domenica, Gennaio 16, 2022

Nuovo piano vaccinale: ecco le 5 fasce prioritarie e chi potrà somministrare il farmaco

Ieri, in Conferenza Unificata, è stata resa nota l’informativa sul nuovo Piano vaccini. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo Piano.

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Il nuovo piano vaccinale è pronto. Si attende per oggi il decreto-legge (e non Dpcm) col quale il presidente del Consiglio Mario Draghi comunicherà agli italiani le decisioni prese dal Governo in vista di una nuova stretta.

Dopo l’incontro con le Regioni previsto per stamattina e la successiva riunione del Consiglio dei Ministri, è atteso un intervento del premier alle 15 presso il centro vaccinale di Fiumicino.

Ieri, in Conferenza Unificata, è stata infatti resa nota l’informativa sul nuovo Piano vaccini.

Come funziona il nuovo piano vaccinale

Il nuovo piano vaccinale stabilisce un criterio unico nazionale per stabilire l’ordine di vaccinazione, facendo così scomparire le differenze tra regioni: molte di esse avevano infatti deciso di immunizzare categorie meno a rischio.

Si utilizzerà il criterio anagrafico delle fasce di età per stabilire la precedenza, anche se permangono delle eccezioni: hanno status prioritario le persone con gravi patologie e disabilità.

L’obiettivo del nuovo piano sarà quello di portare a termine la vaccinazione del personale sanitario, di quello scolastico, degli over-80 e delle forze dell’ordine o militari.

Leggi anche: Ilaria Capua: “Il virus si combatte con i vaccini, dobbiamo stare a casa altri due mesi”

Le cinque categorie prioritarie del nuovo piano vaccinale

Il testo del nuovo piano vaccinale divide la popolazione in categorie prioritarie in base all’età e alla presenza di condizioni patologiche.

Una volta ultimata la vaccinazione dei 4.4 milioni di over 80 attualmente in corso, saranno queste le 5 fasce prioritarie:

  • Categoria 1: elevata fragilità (persone estremamente vulnerabili e disabilità grave)
  • Categoria 2: persone di età compresa tra 70 e 79 anni
  • Categoria 3: persone di età compresa tra 60 e 69 anni
  • Categoria 4: persone con comorbidità di età <60 anni, senza quella connotazione di gravità riportata per le persone estremamente vulnerabili
  • Categoria 5: Resto della popolazione di età <60 anni

Si aggiunge poi che per il nuovo piano vaccinale rimangono prioritarie, a prescindere dall’età e dalle condizioni patologiche, le categorie che comprendono il personale docente e non docente, scolastico e universitario, Forze armate, di Polizia e del soccorso pubblico, servizi penitenziari e altre comunità residenziali.

Nuovo piano vaccinale: la somministrazione in azienda

Qualora le dosi di vaccino lo permettano, il Piano apre alla vaccinazione all’interno dei posti di lavoro, a prescindere dall’età, a patto che la somministrazione avvenga in sede con i sanitari ivi disponibili, così da guadagnare in termini di tempestività e rendere la rete vaccinale più capillare ed efficace.  

Confindustria ha avviato un’indagine sull’intero sistema associativo, inviando a tutte le Associazioni del territorio nazionale un questionario volto a identificare le imprese idonee ad essere configurate come siti vaccinali.

Verso un ampliamento dei vaccinatori

Accanto all’identificazione delle categorie prioritarie, si stanno portando avanti trattative per individuare il numero di vaccinatori più ampio possibile.

Nella maggior parte delle regioni mancano intese per portare a termine l’accordo con 40 mila medici di base.

Così, il Ministero della Salute sta valutando di impiegare 300 mila giovani medici e infermieri tra aprile e giugno, senza dimenticare l’accordo portato a termine con 63.300 medici odontoiatri, ora pronti a vaccinare.

Nel Lazio si apre alla possibilità di vaccinare anche nelle farmacie, che sono oltre 1500 sul territorio regionale, e presso i pediatri di libera scelta.

Vedremo se anche le altre regioni apriranno a questa possibilità.

Leggi anche: La guerra dei vaccini, sul dark web si vendono a 1.200 dollari

Non perderti nemmeno un'articolo Seguici su Google News
Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Ultime notizie