venerdì, Settembre 18, 2020

Rientro a scuola, i consigli della psicologa per affrontarlo nel modo giusto

Anno scolastico ai blocchi di partenza, nonostante il Coronavirus. Quattro consigli della psicologa per affrontare il rientro a scuola in serenità, per studenti, insegnanti e genitori.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Lunedì 14 settembre si torna ufficialmente a scuola. Dopo il lungo stop dovuto alla pandemia da Coronavirus che ha tenuto lontani studenti e docenti, in collegamento solo online, si torna sui banchi di scuola tra dubbi, paure e perplessità. L’esperta ci consiglia come affrontare il rientro a scuola in serenità.

Rientro a scuola, cosa cambia

Il 14 settembre inizia l’anno scolastico 2020-2021, rivoluzionato negli spazi e nelle regole per via del contenimento dei contagi da Covid. Rapporti più freddi e distaccati, con il distanziamento di almeno un metro, le mascherine indossate e una libertà di movimento parzialmente limitata da percorsi, norme di comportamento e buon senso. La paura di non farcela, di dover chiudere di nuovo con un eventuale secondo lockdown alberga nelle aule scolastiche, ma anche in famiglia.

Leggi anche: Scuola, Azzolina: “Stiamo per scrivere un capitolo nuovo nella storia della scuola italiana”

Rientro a scuola, una sfida organizzativa

L’emergenza sanitaria legata alla pandemia ha modificato le abitudini di tutti, comprese quelle degli studenti e degli insegnanti. Nuove sfide nel rientro a scuola.

Abbiamo chiesto il parere della Dottoressa Tonai Samela, Psicologa Clinica e PhD Candidate in Psicopatologia del comportamento, ricercatrice in un IRCCS, per capire cosa è cambiato e cosa cambierà nel mondo della scuola, ai tempi del Coronavirus. L’emergenza sanitaria legata alla pandemia ha modificato le abitudini di tutti, comprese quelle degli studenti e degli insegnanti. Ecco quanto afferma l’esperta:

L’anno scolastico che sta per cominciare sarà prima di tutto una grande sfida organizzativa e di resistenza. Le paure legittime legate al contagio sono alimentate quasi senza dubbio dall’incertezza rispetto alle modalità di organizzazione delle lezioni, del controllo del distanziamento, del rispetto delle regole ma soprattutto della gestione delle positività. La mancanza di regole precise o, in generale, le confuse modalità con cui vengono adattate alle singole necessità dei singoli Istituti fomentano il panico da contagio. Questo discorso vale sia per i genitori che per gli insegnanti, questi ultimi caricati di oneri e responsabilità non solo educative ma anche di gestione della relazione con i genitori o i tutori dei minori.

Leggi anche: Scuola, i banchi monoposto non ci sono? Preside fa segare a metà quelli vecchi

Rientro a scuola, il rapporto con l’ambiente sanitario

Il mondo scolastico impara a fare i conti con nuove figure con le quali relazionarsi. Ci spiega la Dottoressa Tonia Samela:

La figura del sanitario, che ha saputo gestire l’emergenza in un ambiente deputato al controllo della malattia e della sofferenza all’interno dell’ospedale, è percepita molto diversamente dall’insegnante nell’ambiente scolastico, per il quale la dimensione pericolo diventa più grande, anche in ragione della quotidianità, della quantità di tempo che i minori passano a scuola. I genitori e i tutori, nonché gli insegnanti, non sentono l’ambiente scolastico come sicuro, non vengono supportati dal punto di vista delle informazioni relative alle procedure da mettere in atto in caso di contagio. Di fronte a questa carenza di organizzazione aumenta proporzionalmente la sfiducia, se non la diffidenza, nei confronti dell’Istituzione Scolastica. Dall’altro lato, pensare a una didattica a distanza esclusiva, a fronte di una riapertura di altre attività ricreative o sportive dove il rischio è pressoché simile, non appare coerente. Inoltre, la gestione dei minori a casa non è altrettanto semplice, così come l’esercizio della didattica a distanza.

Rientro a scuola, 4 consigli per ripartire senza ansia

Indubbiamente, genitori e insegnanti ma anche gli studenti si trovano di fronte a situazioni nuove. Questo crea disagio e paura. L’esperta ci spiega qual è l’unico antidoto alla diffidenza e alla paura, ovvero l’esposizione. Per la Dottoressa Samela è importante rendersi conto di come le cose vengono gestite e intervenire tempestivamente qualora qualcosa non vada come si era preventivato. Ecco come fare per affrontare la scuola con serenità:

  • osservare le norme di igiene dell’OMS, valide per qualsiasi ambiente pubblico
  • non avere paura di chiedere rassicurazioni e informazioni al dirigente scolastico, agli insegnanti al pediatra di libera scelta o al medico di medicina generale a tutti coloro preposti a fornirlo
  • evitare di diffondere e/o credere a informazioni false e pettegolezzi che aumentano la sensazione di mancato controllo, minaccia e catastrofe imminente. Verificare sempre le fonti.
  • essere costanti nel monitorare lo stato di salute dei propri figli. Evitare di mandarli a scuola qualora manifestino sintomi influenzali o di raffreddamento.
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Correlati

Omicidio Colleferro, una vita extra lusso ma i quattro accusati percepivano il reddito di cittadinanza

I Fratelli Marco e Gabriele Bianchi, Francesco Belleggia e Mario Pincarelli sono...

Batterio Cina, in 3mila infettati dalla brucellosi per una fuga di laboratorio

Nel nord-ovest della Cina più di 3 mila persone sono state infettate...

Recovery Plan, Ursula Von der Leyen: “Almeno il 20% dei fondi per la transazione digitale”

Bruxelles impone i suoi paletti. I governi nel preparare i piani nazionali da presentare in Commissione dovranno tenere conto di specifiche linee-guida volte a garantire anche una modernizzazione economica degli stati.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Libellula significato, simbologia e leggende

Libellula significato e spiritualità. Un insetto dai mille colori che affascina con il suo volo leggero incarnando diversi significati a seconda delle culture

Ultimi

Omicidio Colleferro, una vita extra lusso ma i quattro accusati percepivano il reddito di cittadinanza

I Fratelli Marco e Gabriele Bianchi, Francesco Belleggia e Mario Pincarelli sono...

Batterio Cina, in 3mila infettati dalla brucellosi per una fuga di laboratorio

Nel nord-ovest della Cina più di 3 mila persone sono state infettate...

San Gennaro, a Napoli un liquore per omaggiare il santo patrono della città

Il 19 settembre, ogni anno, Napoli sta con il fiato sospeso per...

Lockdown all’italiana, il nuovo film di Vanzina scherza sulla quarantena. È già polemica

Il cinema è uno strumento creativo di comunicazione, utile per apprendere e...

Queste isole devono essere assolutamente visitate prima della loro scomparsa. Ecco quali

Il mondo sta cambiando. A livello sociale, cambiano le nostre abitudini, il...