sabato, Gennaio 23, 2021

La cucina pugliese conquista New York: il caso Panzerotti Bites

Federica Tuseo
Federica Tuseohttp://ildigitale.it
Federica Tuseo. Classe 1994. Redattrice. Nomade digitale, alla costante ricerca di novità e sempre pronta a partire per girare il mondo, raccontando storie di vita vissuta. Una laurea triennale in Lingue e culture moderne ed una magistrale in Media, comunicazione digitale e giornalismo. Web, startup e innovazione sono i suoi orizzonti di ricerca.

Essere audaci, fare dei progetti e crederci fino in fondo alle lunghe ripaga. Questa è la storia di Panzerotti Bites, il sogno di Vittoria e Pasquale, due giovani baresi che hanno creduto nei sapori della propria terra e sfidato la città che non dorme mai. Lei 27enne di Bitonto, lui 37enne di Ruvo, coppia nella vita e nel lavoro, dopo svariati viaggi in America hanno capito che c’era qualcosa che il Paese a stelle e strisce poteva apprezzare e non conosceva ancora. Nell’immaginario comune New York è la metropoli dalle mille facce, la City crogiolo di culture e cucine da tutto il mondo, perciò quale posto più interessante per proporre un prodotto made in Puglia se non questa città. Leggi anche: Come funziona Breakfast Point: l’app per la tua colazione perfetta

Dal cuore della Puglia alla conquista della Grande Mela

L’idea nasce nel 2015 e come tutti i progetti importanti, cresce, migliora e viene realizzato su carta. Tre anni dopo, i due giovani lasciano l’Italia per realizzare la loro piccola realtà imprenditoriale, aprendo al pubblico statunitense il loro Panzerotti Bites, precisamente a Brooklyn. In un post su Facebook, i due fondatori parlano così della loro esperienza:

Non è stato facile aprire la nostra attività e non è stato nemmeno semplice far capire ai nostri amici e conoscenti la nostra idea. Tutti ci facevano i complimenti per il coraggio ma pochi credevano che il panzerotto sarebbe stato apprezzato nella terra degli hot dog e degli hamburger. Sembrava tutto molto rischioso e dispendioso, però sapevamo di star seguendo un’ambizione positiva. In fondo stavamo portando la cultura pugliese a New York, non si trattava solo dei panzerotti in sé.

I due non nascondono le iniziali difficoltà, non solo relative all’attività ma alla loro vita in America: non è stato facile allontanarsi dalle abitudini e dalle persone care, ma questo non li ha scoraggiati. La tenacia li ha portati a resistere, aiutati dalla loro capacità di vivere la Puglia come uno stato d’animo. Hanno tentato di portare in America una parte della loro cultura, introducendo i panzerotti come novità nel panorama dello street food newyorkese. Gli ingredienti sono semplici, genuini, di alta qualità e rigorosamente provenienti dal Bel Paese. Leggi anche: Il caso Miscusi, i due millennials stanno reinventando la pasta italiana

Mille declinazioni di panzerotto e come mangiarlo

Non è solo con la cucina che la coppia è riuscita ad esprimere la cultura pugliese. Un esempio è il murale che hanno fatto realizzare nel giardino esterno del locale, su Smith street: un’opera che riassume le bellezze della loro amata Puglia, dai trulli al polpo, passando per San Nicola, Castel del Monte e il galletto del Bari calcio.  

Vittoria Lattanzio e Pasquale De Ruvo fondatori di Panzerotti Bites.
Il loro menù accontenta tutti i gusti, senza dimenticare la tradizione. Ci sono mille declinazioni di panzerotto, da quello classico a poco più di sette dollari, fino a quello dolce con gli Oreo. Oltre alla varietà, il locale e il sito cercano di raccontare la storia del panzerotto, descrivendo la scelta degli ingredienti, la preparazione e addirittura una pratica guida how to eat. In questo modo la coppia pugliese spiega agli americani che “in Italia, imparare a mangiare un panzerotto è una vera e propria arte”, dando semplici direttive su modo corretto per mangiarlo, senza sporcarsi i vestiti. A distanza di un anno dall’apertura, Vittoria e Pasquale possono essere molto felici dei traguardi che hanno raggiunto. Grazie alla forza e l’impegno dedicato alla loro idea sono riusciti a conquistare il palato e “il cuore degli americani bite after bite”.

di Federica Tuseo
Federica Tuseo
Federica Tuseohttp://ildigitale.it
Federica Tuseo. Classe 1994. Redattrice. Nomade digitale, alla costante ricerca di novità e sempre pronta a partire per girare il mondo, raccontando storie di vita vissuta. Una laurea triennale in Lingue e culture moderne ed una magistrale in Media, comunicazione digitale e giornalismo. Web, startup e innovazione sono i suoi orizzonti di ricerca.

Popolari

Maria Chiara, non vedente e disabile, si laurea con 110 e lode: “Un simbolo per molti ragazzi”

Arriva per la 26enne Maria Chiara la seconda laurea in lingue per la comunicazione e la cooperazione internazionale all'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. La tesi, scritta interamente in francese, coniuga le sue due più grandi passioni: le lingue e la musica.

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 20 eserciti più potenti al mondo?

20) Spagna Indice della forza militare: 0,3388Popolazione totale: 49.331.076Personale...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Ultimi

Dante 2021, 5 cose da vedere a Firenze tra i luoghi del somma poeta

Quest’anno sarà speciale. Pronti a celebrare i 700 anni dalla morte di...

Baobab, la pianta sacra dell’Africa: superfood e antiossidante

L'Arbre des Sages et des Savants, così lo chiama la tradizione africana....

Gli organi della piccola Antonella, morta per una sfida social, salveranno tre bambini

Gli organi di Antonella Sicomero, morta per una presunta challenge su Tik Tok, sono stati espiantati e destinati a tre piccoli pazienti. Intanto la procura della Repubblica indaga per istigazione al suicidio.

Smog, rapporto Mal’Aria 2020: ecco le città italiane più inquinate. Torino in testa

Ecco i nuovi dati dello studio sullo smog in città raccolti da Legambiente nel report Mal’aria 2020. L'associazione ambientalista ha stilato una pagella sulla qualità dell’aria di 97 città italiane.

Tra storia e tradizione, 5 cose da sapere sul caffè espresso

Il caffè espresso, come lo conosciamo oggi, nasce solo 80 anni fa. Ecco 5 cose che, forse, non sapete sul caffè.