mercoledì, Settembre 23, 2020

Il caso Miscusi: i due millennial stanno reinventando la pasta italiana

Federica Tuseo
Federica Tuseohttp://ildigitale.it
Federica Tuseo. Classe 1994. Redattrice. Nomade digitale, alla costante ricerca di novità e sempre pronta a partire per girare il mondo, raccontando storie di vita vissuta. Una laurea triennale in Lingue e culture moderne ed una magistrale in Media, comunicazione digitale e giornalismo. Web, startup e innovazione sono i suoi orizzonti di ricerca.

Quella di Miscusi è una storia che parte da un’idea semplice: sentirsi come a casa propria. Un motto che da subito accoglie il cliente nella maniera più tradizionale possibile, ossia con un “Benvenuti a casa” stampato sullo zerbino all’ingresso del locale. In effetti, cosa c’è di più familiare per noi italiani che un bel piatto di pasta? Nulla, probabilmente, sarà per questo che il clima familiare si accompagna all’esaltazione della regina degli alimenti: la pasta fresca. Puntando sulla qualità delle materie prime, il design dei ristoranti e l’originalità, Miscusi è passata da startup ad azienda sana e in crescita nell’arco di un anno o poco più. Un progetto nato dalle menti di Alberto Cartasegna e Filippo Mottolese, 29 anni, due millennials milanesi con un occhio alla tradizione e uno all’innovazione. I due, prima compagni di università alla Bicocca, poi cofondatori della prima startup italiana dedicata alla pasta fresca, sono l’esempio di quella Generazione Y che, grazie alle proprie idee, riesce ad avere successo, nonostante le difficoltà. Non è un caso se i due siano stati selezionati da Forbes Italia tra i 100 giovani italiani Under 30 del 2019. Due ragazzi che, terminata l’università, hanno intrapreso inizialmente percorsi differenti. Cartasegna co-fondando il progetto Helpling e Mottolese dedicandosi al lancio della start-up Xceed e rilevando un locale storico al centro di Milano. Correva l’anno 2016 quando decisero di unire le forze e partire con la prima avventura nel mondo della ristorazione, ideando un concept monotematico e aprendo il primo locale a Milano, in via Litta. Leggi anche: OneDay, la startup che parla ai giovani e fattura 13 milioni di euro

Business di successo, anche grazie all’identità digitale

Da Miscusi, oltre all’atmosfera familiare, la playlist che alterna classici italiani a brani di nuova generazione e il pastificio a vista, si combinano varie tipologie di pasta, prodotta giornalmente all’interno del locale, a dieci diversi condimenti, nove fissi più il settimanale. L’offerta beverage che accompagna il primo conta solo vino, birra e acqua, per un servizio che, nel complesso, ha certamente prezzi contenuti per la qualità offerta. Di sicuro la carta vincente giocata da Cartasegna e Mottolese, oltre alla proposta gastronomica, è stato il sapiente uso dei social. L’apertura del primo locale, infatti, è stata anticipata da una sorta di fase sperimentale sulla pagina Facebook: una specie di caccia al tesoro in cui giorno per giorno venivano condivise immagini, accompagnate da copy divertenti, per annunciare l’arrivo della nuova attività. Dal punto di vista del marketing è proprio l’identità digitale creata a rendere Miscusi una realtà interessante e che incuriosisce, soprattutto se paragonata al modo obsoleto con cui spesso viene gestita la comunicazione online di un ristorante. Spiega Mottolese:

I social costano ancora poco per performare bene quindi non è tanto una questione di budget, quanto di capire che andare sui social effettivamente serve, perché chi lo fa ottiene risultati migliori: nella ristorazione c’è un ritorno tangibile in clienti “veri” e fidelizzati.

