domenica, Maggio 16, 2021

La Regina Elisabetta vuole occultare il suo patrimonio, cosa nasconde ai sudditi?

Forbes calcola centinaia di milioni di sterline, ma il vero ammontare del patrimonio familiare della regina è tutt'ora un mistero.

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

La Regina Elisabetta ‘viola’ la legge sulla trasparenza approvata negli anni Settanta, già da quel tempo eludendo le pressioni che volevano svelato l’ammontare del patrimonio familiare della corona.

L’allora Governo Tory europeista di Edward Heath sembra aver, già a quei tempi, accordato il silenzio della regina dopo diverse richieste di modificare suddetta legge.

Voci di corridoio vorrebbero che proprio Sua Maestà abbia allora minacciato di non controfirmare la legge attraverso il Royal Assent e che così facendo sia riuscita ad occultare azioni e investimenti personali almeno fino al 2011.

La monarca nega.

La Regina Elisabetta ‘chiede’ la modifica della legge sulla trasparenza già nel 1973

La Regina Elisabetta 'chiede' la modifica della legge sulla trasparenza già nel 1973.

Si racconta, anzi, a dirla tutta, il The Guardian racconta che, ripescati documenti d’archivio e tolti i vincoli di segretezza, già nel 1973 la Regina Elisabetta avrebbe mosso i propri avvocati chiedendo all’esecutivo una modifica della legge prima di intervenire con il Royal Assent. Lo scopo era eludere le pressioni del Governo che avrebbe voluto svelato l’ammontare del patrimonio della corona.

A seguito di quest’intervento, il Governo di allora avrebbe inserito una clausola nella legge della trasparenza alleggerendo le società della corona dall’obbligo di dichiarare apertamente i propri possedimenti.

Non solo, sembra che tale accordo sia stato inoltre sfruttato per creare una società di comodo concepita prorpio allo scopo di nascondere beni e investimenti privati della regina almeno sino al 2011.

Tuttavia, in risposta alla questione, giudicata “imbarazzante” nei confronti dei sudditi proprio da Buckingham Palace, la corte britannica smentisce e anzi definisce la ‘accusa’ “semplicemente sbagliata”: Sua Maestà avrebbe comunque firmato la norma.

Leggi anche: Regina Elisabetta e Filippo, 73 anni di matrimonio. Anniversario da record

La segretezza sul patrimonio della regina

Sui reali averi della corona, di fatto, vi è ancora segretezza. Le stime di Forbes calcolano almeno un patrimonio di diverse centinaia di milioni di sterline.

Almeno fino al 2011, le ricchezze personali della regina, le sue proprietà private, le partecipazioni azionarie, i sospetti trasferimenti finanziari anche in paradisi fiscali sono rimasti un occulto segreto.

Le proprietà e lo stipendio della Regina

Le proprietà e lo stipendio della Regina.

Sappiamo che Sua Maestà possiede il famoso Castello di Balmoral, in Scozia, la residenza estiva dei sovrani, valutato 140 milioni di dollari. Ma anche la tenuta di campagna, da 65 milioni, di Sandringham, dove la Regina passa il Natale. E questi non sono che esempi.

A questi possedimenti va poi ad aggiungersi allo stipendio personale che la stessa riceve come se fosse una normale dipendente per il suo ‘lavoro’ da Regina. Una busta paga che, secondo le stime, nel 2018 era di 98 milioni di dollari l’anno.

Se poi si considera che la monarca siede ininterrottamente sul trono dal 1952, quindi da quasi ben sette decenni, battendo ogni record nella millenaria storia della corona britannica, ci si rende subito conto che di ricchezze devono esserne state accumulate ‘a sufficienza’.

Leggi anche: Abdicare? La regina Elisabetta non ci pensa nemmeno e prepara Londra al Giubileo di Platino del 2022

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

Ultime notizie