Home»Digital Life»Le eco-spiagge italiane per una vacanza green

Le eco-spiagge italiane per una vacanza green

Quest’estate molte spiagge italiane hanno detto no a plastica e sigarette sotto l’ombrellone. Ecco le mete per una vacanza green e sostenibile.

0
Condivisioni
Pinterest Google+

Viaggiare rispettando l’ambiente è un dovere. Quella dell’eco turismo è una moda in crescita negli ultimi anni: sempre più persone, consapevoli dell’importanza di rispettare ciò che ci circonda, decidono di dire basta alle solite abitudini e fare la scelta consapevole di rispettare l’ ambiente e le popolazioni locali, valorizzando le risorse naturali e storiche di un territorio. Se siete anche voi viaggiatori responsabili alla ricerca di un soggiorno sostenibile per organizzare il vostro itinerario estivo, ecco alcune curiosità sulle migliori eco-spiagge d’Italia.

Bibione: prima spiaggia smoke free in Italia

È la prima spiaggia in Italia a bandire le sigarette: la località balneare veneta di Bibione è il faro del movimento smoke free, che ha coinvolto ben ventuno comuni italiani. Slogan dell’iniziativa è appunto “Respira il mare”. Addio, quindi,  ai mozziconi abbandonati sulla battigia e benvenuto a un nuovo modo di vivere la vacanza nel rispetto dell’ambiente circostante e del prossimo. Un lavoro non solo di tutela dell’ambiente, ma anche uno sforzo di sensibilizzazione grazie a espedienti come la distribuzione di materiale informativo, posacenere da collocare nella località balneare e il posizionamento di cartelli che indichino l’inizio della no smoking area.

Leggi anche: Le 12 spiagge italiane dove vorrai andare in vacanza

Stintino e La Pelosa, la battaglia per preservare la sabbia

L’area della Pelosa e la spiaggia di Stintino lottano contro l’asportazione della sabbia. Nasce quest’anno e fa la sua prima apparizione in questa località sarda la figura del vigilante speciale, il cui compito sarà quello di controllare che i bagnanti usino stuoie apposite, che non danneggino l’ambiente e che stiano attenti a sciacquarsi i piedi all’uscita dalla spiaggia. Oltre ai teli rigidi, verranno anche distribuite all’ingresso della spiaggia delle eco shopper, un altro segnale della crescita di questa meta per un turismo più sostenibile. Stintino e le sue spiagge sono un gioiello, una lingua di terra bagnata da un mare turchese e limpido, una paradiso che deve essere preservato come patrimonio ambientale per le nuove generazioni.

Oltre 40 spiagge plastic-free in Italia

Niente più cannucce monouso e bottigliette di plastica per gustarsi un mojito ghiacciato o una birra. Questi sono solo alcuni degli oggetti che spariranno da oltre 40 spiagge italiane in questa estate 2019: da Vieste a Sperlonga, da Capri a San Teodoro, da Viareggio a Rimini. La lotta alla plastica è uno dei temi più dibattuti degli ultimi anni, un materiale al primo posto tra i rifiuti che soffocano i nostri arenili. La direttiva UE del marzo scorso mira alluso di materiali alternativi come carta, bambù o materiale compostabile. Per i trasgressori sono previste multe salatissime che possono arrivare fino a 500 euro, mentre il Lazio è la regione più anti fumo, con le sigarette bandite da Anzio, Ladispoli, Latina e Ponza.

Leggi anche: Alex Bellini: “Io in guerra contro la plastica”

Savona, la sfida dell’energia rinnovabile

Nella località ligure lo stabilimento bagni di S. Antonio punta sull’energia rinnovabile, con pannelli solari termici installati per riscaldare l’acqua delle docce e le tante proposte di prodotti frutto del commercio equo-solidale o a chilometro zero. Un altro esempio della sensibilità ambientale che si respira nella spiaggia di Savona è la presenza di una fontanella di acqua potabile refrigerata: tutti i bagnanti possono usufruirne gratuitamente, evitando l’uso della plastica monouso. Un’oasi di benessere, relax e sostenibilità che vi conquisterà non solo per lo splendido mare, ma per i tanti servizi offerti come lo spazio ricreativo per i bimbi, un campo da beach volley, il wifi gratuito su tutta la spiaggia e una piccola biblioteca a disposizione dei clienti con un vasto assortimento di riviste.

di Federica Tuseo

Articolo Precedente

Il caso Coding Girls, investire sul digitale per la parità di genere

Articolo Successivo

Disability Pride, la festa di chi crede in un mondo senza barriere

Nessun Commento Presente

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *