domenica, Settembre 27, 2020

Marta Russo e il mistero della Sapienza, il libro che le restituisce giustizia

Avatar
Silvia Buffohttp://www.ildigitale.it
Silvia Buffo, 1985. Giornalista e imprenditrice, è founder dell'azienda Identità Digitali e direttore de Il Digitale. Ricercatrice in Letteratura italiana su tematiche di scrittura e web, amante della classicità, filologia e linguaggi. Si occupa di formazione, tenendo a Roma seminari sul Web Writing. Si autodefinisce un’idealista, scrive di innovazione e cultura. “La bellezza è promessa di felicità” è il suo motto, che ha delicatamente rubato a Stendhal.

Il 9 maggio 1997 Marta Russo, una studentessa dell’Università La Sapienza di Roma viene colpita da un proiettile che la ferisce mortalmente alla nuca. È l’inizio di un incubo per tutti gli studenti dell’ateneo più grande d’Europa. Chi può aver sparato? Le indagini si concentrano prima sul mondo torbido della detenzione di armi all’interno dell’Università, poi però virano verso due giovani assistenti della Facoltà di Filosofia del Diritto: Giovanni Scattone e Salvatore Ferraro, che poi, per quell’omicidio verranno condannati dopo cinque gradi di giudizio.

Il caso Marta Russo, enigma senza fine

Ma molte domande rimangono senza risposta: perché avrebbero sparato? Chi sono i testimoni che li hanno visti compiere questa follia? Quante domande si celano ancora senza una risposta credibile attorno a quello sparo? Lo scrittore e giornalista Mauro Valentini per Armando Editore riscrive la storia tragica di Marta e del caos processuale seguito alla sua morte, svelando molti particolari inediti di quello che rimane, nonostante la sentenza passata in giudicato, ancora un vero enigma.

Ho scritto un libro sul caso Marta Russo perché credo che nulla sia stato chiarito in sede processuale di quello che è realmente accaduto alla Sapienza quel 9 maggio 1997. Ho voluto raccontare una storia che, a rileggerla a distanza di tanti anni, dimostra come la ricostruzione che si è voluta dare a quell’azione criminale non sia affatto chiara. Perché quella sentenza ha scontentato tutti e soprattutto, come afferma nella prefazione del libro Sandro Provvisionato, non ha fatto Giustizia.

Un libro per la giustizia di Marta Russo.

Avatar
Silvia Buffohttp://www.ildigitale.it
Silvia Buffo, 1985. Giornalista e imprenditrice, è founder dell'azienda Identità Digitali e direttore de Il Digitale. Ricercatrice in Letteratura italiana su tematiche di scrittura e web, amante della classicità, filologia e linguaggi. Si occupa di formazione, tenendo a Roma seminari sul Web Writing. Si autodefinisce un’idealista, scrive di innovazione e cultura. “La bellezza è promessa di felicità” è il suo motto, che ha delicatamente rubato a Stendhal.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Libellula significato, simbologia e leggende

Libellula significato e spiritualità. Un insetto dai mille colori che affascina con il suo volo leggero incarnando diversi significati a seconda delle culture

Ultimi

Maltempo in Italia, ecco cosa sta succedendo nella Penisola

Crollano le temperature con minime fino a 10°C. Piogge, nubifragi e temporali interesseranno tutta la Penisola.

Omicidio Aldrovandi 15 anni dopo: La mamma: “Non lo dimenticate”

Il 25 settembre 2005 alle ore 6:04 del mattino moriva a Ferrara Federico Aldrovandi, giovane di 18 anni pestato a morte da quattro agenti di Polizia. Condannati per eccesso colposo in omicidio colposo, i quattro hanno scontato una pensa di 6 mesi.

Come sta Alex Zanardi? Il San Raffaele: “Progressi significativi ma quadro generale complesso”

Alex Zanardi presenta progressivi miglioramenti ma il quadro generale resta complesso e...

Vestirsi nero, cosa significa e perché piace così tanto

“Quando troverò un colore più scuro del nero, lo indosserò. Ma...

Metodo Montessori, che cos’è e cosa prevede

Quando parliamo di scuola, di educazione e di crescita, il più delle...