domenica, 20 Settembre 2020

Microsoft verso Tik Tok, una rivoluzione social?

Il gigante della tecnologia statunitense sempre più vicino ad un acquisto del social della cinese Bytedance Tik Tok.

Luca Tartaglia
Luca Tartaglia
Classe 88. Yamatologo laureato in Lingue Orientali, specializzato in Editoria e Scrittura, con un Master conseguito in Diritto e Cooperazione Internazionale. Ama dedicarsi a Musica e Cultura, viaggiare, “nerdeggiare” e tutto ciò che riguarda J. J. R. Tolkien

Ormai non si tratta più di semplici rumors, perché la conferma arriva direttamente da Microsoft, ora ufficialmente in trattativa per acquistare il social di nazionalità cinese Tik Tok. Una rivoluzione per alcuni che porterebbe il gigante americano ad entrare “a gamba tesa” nel mondo redditizio dei social. E anche secondo alcuni una mossa politica di un certo spessore che coinvolgerebbe direttamente la presidenza Trump nell’operazione. Dopo una telefonata diretta tra il Presidente USA Trump e il CEO (chief executive officer) di Microsoft Satya Nadella, nel comunicato possiamo leggere:

Microsoft apprezza il coinvolgimento personale del governo degli Stati Uniti e del presidente Trump, intenzionato a continuare la sua azione a protezione della sicurezza del Paese

Microsoft e la volontà di chiudere l’affare in un mese

La Casa Bianca si è detta favorevole all’operazione finanziaria in atto e da un limite di tempo attestato al 15 settembre 2020 per concluderla. Questo anche viste le tensioni recenti tra gli States e la Cina. Quello che sembra essere in gioco non è solo il mercato social. Il reale “tesoro” dietro questa operazione sarebbe, ad affare concluso, l’enorme quantità di dati che il social Tik Tok andrebbe a consegnare alla Microsoft. Non è facile per gli analisti stimare il valore di questi dati, ma una valutazione approssimativa la vede intorno ai 100 miliardi di dollari. Valutazione che tiene conto proprio della capacità del social cinese di generare informazioni su preferenze, intenzioni, passioni e quindi propensione all’acquisto. Dati che interessano circa 800 milioni di utenti iscritti alla piattaforma, 100 dei quali solo negli Usa. Senza dimenticare che il target di Tik Tok è uno dei più allettanti per il mercato, quello di giovani e giovanissimi.

Leggi anche: Razzismo, perché Coca-Cola e altri brand ritirano la pubblicità da Facebook

Microsoft verso la vetta dei social

Microsoft entrerebbe così in maniera “aggressiva” nel mercato dei social, probabilmente rivoluzionandolo. Soprattutto tenendo conto che già possiede la piattaforma social per la ricerca del lavoro Linkedin, costata nel 2016 circa 26 miliardi. Tik Tok però si appresta ad essere tutta un’altra cosa, di un’altra “caratura”, forse permettendo finalmente al “mostro” di Seattle di competere con gli altri big dei social come Facebook e YouTube, cosa che Microsoft ha sempre cercato di fare, fin dalla nascita della piattaforma di Zuckerberg. Tentativi passati falliti a più riprese, come quello del social So.cl, chiuso pochi anni fa dopo una breve e infruttuosa vita. Tutto questo con il favore della Casa Bianca, che sembra non veder l’ora di “strappare” alla Cina una risorsa pregna di informazioni e dati da poter utilizzare nella sua battaglia commerciale con il paese del dragone.

Luca Tartaglia
Luca Tartaglia
Classe 88. Yamatologo laureato in Lingue Orientali, specializzato in Editoria e Scrittura, con un Master conseguito in Diritto e Cooperazione Internazionale. Ama dedicarsi a Musica e Cultura, viaggiare, “nerdeggiare” e tutto ciò che riguarda J. J. R. Tolkien

Correlati

Ecco chi sono e cosa fanno i figli dei VIP più famosi

Con la complicità dei social network, sono molti i figli dei VIP diventati famosi grazie ai loro cognomi privilegiati. Alcuni cavalcano solo un’onda, altri si sono distinti per le loro capacità. Scopriamo chi sono.

Covid-19, la scommessa degli esperti: vaccino a novembre

Con quasi 30 milioni di casi confermati in tutto il mondo, quella...