Home»Digital Life»Kazakistan: esiste un’incredibile foresta ‘sottosopra’ nel lago Kaindy

Kazakistan: esiste un’incredibile foresta ‘sottosopra’ nel lago Kaindy

Un capriccio della natura che vale la pena vedere almeno una volta nella vita.

6
Condivisioni
Pinterest Google+

Scommetto che guardando l’immagine di questo specchio d’acqua dolce cristallina, dal quale emergono lunghi e aguzzi spuntoni, siete rimasti spiazzati e increduli. State cercando di capire se si tratta di fotoritocco, o magari vi ha fatto pensare a Mike, Dustin e Lucas che vanno alla ricerca del loro amico Will nel ‘sottosopra’. Anche se può apparire surreale e inspiegabile, questo lago non è un set della serie Stranger Things, ma uno spettacolare fenomeno naturale. Quindi, anche senza Undici e la lotta al Demogorgone, il lago Kaindy, in Kazakistan, rimane un luogo quasi magico, che vale la pena visitare, perché ospita una vera e propria foresta sommersa.

È nato prima il bosco o il lago?

A dare la risposta è l’ecosistema, gli alberi sommersi in questo lago fra i monti Tian Shan, a duemila metri sopra il livello del mare, sono degli abeti rossi asiatici, non certo una specie acquatica. Infatti, il lago Kaindy si è formato dopo un forte terremoto nel 1911, 7.7 sulla scala Richter, che ha provocato una frana calcarea. L’evento ha cambiato completamente la morfologia della catena montuosa, creando una diga naturale, che nel corso degli anni si riempita di acqua piovana.

Nonostante la bellezza indiscutibile del lago, con sfumature turchesi che virano al verde smeraldo, l’attrazione principale e sua caratteristica singolare è la foresta sommersa che spunta dalla superficie d’acqua. Tutta la parte di foresta che cresceva nel canyon, dopo lo smottamento, è stata sommersa, restituendo oggi questo surreale paesaggio ‘sottosopra’. Nelle profondità del lago il paesaggio è ancora più sorprendente. Grazie alle temperature semi-glaciali dell’acqua, in estate non supera mai i 6°C mentre in inverno è abbondantemente sotto lo zero, gli alberi sono letteralmente ibernati. Si svela così il segreto della foresta sommersa, un paesaggio creato dalla natura e che la stessa protegge gelosamente da più di cento anni.

Leggi anche: La storia di Terence Biffi: “Ho superato la depressione viaggiando, ero anche obeso”

Immersioni nel lago Kaindy.

Il paradiso per gli amanti del diving

Fuori dall’acqua emergono i tronchi, sotto la superficie ci sono invece le rigogliose fronde. L’ibernazione di tronchi e rami ha permesso infatti la conservazione della foresta senza che intervenisse il naturale decadimento organico, per la gioia degli appassionati di diving. Immergersi nelle acque del lago Kaindy è un’esperienza unica, realtà allo stesso tempo incantata e spettrale, che stuzzica la curiosità di centinaia di subacquei. Sorprendentemente, il lago Kaindy non attira un gran numero di visitatori, forse perché situato nel Parco Nazionale di Kolsai, che ospita altri laghi più facili da raggiungere, come il lago di Bolshoe Almatinskoe. Così, nonostante la sua vicinanza ad Almaty, una delle principali città del Kazakistan, questo spettacolo della natura conserva un’atmosfera pacifica, rilassata, distante dal turismo di massa e per questo senza tempo.

Leggi anche: Sri Lanka, l’isola più bella della terra: la meta più ambita del 2019

di Federica Tuseo

Articolo Precedente

Roma, le turiste potranno affittare un fidanzato da postare su Instagram

Articolo Successivo

Se non stai pagando, il prodotto sei tu

1 Comment

  1. […] Febbraio 2019 Alessandro Isidoro Re Digital Life/Welcome […]

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *