martedì, Aprile 20, 2021

“Non stringo la mano ai nazisti”, denunciata la sindaca tedesca

Marianna Chiuchiolo
Marianna Chiuchiolo
Laureata in Mediazione Linguistica, con un passato nella musica e nel teatro e un'avida curiosità per tutto ciò che riguarda scienza, arte e scrittura. Ha abbracciato da tempo la crociata della Mental Health Awareness come missione di vita. Autrice di racconti, poesie e sceneggiature perché l'immaginazione lo pretende, giocatrice di ruolo perché immaginare storie è bellissimo, ma viverle è meglio.

Si dice che non si possa fare politica a livello nazionale senza sporcarsi le mani. Ma esiste chi rifiuta di andare contro i propri principi e non accetta neanche un compromesso così innocente come un sorriso di circostanza. Parliamo di Katja Wolf, sindaca di Eisenach, una cittadina di 42mila abitanti nel cuore boscoso della Germania, che è sotto i riflettori per non aver voluto stringere la mano ai rappresentati del partito di estrema destra durante una cerimonia ufficiale. Una presa di posizione che si è trasformata in vero e proprio incidente diplomatico. Secondo una legge della Turingia, i nuovi consiglieri comunali si insediano ufficialmente dopo la stretta di mano del sindaco. Grazie a un 10% ottenuto alle urne, il partito nazional-democratico tedesco, dalle forti tendenze neonaziste, è riuscito a far eleggere 4 consiglieri. Al momento dell’insediamento, però, la Wolf ha tenuto fede ai suoi ideali anche a costo di sfidare la legge, rifiutandosi di dare la canonica stretta di mano ai 4 esponenti del NPD. Ai consiglieri questa presa di posizione non è davvero andata giù e il neonazista Patrick Wieschke ha denunciato la Wolf, chiedendo ai magistrati di obbligarla a stringere la mano a lui e ai tre nuovi consiglieri del suo partito. Ma la sindaca è decisa a continuare per la sua strada:

Con certe persone non voglio avere contatti fisici. Stringere la mano ha un alto valore simbolico, trasmette rispetto, è un atto politico. Per questo non l’ho mai stretta né a Wieschke, estremista di destra, razzista, nemico della Costituzione e pregiudicato, né ai consiglieri NPD. È una questione di principio, decido io con chi avere contatti fisici, il mio corpo mi appartiene. Rispetto i risultati elettorali, il NPD ha gli stessi diritti e doveri delle altre forze politiche e io ne sono il garante. Ma la mano no.

Leggi anche: Carola Rackete: “Se ci sarà bisogno partirò di nuovo, vergognosi i muri dell’Europa” di Marianna Chiuchiolo

Marianna Chiuchiolo
Marianna Chiuchiolo
Laureata in Mediazione Linguistica, con un passato nella musica e nel teatro e un'avida curiosità per tutto ciò che riguarda scienza, arte e scrittura. Ha abbracciato da tempo la crociata della Mental Health Awareness come missione di vita. Autrice di racconti, poesie e sceneggiature perché l'immaginazione lo pretende, giocatrice di ruolo perché immaginare storie è bellissimo, ma viverle è meglio.

Ultime notizie