lunedì, 19 Aprile 2021

È italiano lo studio sul monoclonale Gsk: l’anticorpo funziona anche contro le varianti

La GSK spa di Parma, specializzato in anticorpi innovativi, ha sperimentato un monoclonale in grado di ridurre fino all’85% i ricoveri e decessi per Covid in pazienti ad alto rischio.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Uno studio condotto dall’italiana Vir Biotechnology, in collaborazione con la britannica GSK, ha dimostrato l’efficacia nella lotta al Covid-19 di un anticorpo monoclonale innovativo, il VIR-7831.

La ricerca ha evidenziato che il nuovo monoclonale è in grado di bloccare l’ingresso virale del Covid nelle cellule sane e contrastare le cellule infette, motivo per il quale riesce a ridurre fino all’85% dei ricoveri e dei decessi tra i pazienti trattati precocemente.

Nuovo studio italiano sui monoclonali: buona risposta anche contro le varianti

Lo studio condotto da Vir Biotechnology e GSK promette bene. Addirittura, la ricerca è stata interrotta per “alta efficacia” e cioè è stata giudicata talmente preziosa che, per “dovere morale”, si è deciso di introdurla il prima possibile nelle cure, per non privare di un’alternativa così valida coloro ai quali sarebbe stato somministrato il placebo.

La raccomandazione degli scienziati indipendenti di sospendere l’arruolamento di nuovi volontari – si legge sul Corriere della Sera – si è basata su un’analisi ad interim dei dati di 583 pazienti che ha dimostrato una riduzione dell’85% dell’ospedalizzazione e della morte nei pazienti che hanno ricevuto VIR-7831 in monoterapia rispetto al placebo”.

E ha commentato Fabio Landazabal, Presidente e amministratore delegato di GSK:

Un dato così importante di efficacia è prima di tutto una grande notizia per i pazienti che presto potrebbero accedere a questa opportunità terapeutica in Italia e in tutto il mondo per evitare le conseguenze più gravi dell’infezione da Covid-19.

Leggi anche: Anticorpi monoclonali, cosa sono e perché si usano nella lotta al Covid-19

Lo studio sul monoclonale VIR-7831: perché funziona anche contro le varianti

monoclonale gsk efficace contro variante

Il monoclonale VIR-7831 è prodotto nello stabilimento GSK spa di Parma, dipartimento specializzato nella produzione di anticorpi monoclonali innovativi.

Lo studio che ha condotto all’individuazione del monoclonale VIR-7831, nello specifico, è stato creato da scienziati svizzeri a partire dal sangue congelato di un paziente affetto dal virus Sars1, comparso nel 2003.

Un’intuizione che ha permesso di isolare i due anticorpi che riconoscevano la Spike di Sars-CoV-2 e in grado anche di neutralizzare l’infezione provocata dal virus nella parte “invariata” di Sars-CoV-2, quella cioè comune anche nelle varianti.

Proprio per queto le due società hanno anche annunciato un ulteriore studio per testare il monoclonale VIR-7831 contro le varianti (inglese, brasiliana e africana).

È necessario fare in fretta

Intanto i Centers for Disease Control and Prevention fanno sapere che, secondo le statistiche, le popolazioni latine o ispaniche, insieme alla popolazione afroamericana, hanno tre volte più probabilità di essere ricoverate e circa due volte più probabilità di non superare l’infezione da Covid. È più che mai necessario, quindi, trovare una cura contro le varianti del Covid e farlo in fretta.

Lo studio di Vir e GSK è ancora in corso e i pazienti saranno seguiti per altre 24 settimane, ma, vista l’urgenza, le due aziende fanno sapere di voler fare domanda alla Food and Drugs Administration statunitense, e in quella di altri paesi, per accelerare sui tempi.

Leggi anche: Covid, il paziente 1 di Torino: “Non sono immune. Un anno dopo gli anticorpi sono esauriti”

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Correlati

“Nudes”, arriva su RaiPlay la serie sul revenge porn ispirata al format norvegese

Nudes è la nuova serie Tv di dieci puntate, in onda su Raiplay dal 20 aprile. L'intera serie sarà disponibile fin da subito e mira a sensibilizzare sul tema del revenge porn.

Dadone propone il test antidroga ai parlamentari, ma denuncia: “Nessuno ha detto di sì”

Test antidroga ai parlamentari. Con questa provocazione, la Ministra pentastellata per le Politiche giovanili...

Vaccini in Italia, i virologi: “Prevista una terza dose in autunno”

Il presidente della Società italiana di virologia Arnaldo Caruso afferma che sarà necessario proteggere le categorie più a rischio con una terza dose del vaccino il prossimo autunno.