lunedì, Ottobre 26, 2020

Conte: “Non possiamo aspettare che il virus scompaia, dobbiamo conviverci”

Il premier Conte, ora in diretta da Palazzo Chigi, annuncia un nuovo decreto:

Proroghiamo le misure restrittive fino al 3 maggio, una decisione difficile ma necessaria di cui mi assumo tutte le responsabilità politiche. Non possiamo vanificare gli sforzi sin qui fatti. Si rischierebbe un aumento dei decessi e delle vittime. Se cediamo adesso rischio ripartire daccapo, tenere alta attenzione anche Pasqua. L’auspicio è che dopo il 3 maggio si possa ripartire con cautela e gradualità ma ripartire: dipenderà dai nostri sforzi. Dal 14 aprile aperte cartolibrerie e librerie, anche negozi per neonati e bambini, e taglio boschi.

Dobbiamo mettere la salute al primo posto

Continua il presidente:

Dobbiamo mettere la salute al primo posto ma tutelare tutti gli interessi in campo, il tessuto socio-economico e produttivo. La nostra determinazione è quella di allentare il prima possibile le misure di tutte le attività produttive per poter far ripartire quanto prima e in sicurezza il motore del nostro paese a pieno regime.

Leggi anche: Coronavirus, le scuole non riapriranno neanche a settembre?

Il lavoro per la fase 2 è già partito

Prometto che se anche prima del 3 maggio si verificassero le condizioni, cercheremo di provvedere di conseguenza. Dal 14 aprire riapriamo cartolibrerie, librerie, negozi, soprattutto quelle per neonati e bambini, avevamo ricevuto tante richieste, quindi apriamo con ponderazione queste attività. Dobbiamo inoltre consentire il taglio dei boschi, garantire i combustibili fossili, la legna e alcune altre attività forestali. Il lavoro per la fase 2 è già partito, non possiamo aspettare che il virus scompaia del tutto dal nostro territorio. Servirà un programma articolato e organico su due pilastri: un gruppo di lavoro di esperti e il protocollo di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Ripensare anche alla qualità della vita

Per questa nuova fase ci avvarremo di un gruppo di esperti, che conterrà varie professionalità, sociologi, psicologi, esperti di organizzazione del lavoro, manager, dialogheranno con il comitato tecnico scientifico in modo da avere la possibilità di modificare le logiche del lavoro sin qui consolidate, di ripensare alcuni radicali modelli di vita economici e sociali, dobbiamo inventarci e proporre nuovi modelli organizzativi più innovativi che tengano conto della qualità della vita.

Mettere in sicurezza il lavoratori

Benessere sostenibile e protocollo della sicurezza sulla lavoro. È la nostra Bibbia da cui ripartire. Si raccomanda alle aziende di approfittare di questo momento per sanificare le condizioni di lavoro nella massima sicurezza, predisponendosi già ora per le misure di protezione. L’obiettivo è quello di contenere sempre l’indice di contagio. Dobbiamo anche pensare alcune logiche dei trasporti, la logistica, evitando i mezzi che creano assembramenti.

Leggi anche: L’Eurogruppo ha trovato l’accordo: pacchetto di dimensioni senza precedenti

Ripartire quanto prima e in sicurezza

La nostra determinazione è allentare il prima possibile le misure per tutte le attività produttive per far ripartire quanto prima in piena sicurezza il motore del nostro Paese a pieno regime: non siamo ancora nella condizione di farlo, dobbiamo attendere ancora. Le aziende sanifichino luoghi lavoro da ora.

Sull’Europa, convinceremo tutti con determinazione

La proposta europea la valuto nel suo complesso nel Consiglio europeo: lottiamo per gli Eurobond. La risposta comune o è ambiziosa o non è, non abbiamo alternative. Non firmerò sino a quando non avrò un ventaglio di strumenti adeguato alla sfida che stiamo vivendo, che non riguarda l’Europa e tutti gli stati membri. Sono convinto che con la nostra tenacia e la forza della ragione riusciremo a convincere tutti.

Leggi anche: La scienza sconfiggerà il coronavirus: “Siamo nel 2020, non è la peste del 300”

   

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

Gerry Scotti: “Ho il Covid, purtroppo prima o poi ce lo faremo tutti”

Il noto conduttore televisivo, volto di punta di Mediaset ha ammesso di...

Fondo perduto e indennizzi, tutte le misure in arrivo con il nuovo Dpcm

Il Governo ha previsto ristori veloci per circa 350mila attività: rimborsi alle imprese che da oggi sospendono le attività e sostegno per quelle obbligate a rispettare il coprifuoco in vigore.

Nuovo Dpcm, da oggi cambiano le abitudini degli italiani. Ecco come

Entrato in vigore questa notte e valido fino al 24 novembre, il...

Chi è Andrea Dermanis, lo storico fidanzato di Mika

È un regista e documentarista, impegnato nel mondo dell’intrattenimento e della musica. L’incontro con Mika è avvenuto dietro le quinte di uno show televisivo, quasi quindici anni fa, e sono insieme da allora.

Riccardo Muti a Conte: “Chiudere i teatri è ignorante e insensibile. Ci ripensi”

L'ultimo Dpcm del Governo chiude i luoghi della cultura come cinema, teatri...