mercoledì, Ottobre 28, 2020

Premier Conte: “Più donne nella task force italiana e nel comitato scientifico”

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Per affrontare l’emergenza da coronavirus e pianificare le fasi di convivenza con il Covid 19, il Premier Giuseppe Conte aveva affidato a un team tecnico lo svolgimento dei lavori. A capo della task force, da Londra il manager Vittorio Colao. Un gruppo esclusivamente al maschile ha inizialmente indignato il genere femminile.

Le proteste in parlamento per la parità di genere

Si sono scatenate le proteste in parlamento e sui social da parte delle rappresentanti delle donne. Conte ha annunciato la sua volontà di integrare con più donne sia la task force e sia il comitato tecnico scientifico:

Ho molto apprezzato le parole del gruppo di senatrici che dalle pagine di un quotidiano hanno rivendicato un maggior protagonismo delle donne nelle commissioni tecniche, nate per supportare il Governo nella difficile gestione della crisi da Covid-19 . Chiamerò Vittorio Colao per comunicargli l’intenzione di integrare il comitato di esperti che dirige attraverso il coinvolgimento di donne le cui professionalità, sono certo, saranno di decisivo aiuto al Paese. Allo stesso modo, nelle prossime ore chiederò al capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, di integrare il Comitato tecnico-scientifico con un’adeguata presenza femminile.

Leggi anche: Fase 2: come la vivono negli altri paesi europei

flash mob social
Il flash mob social #Datecivoce

La mobilitazione #Datecivoce verso una nuova legge

Il comitato #Datecivoce ha appreso con soddisfazione la scelta del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, di invitare Vittorio Colao a un immediato riequilibrio di genere nella composizione della task force e del comitato tecnico-scientifico. In una nota il comitato dichiara che:

Grazie alla forte adesione alla petizione prima e poi al flashmob virtuale del 2 maggio poi, nonché grazie all’impegno di senatrici e deputate e alle battaglie continue di tante associazioni femministe e della società civile, siamo state finalmente ascoltate. Ora chiediamo alla politica e al Presidente Conte di fare un passo storico: approvare una legge affinché in ogni commissione, organo, tavolo tecnico di nomina istituzionale e pubblica ci sia reale parità.

Percentuali eque di uomini e donne

Continua la nota:

La legge Golfo-Mosca 120/2011 sulle quote antidiscriminatorie di genere è un punto di riferimento irrinunciabile, ma la rappresentanza va portata al 50% ed estesa ad ogni luogo dove lo Stato e le istituzioni decidono. Avere percentuali eque di uomini e donne vuol dire non solo cambiare la visione politica del Paese ma anche ridare fiducia a chi crede che solo nel rispetto reciproco, nel rispetto della Costituzione e nella ricchezza della differenza possa nascere un Paese migliore.

Leggi anche: Tutto sulla Fase 2: le risposte alle domande più frequenti

La politica apprezza la scelta di Conte

Le donne devono sempre far sentire la loro voce per essere coinvolte nelle decisioni potere. Il cambio di rotta de Premier è stato apprezzato da più parti politiche. Tra queste Più Europa con Emma Bonino e Costanza Hermanin:

Dopo la mobilitazione ‘Dateci Voce’ di sabato scorso e la mozione presentata in Senato il governo si accorge di aver escluso le donne dalle famigerate ‘task force’ incaricate di gestire la fase post-emergenza. È una questione di meritocrazia: se in Italia ce ne fosse, una normale distribuzione statistica produrrebbe automaticamente una rappresentanza bilanciata negli organi collegiali.

Leggi anche: Lunghe file per vendersi gli ultimi gioielli di famiglia: ecco i nuovi poveri italiani   di Catiuscia Ceccarelli

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

Gerry Scotti e il Coronavirus. Ecco come sta il noto conduttore tv

Gerry Scotti ha comunicato, come è noto, due giorni fa la propria...

Covid, Michele Emiliano chiude tutte le scuole. La Puglia verso il lockdown?

Con 13 decessi e quasi 800 positivi in poche ore, la Puglia...

Ombre russe: infiltrati e hackers dietro a disordini e rivolte

La locandina che da due giorni gira in rete e che ha prodotto...

Carlo Conti positivo al Covid: “Sto a casa ma asintomatico”

Il noto conduttore Rai è uno dei tanti conduttori tv che hanno...

Rocco Siffredi positivo al Coronavirus, contagiate le persone a lui più vicine

Rocco Siffredi positivo al Covid. A rivelare l'indiscrezione sulla positività al virus...