Ad oggi i profili Facebook e Instagram contano rispettivamente più di 38mila fan e più di 43mila follower, a dimostrazione di quanto una strategia forte e coerente sia in grado di sostenere il ristorante, rendendolo un vero e proprio brand. Leggi anche: Nasce la startup YouArte: potrai noleggiare opere d’arte al costo di un caffè

Traguardi raggiunti e nuovi orizzonti

L’ascesa di Miscusi è stata repentina ed evidente: oggi conta sei ristoranti a Milano e uno a Torino, che ogni mese servono più di 50 mila clienti. L’azienda ha chiuso il 2018 con un fatturato di € 4,5 milioni, con un tasso di crescita medio mensile del 20%. Anche grazie all’interesse dimostrato da Milano Investments Partner (MIP), che ha finanziato le nuove aperture con 5 milioni di euro, l’azienda di Cartasegna e Mottolese punta a raggiungere i € 10 milioni nel 2019 con l’apertura di altri sei locali: un traguardo che sarà il trampolino di lancio per espandersi anche all’estero, a cominciare dalla Spagna. Spiega Cartasegna in un’intervista a Forbes:

Non è stato difficile trovare investitori. Forse è stato un po’ complesso all’inizio per spiegare il potenziale di crescita di un business offline, perché oggi c’è un grande focus sul mondo tech e digitale. Tuttavia, è molto più probabile che una startup come la nostra possa diventare un unicorno rispetto a tante aziende digitali. E gli investitori sofisticati lo sanno: ci sono poche startup tech capaci di arrivare ai 10 milioni di fatturato nel giro di due anni.

Oltre al desiderio di espandersi all’estero, ci sono altri miglioramenti in cantiere da Miscusi: un upgrade per quanto riguarda il servizio delivery, con l’ipotesi di una futura distribuzione di box di pasta da cucinare a casa. Quindi, per i clienti e per gli investitori si può dire che in ogni caso dare fiducia a questo team giovane e ambizioso, che tende sempre a superare i propri limiti, non potrà che soddisfare le aspettative.

di Federica Tuseo

Federica Tuseo
Federica Tuseohttp://ildigitale.it
Federica Tuseo. Classe 1994. Redattrice. Nomade digitale, alla costante ricerca di novità e sempre pronta a partire per girare il mondo, raccontando storie di vita vissuta. Una laurea triennale in Lingue e culture moderne ed una magistrale in Media, comunicazione digitale e giornalismo. Web, startup e innovazione sono i suoi orizzonti di ricerca.

Correlati

San Gennaro, a Napoli un liquore per omaggiare il santo patrono della città

Il 19 settembre, ogni anno, Napoli sta con il fiato sospeso per...

Ecco come il Covid sta rubando il futuro ai giovani: la storia di Marta

Il clima di incertezza che regna sovrano nella società e nell’economia mondiali,...

Alessia Bonari a Venezia 77: l’infermiera simbolo della lotta al Covid sul Red Carpet

Alessia Bonari a Venezia 77. La 23 enne infermiera in un ospedale...

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Libellula significato, simbologia e leggende

Libellula significato e spiritualità. Un insetto dai mille colori che affascina con il suo volo leggero incarnando diversi significati a seconda delle culture

Ultimi

È Sydney la prima città al mondo alimentata al 100% da energia rinnovabile

Un progetto da 60 milioni di dollari che, oltre a tutelare l’ambiente, farà risparmiare alla città circa mezzo milione all’anno sulle bollette della luce.

Referendum Costituzionale, le reazioni della politica e le conseguenze istituzionali

Referendum Costituzionale, le reazioni del mondo politico Il 20...

Elezioni Regionali, ecco cosa c’è di nuovo

Il 20 e 21 settembre, contemporaneamente al Referendum Costituzionale si sono svolte...

Torino, la sindaca Appendino condannata nel processo Ream: “Ero in buona fede”

La sindaca di Torino è stata condannata in primo grado per falso ideologico in atto pubblico nell’ambito del cosiddetto processo Ream. Imputati anche l’assessore comunale al Bilancio, Sergio Rolando, e l’ex capo di Gabinetto, Paolo Giordano.

Omicidio Lecce, l’arbitro Daniele De Santis e la compagna uccisi a coltellate in casa loro

Quando i sanitari sono arrivati i due erano già morti. I vicini riferiscono di aver sentito urla provenire dall’appartamento, poi hanno visto fuggire un uomo con il passamontagna e un grande coltello in mano.