mercoledì, Agosto 4, 2021

Operazione Mondo di Mezzo, confiscati a Carminati e Buzzi beni per 27 milioni

L'operazione Mondo di Mezzo, conosciuta dai più con il nome di Mafia Capitale, ha portato al sequestro definitivo di beni e immobili nei confronti degli indagati e dei loro "prestanome".

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

L’operazione Mondo di Mezzo forse è più conosciuta dai più con il nome di Mafia Capitale. Per anni la città di Roma è stata teatro di criminalità, organizzazioni a delinquere e collusione. Le indagini, svolte dal Ros dei Carabinieri e dalla Polizia di Stato, sono iniziate nel 2012 e terminate a luglio 2017. I mille giorni di Mafia Capitale (o Mondo di Mezzo) portano all’arresto del boss Massimo Carminati, Salvatore Buzzi, e altri rappresentanti della pubblica amministrazione romana.

Quest’oggi, sono stati confiscati a Massimo Carminati e Salvatore Buzzi, principali imputati nel maxiprocesso Mondo di Mezzo, beni con un valore complessivo di circa 27 milioni di euro. Tra i beni, confiscate 4 società operanti nei settori immobiliare e del commercio di prodotti petroliferi, 13 unità immobiliari e un terreno a Roma e in provincia, 13 automezzi e 69 opere d’arte di importanti esponenti della scena artistica della seconda metà del XX secolo (Pop Art, Nouveau Réalisme, Futurismo e Surrealismo). Il provvedimento è stato eseguito dalla Guardia di finanza di Roma.

Operazione Mondo di Mezzo, il provvedimento

I militari del comando provinciale della Guardia di finanza di Roma hanno eseguito la confisca definitiva di beni a Massimo Carminati, Riccardo Brugia, Roberto Lacopo, Salvatore Buzzi, Agostino Gaglianone, Fabio Gaudenzi, Cristiano Guarnera e Giovanni De Carlo, tutti arrestati, nel dicembre 2014 nell’ambito del maxiprocesso Mondo di Mezzo.

La confisca dei beni è l’epilogo delle indagini patrimoniali svolte nei confronti degli indagati e dei loro “prestanome”. Ricostruendo il curriculum criminale degli indagati e accertando la sussistenza della loro pericolosità sociale, gli specialisti del Gico hanno potuto rilevare la sproporzione tra i redditi dichiarati e i patrimoni accumulati nel tempo, necessaria affinché il Tribunale emettesse i decreti di sequestro, su richiesta della Procura della Repubblica, eseguiti a partire dalla fine del 2014.

Leggi anche: Strage di Capaci: drappi bianchi sui balconi per non dimenticare

Mafia Capitale, le confische a Carminati e Buzzi

L’arresto di Massimo Carminati nel 2014, nel processo Mafia Capitale.

Massimo Carminati, in relazione alle vicende dell’operazione Mondo di Mezzo, è stato condannato per associazione a delinquere, traffico di influenze illecite e corruzione. Il suo nome era già conosciuto dalle autorità per i trascorsi nei Nuclei Armati Rivoluzionari di estrema destra, la “Banda della Magliana” e il furto al caveau della Banca di Roma presso la Città Giudiziaria, commesso tra il 16 e il 17 luglio 1999. A Carminati sono state confiscate due ville a Sacrofano e opere d’arte per un valore di oltre 10 milioni di euro.

Salvatore Buzzi, imprenditore a capo dell’ampia rete di cooperative coinvolte nell’inchiesta e condannato per associazione a delinquere, traffico di influenze illecite e corruzione, ha visto confiscare beni per un valore di oltre 2,6 milioni di euro, oltre a due immobili a Roma e quote e patrimonio di due società.

Leggi anche: Catturato dopo la fuga Johnny lo Zingaro, l’ergastolano che terrorizzò Roma negli anni 70

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Ultime notizie