martedì, Gennaio 26, 2021

Selvaggia Lucarelli contro Alberto Zangrillo: “Gli italiani non sono coglioni”

Dopo il ricovero di Berlusconi, Selvaggia Lucarelli contro Zangrillo, sostenitore della tesi che parla di una riduzione della carica virale del virus. La giornalista attende che il Prof. Zangrillo ammetta la sua arroganza e la sua superficialità.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Flavio Briatore, positivo al Covid. Era stato ricoverato al San Raffaele per quella che sembrava essere una prostatite ma che invece era Coronavirus. Oggi in quarantena, ospite di Daniela Santanché. Silvio Berlusconi, anch’egli positivo al Covid. Prima asintomatico, ora ricoverato sempre al San Raffaele per tracce di una polmonite bilaterale. Cosa hanno in comune i due imprenditori? Oltre all’amicizia, il medico: Alberto Zangrillo, virologo e primario di Anestesia e Rianimazione e prorettore dell’università Vita-Salute San Raffaele di Milano, noto per le sue dichiarazioni shock sul Covid. La pungente Selvaggia Lucarelli dice la sua ed è Lucarelli contro Zangrillo.

Zangrillo e le sue dichiarazioni sul Covid

zangrillo negazionista covid
Dopo i casi Covid di Briatore e Berlusconi c’è chi punta il dito contro le note dichiarazioni del loro medico, Alberto Zangrillo, sostenitore della tesi che parla di una riduzione della carica vitale del virus.

Partiamo dall’inizio. Il Prof. Alberto Zangrillo, qualche mese fa, aveva fatto una dichiarazione forte in merito ai contagi da coronavirus. Il virologo, medico di Briatore e Berlusconi, aveva dichiarato che:

Il virus, praticamente, dal punto di vista clinico non esiste più.

Ma poche settimane fa, durante un suo intervento su “In Onda” (La 7), il Prof. Zangrillo avrebbe dichiarato che:

Essere contagiati non significa essere malati.

Leggi anche:Silvio Berlusconi ricoverato a Milano: tracce di polmonite bilaterale da Covid

Zangrillo, minimizza il Covd?

Lo studio postato sul suo profilo Facebook dal Prof. Alberto Zangrillo.

Insomma, il medico sembrerebbe minimizzare la situazione che l’Italia sta ancora affrontando per via dei contagi da Coronavirus. Proprio in queste ultime ore, il Prof. Zangrillo sul suo profilo Facebook ha postato uno studio relativo alla carica virale del Sars Cov 2. Ecco cosa spiega il virologo del San Raffaele:

Gli autori di questo studio hanno dimostrato un collegamento diretto tra carica virale e la gravità dei pazienti e il loro outcome. I pazienti sottoposti a ventilazione meccanica e deceduti avevano una carica virale di #SARSCoV2 otto volte superiore a quelli sopravvissuti e non intubati. Inoltre, una bassa carica virale è risultata indipendentemente associata ad un ridotto rischio di essere intubati e morire.

Leggi anche:Briatore: “Non è prostatite ma Covid”. Ora è in isolamento al San Raffaele

Zangrillo e il Covid, carica virale ridotta

Come scrive sul suo profilo Facebook il primario del San Raffaele, anche studi eseguiti dal suo team evidenziano una correlazione tra riduzione della carica virale e la variazione del quadro clinico dei soggetti infettati. Ecco perché, sempre secondo Zangrillo, a Maggio-Agosto, rispetto a Febbraio-Aprile ci sono stati malati asintomatici o che comunque che non necessitavano del ricovero in terapia intensiva.

Leggi anche: Zangrillo: “Io negazionista Covid? I colleghi ne risponderanno”

Lucarelli contro Zangrillo

Lucarelli contro Zangrillo. La giornalista aspetta che il medico ammetta la sua superficialità nei confronti della malattia da Covid.

Dopo i casi Covid di Briatore e Berlusconi, il web contesta le dichiarazioni di Alberto Zangrillo e le sue teorie sul Coronavirus. La giornalista Selvaggia Lucarelli, su TPI sostiene che:

Zangrillo ha un problema di comunicazione. E per due ragioni: di toni e contenuto. “Il virus clinicamente non esiste più”- la frase più contesta – significa che il virus ha perso la sua carica virale più virulenta e i pazienti si ammalano senza aggravarsi troppo. In realtà Zangrillo non ha detto nulla di folle, ma di incompleto, di scarsamente decifrabile per la maggior parte dei non addetti ai lavori e di scivoloso. Cosa non da poco, nel mezzo di un’epidemia.

Leggi anche: Lucarelli, Ordine Giornalisti la deferisce: ecco la replica

Lucarelli contro Zangrillo, reputazione medica a rischio?

Ma la giornalista di Tpi e blogger di @stanzaselvaggia, dopo il ricovero di Berlusconi caldamente richiesto proprio dal Prof. Zangrillo per tutelare la salute del Cavaliere, si dice stupita, ironicamente parlando, del fatto che Zangrillo oggi sia preoccupato dal virus. Ma non era inoffensivo e clinicamente morto? Ecco cosa scrive Lucarelli:

Visto che “gli italiani sono un popolo di coglioni” preda di isteria collettiva, come ha affermato lui stesso un paio di mesi fa, e che non c’è da preoccuparsi. E invece s’è preoccupato. Perché qui non è in ballo solo la salute di Silvio Berlusconi, ma la credibilità della corrente negazionista e, soprattutto, la sua reputazione di medico. Del resto, la macchia su un polmone va via, quella su una carriera meno.

Leggi anche: Coronavirus, Oms: nel mondo la pandemia sta rallentando

Tutti contro Zangrillo

Mentre Selvaggia Lucarelli, insieme al popolo italiano, attende di vedere come il Prof. Zangrillo esca da questa situazione imbarazzante e grave, ammettendo la sua arroganza e la sua superficialità nella gestione della malattia, anche il biologo Enrico Bucci, docente negli Usa alla Temple University of Philadelphia, sui social ha detto la sua usando toni ironici:

Tanti auguri di pronta guarigione. A tutti i pazienti infettati da un virus dichiarato clinicamente estinto dal loro medico.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Ultime notizie

Cinque anni dalla scomparsa di Giulio Regeni, Mattarella: “L’Egitto dia risposte adeguate”

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella “in questo giorno di memoria” rinnova la solidarietà alla famiglia Regeni e chiede un impegno “comune per giungere alla verità”.

Olimpiadi Tokyo 2021, Italia verso l’esclusione. Entro mercoledì la decisione del CIO

Entro mercoledì 27 gennaio arriverà la decisione del CIO sull'esclusione dell’Italia dalle...

Covid, spunta l’idea di una zona rosso scuro in Europa: cos’è e quali le regole per viaggiare

Dall'Europa arriva l'idea di istituire la zona rosso scuro per indicare dove la circolazione del virus è molto alta. Ecco cos'è, pechè è necesssaria e quali sono le regole.

Brescia, arrestato primario: “Ha indotto la morte di pazienti Covid con farmaci non idonei”

È successo a Montechiari, presidio degli Ospedali Civili di Brescia. Il primario Carlo Mosca è ora accusato di omicidio volontario.

Manifestazioni e proteste in Russia e nel mondo per la liberazione di Alexey Navalny

Mentre l'ormai noto oppositore di Putin, Alexey Navalny, è in carcere, in Russia, ma non solo, si rivendicano democrazia e libertà e si chiede la liberazione del dissidente avvelenato.