giovedì, Dicembre 1, 2022

Missili russi in Polonia: Morawiecki convoca riunione urgente del Comitato di sicurezza

Per la prima volta missili russi entrano in territorio Nato: secondo l'articolo 5 questo può comportare una risposta degli stati membri dell'Alleanza Atlantica. Tutto quello che sappiamo.

Rosarianna Romano
Rosarianna Romano, classe 1997. Formazione umanistica e interessi eclettici, sedotta dall'arte e dalla storia contemporanea, ama leggere i libri e la realtà. Nata in Puglia e bolognese d'adozione.

È la prima volta che missili russi cadono sul territorio della Nato. Circa un’ora fa due missili russi che forse avrebbero dovuto attaccare il territorio ucraino sono caduti, probabilmente per errore, sulla città polacca di Przewodow, vicinissima al confine con l’Ucraina. Il premier polacco Morawiecki ha convocato una riunione urgente del Comitato di sicurezza, prevista per le 21.

I morti sarebbero due morti e circa 7 milioni di persone in Polonia sarebbero rimaste senza elettricità. Mosca risponde che non si tratta di missili russi.

Missili russi in Polonia: cos’è successo

Due dei missili russi lanciati oggi contro l’Ucraina sarebbero caduti su Przewodow, un paese polacco vicino alla frontiera ucraina. Lo ha scritto la Bild, secondo la quale sarebbero morte due persone. I vigili del fuoco del villaggio polacco di Przewodow, nel comune di Dołhobyczów, 10 km dal confine con l’Ucraina, hanno confermato che due persone sono morte a seguito di due esplosioni che hanno colpito un sito dove si essiccano i cereali.

Anche i media Usa confermano che due missili russi sono caduti nel territorio della Polonia. Lo riporta l’agenzia Bloomberg citando l’Associated Press che, a sua volta, cita un funzionario dell’intelligence americana.

La risposta degli altri stati sui missili russi

L’Ungheria ha preso la decisione di convocare il consiglio di difesa, lo conferma il portavoce del premier Viktor Orban su Twitter. Il portavoce del Pentagono Pat Ryder, invece, dichiara:

Il nostro impegno verso l’articolo 5 della Nato è chiarissimo: difenderemo ogni centimetro di territorio della Nato. Prendiamo molto seriamente la sicurezza delle nostre truppe, ovunque si trovino.

Il ministro della Difesa lettone Artis Pabriks ha scritto su Twitter:

Le mie condoglianze ai nostri fratelli d’armi polacchi. Il regime criminale russo ha lanciato missili che hanno colpito non solo i civili ucraini, ma sono anche caduti sul territorio della Nato in Polonia. La Lettonia sostiene pienamente gli amici polacchi e condanna questo crimine.

Cosa dice l’articolo 5 del Trattato Atlantico

Secondo l’articolo 5 del trattato Atlantico un’aggressione ad uno qualsiasi degli Stati membri comporta la risposta militare da parte di tutti gli altri.

Tuttavia non c’è automatismo tra un attacco a un territorio membro dell’alleanza atlantica e una risposta.

I precedenti storici

Riguardo a incidenti nella storia, esistono due precedenti:

  • Nel 1964 l’incidente del Golfo del tonchino storicamente è considerato il casus belli che ha portato al coinvolgimento definitivo degli Stati Uniti nella guerra del Vietnam.
  • L’abbattimento dell’aereo U2 del maggiore Rudolf Anderson durante la crisi dei missili di Cuba. In quel caso, tuttavia, il presidente Kennedy non ordinò il bombardamento di Cuba.

Leggi anche: G20, stretta di mano tra Xi Jinping e Biden: “Dobbiamo dare speranza alla pace nel mondo”

Rosarianna Romano
Rosarianna Romano, classe 1997. Formazione umanistica e interessi eclettici, sedotta dall'arte e dalla storia contemporanea, ama leggere i libri e la realtà. Nata in Puglia e bolognese d'adozione.

Ultime notizie