro futuro questi lavoratori ancora oggi vivono nell’incertezza e nella preoccupazione. È inevitabile chiedersi se realmente le platee torneranno a gremirsi, se gli spettatori saranno realmente pronti a riempirle e sostenere anche economicamnete i grandi eventi. Se tutti i lavoratori dell’ambito riusciranno davvero a riscattarsi da un periodo così lungo e buio.

Lo slogan di quest’anno è “L’Italia si cura con il lavoro” perché “la ripartenza nel nostro Paese è possibile attraverso il lavoro e una campagna vaccinale nazionale diffusa”, perché mai come in questo 2021 si ha bisogno di festeggiare proprio la festa dei lavoratori.

Leggi anche: Cattelan a Milano, il ritorno dopo oltre 10 anni con “Breath Ghosts Blind” al Pirelli HangerBiccocca

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

Ultime notizie