Letterine a Babbo Natale, cosa chiedono i bambini: dalla macchina delle bugie alla guarigione del nonno

È arrivato Natale e come ogni anno i bambini sperano di trovare il loro giocattolo preferito sotto l'albero. Ma ci sono alcuni che, invece, avanzano alcune particolari richieste.

Ilaria De Santis
Ilaria De Santis
Classe 1998. Esperta in Editoria e scrittura, è molto attenta ai dettagli, scrive poesie e canzoni ed è appassionata di musica, serie TV e sceneggiatura. “In tristitia hilaris, in hilaritate tristis”.
spot_img

Natale è arrivato. E come ogni anno sono migliaia i bambini che chiedono al caro Babbo Natale un regalo in particolare, da quel giocattolo visto nelle pubblicità, ma non solo.

C’è anche chi chiede di fargli fare pace con gli amici del cuore in seguito a una litigata e chiede la pace per i bambini israeliani. Come riporta il “Corriere della Sera” sono tante le letterine di quest’anno arrivate al centro di smistamento di Poste Italiane di Roserio (MI). Cosa vogliono i bambini?

Quali sono i regali più richiesti dai più piccoli?

Nel centro di smistamento Milano Roserio, uno dei più grandi in Lombardia, sono arrivate in questi giorni oltre 5mila lettere, come affermano da Poste Italiane. I bigliettini sono ben decorati con disegni, nastri, parole e il destinatario è solo uno, come una è la meta cui saranno spediti: il caro Babbo Natale che vive in Lapponia e si appresta a esaudire tutti i desideri con le renne e la sua slitta.

A Natale ogni bambino chiede a chiare lettere un dono a cui sta pensando da tempo. I regali più richiesti sono i videogiochi e i Pokémon, ma anche la sabbia magica e le bambole. Pochi hanno chiesto a Babbo Natale un libro da leggere, e i preferiti dai bambini sono i fumetti.

Ma non solo giocattoli, quest’anno i bambini hanno giocato molto con la fantasia e c’è chi chiede un guanto di peluche a forma di gatto, un aquilone a forma di pipistrello e persino la macchina delle bugie. Francesco vuole i Lego, mentre Miriam un criceto da coccolare ed Erika per ringraziare Babbo Natale scrive che preparerà assieme alla sua mamma gli arancini.

Cosa scrivono i bambini nelle lettere per Natale?

Artemisia dice a Babbo Natale di essersi meritata i regali, perché “ho sempre fatto i compiti, sono andata dalla mia dottoressa pediatra e ho preso tutte le medicine”, mentre Francesco cerca di difendersi: “Io quest’anno non sono stato bravo, ma è stata tutta colpa di mio fratello Filippo”.

Ma c’è anche chi chiede dei piccoli favori, come Letizia che vuole fare pace con il suo migliore amico e Christian che avanza una proposta: “Caro Babbo Natale, quest’anno ti chiedo la pallina blu che per sbaglio ho rotto ai miei genitori e un pianoforte da regalare a mio nonno”.

Non solo giocattoli: quali sono i desideri dei bambini?

Alcuni bambini non chiedono dei regali per sé, ma pensano in grande. Martino chiede a Babbo Natale di vedere i suoi genitori di nuovo insieme, mentre Pietro, dopo un ‘Ti voglio bene’ a inizio lettera chiede: Spero che farai finire la guerra e dai da mangiare a tutti quei bimbi poveri. Portargli dei soldi e tutto quello che non hanno, per favore”.

Matilde, invece, vuole vedere la neve per giocarci con tutta la sua famiglia, ma il dono più grande che vorrebbe ricevere è questo, scritto in maiuscolo: “Ti prego, fai guarire il nonno dalla malattia”. I bambini non smettono mai di stupirci, grazie alla magia del Natale.

Leggi anche: Natale censurato in Italia, dalle recite scolastiche vietate al nome di Gesù storpiato: tutte le proteste

spot_img

Correlati

Casalinghe 4.0, contro il patriarcato e appassionate di tech e domotica

Casalinghe, categoria ormai estinta? Al momento l'indagine più completa è quella dell’ISTAT del 2016....

Vacanza romantica, dove andare? Dalle città d’arte al soggiorno relax

Mission vacanza romantica. Febbraio non è solo il mese del carnevale, ma soprattutto dell’amore...

Come è cambiato il modo di cercare una babysitter? Oggi si fa tramite app

Sempre più genitori cercano oggi una babysitter per accudire i propri figli, e la...
Ilaria De Santis
Ilaria De Santis
Classe 1998. Esperta in Editoria e scrittura, è molto attenta ai dettagli, scrive poesie e canzoni ed è appassionata di musica, serie TV e sceneggiatura. “In tristitia hilaris, in hilaritate tristis”.
spot_img