sabato, Ottobre 31, 2020

Mai come in questo momento l’Italia ha bisogno di uno Stato forte

Domenico Di Sarno
Domenico Di Sarno
Informatico e amante dei libri di ogni genere perché fortemente convinto che la cultura sia come il cibo, ne serve ogni giorno per nutrire la mente.. Appassionato di storia e diritto costituzionale.

Per tanto tempo, soprattutto negli ultimi 20 anni, si è discusso circa la dismissione di molti apparati dello Stato che appesantirebbero il sistema pubblico rendendo quindi troppo dispendioso il bilancio. Esistono ancora oggi fautori della politica delle liberalizzazioni che, erroneamente, si vedono in contrasto con chi vorrebbe potenziare l’apparato statale rivendicando una maggiore libertà per l’iniziativa privata. Negli ultimi tempi si è arrivati addirittura a ipotizzare la liberalizzazione di capitali a sostegno dell’economia reale.

La liberalizzazione, una buona scelta?

Dal punto di vista della governance finanziaria questa idea potrebbe avere poco fondamento, tuttavia il significato della parola liberalizzazione, per incoraggiare ed incrementare l’iniziativa privata, potrebbe essere efficace. Il significato di questa riflessione però invita a porre l’attenzione su quanto sia stressato il sistema Stato dalla recente epidemia di coronavirus che è tuttora in corso. Nella fattispecie, da più parti si invita a dismettere Il “carrozzone statale”, almeno questa era l’espressione utilizzata fino a pochi giorni prima che scoppiasse l’epidemia di covid-19 a Codogno. Leggi anche: Coronavirus, le scuole non riapriranno neanche a settembre?

Perché l’amministrazione necessita di “braccia oltre la mente”

Attualmente il governo italiano fatica a sostenere le misure di contenimento e il sistema sanitario ha corso il rischio di collassare, toccando in alcuni casi, dei punti di criticità. Probabilmente occorre interrogarsi sull’opportunità di potenziare l’apparato statale, e nella fattispecie i servizi essenziali, forze dell’ordine, 118, medici, infermieri, tecnici comunali e di enti pubblici. L’incremento di questi apparati permetterebbe allo Stato di offrire maggiori servizi, con maggiori garanzie di sicurezza, assistenza e ridistribuzione della ricchezza. Negli ultimi anni le forze dell’ordine, le forze armate e la sanità hanno subito dei tagli pianificati in maniera molto approssimativa che in alcuni casi hanno sfiorato il 20%. Leggi anche: L’Eurogruppo ha trovato l’accordo: pacchetto di dimensioni senza precedenti

Tagli ai servizi essenziali, una scelta scellerata?

Non si tratta soltanto di tagli alla spesa e al costo di questi enti ma anche al personale vero e proprio che una volta pensionato non è stato sostituito. Tutto questo genera un minore costo per le casse dello Stato ma anche una minore offerta lavorativa nella pubblica amministrazione. Snellire le procedure e semplificare la pubblica amministrazione è cosa buona e giusta ma non è altrettanto opportuno fare tagli incontrollati e indiscriminati alle dotazioni per l’autoritarietà dello Stato che va esercitata proprio attraverso la garanzia di assistenza ai propri cittadini. Si tratta di servizi costituzionalmente garantiti così come quello all’iniziativa privata. La Corte Costituzionale stessa, organo di equilibrio e di garanzia, oppure come viene definito dai Giuristi di livellamento, ha più volte teso a precisare che non ci deve essere conflitto tra valori equamente garantiti in Costituzione in quanto non si tratta di materia in senso proprio ma di materie-valore, ossia di importanza per tutta la collettività.

Questo Leviatano chiamato carrozzone è indispensabile

Sarebbe quindi inopportuno attaccare ancora una volta il sistema Stato, definendolo un “carrozzone” in quanto, in questo momento sono gli uomini e le donne del personale dello Stato che stanno permettendo l’applicazione e la sussistenza delle misure di contenimento che accanto a una responsabile osservazione delle regole da parte del Popolo, ci permetteranno di uscire da questa epidemia. Leggi anche: Conte: “Non possiamo aspettare che il virus scompaia, dobbiamo conviverci”   di Domenico Di Sarno

Domenico Di Sarno
Domenico Di Sarno
Informatico e amante dei libri di ogni genere perché fortemente convinto che la cultura sia come il cibo, ne serve ogni giorno per nutrire la mente.. Appassionato di storia e diritto costituzionale.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

Addio a Sean Connery. A 90 anni è morto il James Bond più amato del mondo

Lutto nel mondo del Cinema internazionale, a 90 anni è morto Sean...

Tra e-commerce e delivery, il panettone farcito arriva a casa tua

Restare a casa e uscire solo se strettamente necessario. Questa è la...

Beatrice Venezi, new entry nella squadra sanremese di Amadeus

Un altro importante riconoscimento per Beatrice Venezi: farà parte della giuria delle...

Bioedilizia e costruzioni sostenibili, quando anche l’abitare diventa green

La bioedilizia si innesta su quel filone green che guarda a un futuro di crescita e sviluppo al passo con la tutela ambientale, che vuole rimettere al centro il paesaggio naturale, rendendolo protagonista della sua evoluzione.

Halloween ai tempi del Covid, a rischio dolcetto o scherzetto

Dolcetto o scherzetto? La tradizione della festa di Halloween la notte del 31...