Home»New Story»“Non stringo la mano ai nazisti”, denunciata la sindaca tedesca

“Non stringo la mano ai nazisti”, denunciata la sindaca tedesca

Katja Wolf, sindaca di Eisenach, è stata denunciata da un consigliere del partito di estrema destra perché durante una cerimonia ufficiale si è rifiutata di stringerli la mano per non venir meno ai suoi principi.

0
Condivisioni
Pinterest Google+

Si dice che non si possa fare politica a livello nazionale senza sporcarsi le mani. Ma esiste chi rifiuta di andare contro i propri principi e non accetta neanche un compromesso così innocente come un sorriso di circostanza. Parliamo di Katja Wolf, sindaca di Eisenach, una cittadina di 42mila abitanti nel cuore boscoso della Germania, che è sotto i riflettori per non aver voluto stringere la mano ai rappresentati del partito di estrema destra durante una cerimonia ufficiale. Una presa di posizione che si è trasformata in vero e proprio incidente diplomatico.

Secondo una legge della Turingia, i nuovi consiglieri comunali si insediano ufficialmente dopo la stretta di mano del sindaco. Grazie a un 10% ottenuto alle urne, il partito nazional-democratico tedesco, dalle forti tendenze neonaziste, è riuscito a far eleggere 4 consiglieri. Al momento dell’insediamento, però, la Wolf ha tenuto fede ai suoi ideali anche a costo di sfidare la legge, rifiutandosi di dare la canonica stretta di mano ai 4 esponenti del NPD. Ai consiglieri questa presa di posizione non è davvero andata giù e il neonazista Patrick Wieschke ha denunciato la Wolf, chiedendo ai magistrati di obbligarla a stringere la mano a lui e ai tre nuovi consiglieri del suo partito.

Ma la sindaca è decisa a continuare per la sua strada:

Con certe persone non voglio avere contatti fisici. Stringere la mano ha un alto valore simbolico, trasmette rispetto, è un atto politico. Per questo non l’ho mai stretta né a Wieschke, estremista di destra, razzista, nemico della Costituzione e pregiudicato, né ai consiglieri NPD. È una questione di principio, decido io con chi avere contatti fisici, il mio corpo mi appartiene. Rispetto i risultati elettorali, il NPD ha gli stessi diritti e doveri delle altre forze politiche e io ne sono il garante. Ma la mano no.

Leggi anche: Carola Rackete: “Se ci sarà bisogno partirò di nuovo, vergognosi i muri dell’Europa”

di Marianna Chiuchiolo

Articolo Precedente

L'intelligenza artificiale ci ruberà il lavoro? Rispondono gli esperti

Articolo Successivo

Zalone divide gli italiani, la sua satira scambiata per razzismo

Nessun Commento Presente

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *