Home»Digitale Life»Messi campione di solidarietà, finanzia il più grande centro pediatrico oncologico d’Europa

Messi campione di solidarietà, finanzia il più grande centro pediatrico oncologico d’Europa

Un campione dentro e fuori il campo: Lionel Messi raccoglie 33 milioni di euro per aprire a Barcellona il centro pediatrico per i bambini malati di cancro più grande d’Europa.

0
Condivisioni
Pinterest Google+

Uno dei giocatori più forti degli ultimi anni, un fuoriclasse a tutti gli effetti, idolo degli appassionati di calcio quanto dei bambini. Lionel Messi segna una delle reti più belle della sua carriera, ma stavolta non lo fa sull’erba. Attraverso la sua Fundación Leo Messi, è riuscito a coinvolgere, dal 2017, centomila persone e 150 aziende, raccogliendo 27,8 milioni di euro per la creazione del SJD Pediatric Cancer Center. Il reparto di oncologia pediatrico aprirà nel 2020 all’interno dell’ospedale Sant Joan de Déu di Barcellona. Per arrivare a quota 33, Lionel si è impegnato in prima persona, mettendo il restante di tasca propria.

Un centro all’avanguardia, a misura di bambino

Il nuovo centro potrà accogliere e curare 400 pazienti all’anno, un numero più elevato rispetto agli altri presenti nella capitale catalana.

In occasione della posa della prima pietra, Messi ha dichiarato: 

Per me è un momento molto felice. Sono contento di aver contribuito a questo progetto e di aver contribuito a farlo diventare realtà. Grazie a tutte le persone che hanno collaborato per la sua realizzazione. Spero che grazie al nostro aiuto i bambini possano continuare a combattere quella malattia crudele che è il cancro. Spero che tutti insieme possiamo sconfiggerla, sono molto contento di poter contribuire a realizzare questo sogno

La direzione del Sant Joan de Déu ha voluto ringraziare l’argentino per il raggiungimento dell’obiettivo con un video indirizzato alla sua fondazione. Nel video svetta una piramide umana là dove verrà costruito il centro, e raggiunge le finestre di un bambino malato, nell’atto di segnarsi il volto con due dita. È il gesto che rappresenta la campagna di crowdfunding #ParaLosValientes, per i coraggiosi, di cui Lionel Messi è ambasciatore: due linee sulle guance come i guerrieri. Il giocatore ha utilizzato lo stesso gesto anche in campo a Siviglia, dopo aver fatto gol, a simboleggiare la lotta contro il cancro.

Piccoli guerrieri per grandi vittorie

E proprio come guerrieri, i bambini oncologici si battono ogni giorno contro la malattia: il gesto di Messi li aiuterà ancora di più a fronteggiare la loro condizione, per superare la paura e arrivare il prima possibile alla vittoria.

Il penta Pallone d’Oro non è nuovo alla solidarietà nei confronti dei bambini: recentemente ha ricevuto il Pallone educativo 2019 dal presidente della fondazione creata da papa Francesco, Scholas Occurrentes. In Mozambico, si batte contro la malnutrizione infantile. Un pallone di stoffa, creato a mano da bambini mozambicani, che premia i valori sportivi espressi dal calciatore, fuori e dentro il campo. La sua tenacia, infatti, è stata presa da modello per i più piccoli, anche considerando il fatto che sin da bambino lotta contro una insufficienza ormonale che non gli ha impedito di diventare il calciatore più decorato nella storia del Barcellona.

Leggi anche: Il piccolo giulio è nato senza il braccio destro, la raccolta fondi per donargli una mano bionica

 

di Enrica Vigliano

Articolo Precedente

La pizza allunga la vita, una ricerca scientifica lo conferma… e vince l’Ignobel

Articolo Successivo

“Mi sono buttato senza pensarci”, bambino caduto dal balcone salvo grazie al ragazzo dell’autolavaggio

1 Comment

  1. […] Leggi anche: Messi campione di solidarietà, finanzia il più grande centro pediatrico oncologico d’Europa […]

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *