martedì, Marzo 2, 2021

Rocco Siffredi: “Non sono più a mio agio davanti al corpo di una ragazza”

Rocco Siffredi, 57 anni, star a luci rosse racconta la sua carriera e confessa di non sentirsi più a suo agio davanti al corpo di una ragazza.

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Rocco Siffredi, 57 anni, continua la sua carriera da attore pornografico che più volte ha dichiarato di voler abbandonare ma in tutte le volte non ci è mai riuscito. Anzi, ha appena vinto due AVN Awards, l’equivalente degli Oscar per la categoria. Anche se, intervistato dal Corriere della Sera, oltre a raccontare tutta la sua carriera, confessa anche: “Non mi sento più a mio agio davanti al corpo di una ragazza”.

Rocco Siffredi, gli inizi

Rocco Siffredi.

La carriera nel mondo a luci rosse di Rocco Siffredi inizia nel 1984 quando in un locale incontra Gabriel Pontello, produttore porno francese degli anni ottanta, che lo ha presentato al produttore Marc Dorcel e al regista Michel Ricaud. Belle d’amour è il suo primo film pornografico.

Rocco Siffredi, nell’intervista al Corriere della Sera, racconta gli inizi, quando era adolescente e ha capito immediatamente che il suo futuro sarebbe stato proprio a luci rosse:

Da ragazzino, dall’età della masturbazione, sono stato letteralmente folgorato dai giornalini per adulti e ho subito capito che avrei fatto l’attore a luci rosse: c’era solo il come sarà e dove sarà, ma ero sicuro.

Leggi anche: Rocco Siffredi positivo al Coronavirus, contagiate le persone a lui più vicine

Rocco Siffredi, la carriera

Rocco Siffredi la carriera.

Nel 1987 ha recitato in Fantastica Moana, il suo primo film italiano, al fianco di Moana Pozzi e racconta, che, a Ortona, suo paese natale, le persone criticavano la madre a causa del suo lavoro come attore pornografico:

Nel nostro palazzo di Ortona c’era gente che criticava mia madre: ma come fai a sopportare una cosa del genere? Rispondeva: senti, io gliel’ho fatto così e ci fa quel che vuole. Vedeva che quando tornavo a casa ero sempre lo stesso e il resto non contava.

Da lì, ha avuto inizio una lunga carriera per Rocco Siffredi, che, tante volte ha dichiarato di voler interrompere. La prima volta nel 2004, a 40 anni, salvo poi tornare a recitare in film porno a partire dal dicembre 2009 a causa della frustrazione sessuale.

Nel gennaio 2015, Siffredi è stato uno dei concorrenti della decima edizione del reality show L’isola dei famosi, e, in quell’occasione, durante la semifinale ha annunciato per la seconda volta il ritiro dalla carriera di attore porno.

Nel marzo 2017 ha ufficialmente annunciato il suo ritorno al porno anche come attore. Rocco Siffredi ha dichiarato quasi in tutte le sue interviste di non poter fare a meno del sesso.

Rocco Siffredi: “Non mi sento più a mio agio davanti al corpo di una ragazza”

Rocco Siffredi 57 anni.

Infatti, Rocco Siffredi si è soffermato anche sulla sua carriera attuale, a 57 anni in molti gli chiedono come riesca ancora ad avere determinate performance nei suoi film:

Tanti mi chiedono ma come fai ancora a fare queste performance. La verità è che non vorrei mai arrivare a dire che non ce la faccio più. D’altra parte da qualche anno mi guardo allo specchio e mi dico: ma che ci fai tu con le ventenni. Non mi sento più a mio agio davanti al corpo di una ragazza.

Eppure il suo addio al mondo a luci rosse non sarà mai definitivo. Per Rocco Siffredi il sesso è stata una delle componenti fondamentali della sua vita, se non l’unica e sola componente fondamentale tanto da arrivare a dichiarare che, prima o poi, quando lascerà la carriera da attore pornografico lascerà il sesso ma il sesso non lo abbandonerà mai:

Lascerò ma il sesso non mi abbandonerà mai, dirigerò le mie energie su una sola donna, mia moglie, e sarà molto bello. Lo auguro a tutti i mariti che cornificano le mogli. Il sesso resta ancora la cosa più bella, è forse l’80% di tutto quel che mi piace nella vita. Non sono mai stato dipendente da altro che dal sesso: niente droga, niente alcol.

Leggi anche: Educazione sessuale ancora tabù nelle scuole italiane, il ritardo è inammissibile

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Ultime notizie