venerdì, 23 Aprile 2021

Roma, multe fino a 500 euro per chi abbandona per terra mascherine e guanti usati

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Gli operatori ecologici di Roma segnalano ripetutamente al Campidoglio la negligenza dei cittadini. Dispositivi di protezione monouso usati vengono raccolti lungo i marciapiedi, fuori dai supermercati, per la strada, nonostante la possibilità di raggiungere i cassonetti. E così, arriva nella mattinata il monito di Virginia Raggi che, con un post su Facebook, annuncia i nuovi provvedimenti contro l’inciviltà di coloro che non si preoccupano di insozzare la città. La sindaca:

Tolleranza zero. A Roma multe fino a 500 euro per chi abbandona per terra mascherine e guanti usati. Puniremo questi comportamenti vergognosi.

A Roma arriva l’ordinanza

È stata firmata questa mattina, a Roma, l’ordinanza per regolamentare il comportamento di coloro che continuano a gettare a terra mascherine e guanti. Un problema che non riguarda solo la Capitale, ma l’Italia intera. Il WWF ha già denunciato questa situazione, avvisando sui rischi ambientali che ne potrebbero conseguire. Ma non è bastato. A Roma arriva oggi l’ordinanza della sindaca per mettere in riga i cittadini negligenti. Ha scritto:

L’utilizzo di mascherine e guanti è importante in questo momento delicato, però non devono essere in alcun modo buttati per terra, ma nei contenitori dell’indifferenziata. Ho firmato un’ordinanza per punire con multe salate questo comportamento.

E aggiunge:

Voglio essere chiara: tolleranza zero contro chi getta questi rifiuti per strada.

Leggi anche: Mascherine e guanti in mare: “40 mila kg di plastica in natura, è allarme ambientale” di Elza Coculo

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Correlati

Il 2020 è stato l’anno dell’oceano tranquillo: cosa ha significato

Il lockdown ha frenato i movimenti via mare e ciò permetterà agli studiosi di analizzare l’impatto che i rumori umani hanno sulla fauna marina.

Stop alle gabbie negli allevamenti europei: a che punto sono i lavori della Commissione europea?

Il Parlamento europeo sostiene la campagna End the Cage Age, che chiede l’eliminazione dell’uso delle gabbie: in attesa il voto della Commissione. Italia tra i Paesi con più animali rinchiusi

Agrivoltaico, la sinergia tra agricoltura e pannelli solari

Fin da quando esiste l’agricoltura, la primaria fonte di benessere e resa delle piante...