sabato, Luglio 11, 2020

La protesta dei giovani medici di spalle al Parlamento: “Servono investimenti”

2
Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Ieri pomeriggio 11 sigle associative tra studenti e specializzandi si sono riunite davanti a Montecitorio per chiedere un aumento dei posti nelle scuole di specializzazioni. Si tolgono i camici e danno le spalle al palazzo al Parlamento, a quel Governo che ormai da tempo non li rappresenta. Una protesta simbolica, dai toni pacati e condotta nel rispetto delle norme anti-Covid, ma che solleva una questione di primaria importanza per la categoria e per il Paese intero. L’imbuto formativo sta strozzando le carriere di quei giovani medici e aspiranti tali che si vedono negare un punto d’arrivo dopo anni di studi e formazione. E protestano:

Basta chiamarci eroi, servono investimenti. I medici vanno all’estero perché in Italia il percorso di formazione ci leva dignità.

Il sistema sanitario è una risorsa, non una spesa

L’emergenza coronavirus ha indicato la strada per una doverosa riforma del sistema sanitario tutto, ma sarà compito delle istituzioni percorrerla. Da anni l’imbuto formativo sta affliggendo la categoria dei medici. A oggi sono circa 6000 i giovani aspiranti senza prospettive di lavoro. Lavorare è un diritto, non un sogno, e questo diritto a loro è negato. Chiedono una riforma del percorso formativo post-laurea, tale da restituire dignità alla professione. Dicono nel corso della protesta:

Durante l’emergenza medici e infermieri sono stati definiti eroi dalla stampa e dai mass media, ma in sostanza sono stati trattati da martiri, più che da eroi. Mandati al fronte senza scudi e senza armi. E comunque oggi non riceviamo nessun tipo di gratificazione e investimento sul sistema sanitario, che continua a essere valutato con una spesa più che una risorsa.

Leggi anche: Dl Rilancio: escluso il bonus medici e infermieri. L’ira degli eroi in corsia

Cos’è l’imbuto formativo

Un camice grigio che va a finire in un imbuto vuole rappresentare la situazione che la categoria vive attualmente. I laureati in medicina non riescono a formarsi nelle scuole di specializzazione perché queste sono fortemente carenti rispetto al numero dei richiedenti. Per i non addetti ai lavori vale la pena di ricordare che la scuola di specializzazione è propedeutica nel percorso di formazione di un medico, non è qualcosa in più o di altro. I nostri giovani medici si laureano in Italia, ma poi devono andare all’estero a specializzarsi perché qui non ci sono i posti. E vengono accolti a braccia aperte ovunque, perché la formazione italiana è a un alto livello. Dicono durante la protesta:

È una battaglia per la dignità. Noi non chiediamo, ma pretendiamo, che il numero delle borse di specializzazione venga equiparato al numero dei laureati in medicina. Sul totale, il 52% dei laureati in medica nei paesi UE è italiano. Noi favoriamo la migrazione di qualità, perché questi professionisti, questa forza lavoro, che in quest’emergenza ha dimostrato il suo spessore, se ne va altrove, se ne va dove ha opportunità.

Leggi anche: Perché investire nel settore della medicina e chirurgia estetica: ce lo spiega Gianluca Profili di Elza Coculo

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Correlati

Saniniu Laizer, milionario all’improvviso. “Costruirò una scuola per il mio villaggio”

Saniniu ha trovato due pietre preziose che, ad oggi, sono i più grandi frammenti di tanzanite mai rinvenuti su territorio africano. Il Governo, in cambio delle due pietre ha pagato al minatore il corrispettivo di 2,9 milioni di euro.

La storia di Masih che tolse il velo: “La prossima rivoluzione sarà femminista”

Di origine iraniana, Masih Alinejad è diventata attivista quasi per caso. Cinque anni fa rivendicava la libertà di mostrare i capelli e il suo coraggio ha ispirato la lotta delle donne iraniane. Il regime ora la ricatta: “Da cittadina statunitense citerò in giudizio la Repubblica islamica”

Popolari

Lucarelli, Ordine Giornalisti la deferisce: ecco la replica

Leon Pappalardo, il figlio minorenne di Selvaggia Lucarelli contesta pubblicamente Matteo Salvini...

Daniela Zanardi: “Fate di tutto per salvare Alex, purché ci sia speranza”

Il nuovo bollettino medico parla di rischio di eventi avversi che potrebbero aggravare ulteriormente le condizioni del campione. La moglie è con lui ma eviterebbe l'accanimento terapeutico.

Calendario Maya: il mondo finirà il 21 giugno 2020?

Secondo un’errata interpretazione del calendario, la vera fine del mondo non sarebbe stata il 21 dicembre 2012 ma sarà il 21 giugno 2020. La bufala che sta facendo impazzire il web.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Tiziano Ferro: “Un figlio con mio marito grazie al fostering”

Tiziano Ferro e il marito stanno pensando di avere un figlio. Tra le strade da percorrere, il fostering, una specie di affidamento temporaneo.

Ultimi

ISTAT, produzione industriale +42,1%: Stiamo uscendo dalla crisi?

Pubblicati i dati dell’Istituto nazionale di statistica che comunica: “A maggio 2020 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale aumenti del 42,1% rispetto ad aprile”.

Jennifer Aniston e Tom Hanks infuriati: “Chi non usa la mascherina si vergogni”

Da quando ha aperto il profilo Instagram, l’attrice Jennifer Aniston è sotto...

Conte verso proroga stato di emergenza Covid al 31 dicembre

L’Italia non è ancora fuori pericolo dal rischio contagi da Covid 19....

Esiste una legge per salvarsi dai debiti. Ecco come funziona

Esiste una legge per salvarsi dai debiti. È la Legge 3/2012 istituita...

Razzismo, perché Coca-Cola e altri brand ritirano la pubblicità da Facebook

I più grandi brand al mondo stanno bloccando la pubblicità su Facebook in segno di protesta per le sue politiche sui diritti civili.