sabato, Febbraio 27, 2021

Mia è salva, la gattina presa a calci a cui avevano sparato in bocca

È successo a Lavinio, nel comune di Anzio. La gatta è stata ritrovata dai proprietari in fin di vita e subito portata in clinica veterinaria. Ora sta bene, non vede, ma mangia e beve. L’Enpa Roma: “Chi ha visto denunci anche in forma anonima”.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Mia è una gattina dal pelo rosso, ha quattro anni ed è un felino dolce e coccolone. Lo scorso giovedì è stata ritrovata in fin di vita dai suoi proprietari in via Giovanni Basile, una delle stradine di Lavinio, cittadina sul litorale romano nel comune di Azio. Il responsabile dell’aggressione, una o forse più persone, la dinamica non è ancora chiara, è scappato via e non se ne hanno tracce. Ma sappiamo che Mia è stata brutalmente malmenata e le è stato sparato in bocca con un’arma a piombini, che le hanno forato la lingua. Dopo l’intervento in clinica veterinaria, la gatta è entrata in coma farmacologico. Sono passati giorni, ma finalmente Francesca Passarino fa sapere a La Zampa che ora Mia è fuori pericolo. Non vede per via del trauma cranico, ma riesce a bere e mangiare. L’Enpa Roma aveva lanciato l’appello: “Chi ha visto denunci anche in forma anonima”.

Le condizioni disperate di Mia

La gatta è rimasta sull’asfalto morente mentre gli aggressori sono scappati via. Si pensa a una banda di bambini, ma non ci sono testimoni che aiutino Francesca a individuare i responsabili di tale gesto. Mia è stata trovata in condizioni disperate dal marito di lei. Era sotto una macchina, ricoperta di sangue e con la bocca aperta. Portata al centro veterinario di Anzio, è stato scoperto che aveva un buco sulla lingua provocato da una pistola a piombini. Le è stato riscontrato anche un trauma cranico da cui si deduce che sia stata presa a calci o percossa, forse con qualche oggetto. Subito ricoverata, ha avuto le convulsioni ed è entrata in coma farmacologico. Si è risvegliata solo ieri.

Leggi anche: Senza rispetto per gli animali non avremo un futuro

La gattina ora sta bene

Francesca ha fatto sapere che Mia si è risvegliata e sembrerebbe essere fuori pericolo. La gattina è traumatizzata, ma sta molto meglio. È a casa sua e sta mangiando, nonostante la mandibola fratturata. Ha scritto la proprietaria:

Finalmente Mia è fuori pericolo. È qui con noi, nella sua casa, ma non vede ancora a causa del trauma cranico. Non l’hanno potuta operare alla mandibola, come i medici veterinari volevano fare, perché a causa di questo trauma non poteva subire un intervento. Ma per fortuna sembra che la mascella piano piano si stia stabilizzando da sola. E sta molto meglio. Adesso sta dormendo beata.

Si cercano i responsabili

Le indagini per risalire agli autori del crudele gesto sono ancora in corso. E anche Enpa, Ente nazionale protezione animali, nei giorni scorsi ha rilasciato sul sito e sulla sua pagina Facebook, un appello per incoraggiare eventuali testimoni a denunciare la brutalità. Fa sapere Francesca:

Stiamo continuando le ricerche. Siamo sicuri che prima o poi scopriremo chi è stato. Ma ora la cosa più importante è che la nostra Mia sia salva.

Leggi anche: Novità Spotify: playlist per animali domestici lasciati a casa da soli

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Ultime notizie