sabato, 17 Aprile 2021

Istanbul, cibo per cani e gatti randagi in cambio di bottiglie di plastica

Marianna Chiuchiolo
Marianna Chiuchiolo
Laureata in Mediazione Linguistica, con un passato nella musica e nel teatro e un'avida curiosità per tutto ciò che riguarda scienza, arte e scrittura. Ha abbracciato da tempo la crociata della Mental Health Awareness come missione di vita. Autrice di racconti, poesie e sceneggiature perché l'immaginazione lo pretende, giocatrice di ruolo perché immaginare storie è bellissimo, ma viverle è meglio.

Incentivare il riciclo dei rifiuti, compiere un gesto caritatevole e aiutare cani e gatti a sopravvivere, tutto in un’unica azione: a Istanbul si può. In molte zone della città del corno d’oro sono presenti macchine che fungono da deposito di bottiglie e dispenser di cibo per animali. Ogni volta che qualcuno inserisce una bottiglia di plastica da destinare al riciclo, un po’ di cibo viene rilasciato in un contenitore apposito: facile e veloce. L’iniziativa è stata un vero toccasana per una città in cui si contano oltre 150mila randagi, e che con essi sembra avere un rapporto decisamente sfaccettato. Da una parte c’è una fetta della popolazione che mal sopporta la loro presenza, giudicandoli pericolosi quando affamati, e che spesso si fa artefice di sommarie uccisioni causando problemi di igiene pubblica. Dall’altra non mancano le iniziative a tutela di cani e gatti senza casa: molti centri commerciali li lasciano dormire negli atri durante le notti invernali ed esistono équipe di veterinari che offrono gratuitamente prestazioni e cure. Leggi anche: Pavel Abramov, il bambino che aiuta i randagi dipingendo ritratti degli animali domestici

Non solo ambiente e animali: l’iniziativa educa i cittadini a evitare gli sprechi

Questa non è che la più recente idea promossa dalle associazioni animaliste della città, una soluzione dai molteplici risvolti positivi: non c’è alcun costo per i cittadini e l’ambiente viene tutelato. Ma c’è ancora dell’altro. Pugedon, questo il nome del piano, non vuole limitarsi a offrire sostentamento e riciclare, ma anche a educare i cittadini a evitare gli sprechi. Le macchine sono state installate nei parchi pubblici, aree in cui spesso si sosta per il pranzo, e oltre alla raccolta di bottiglie offrono anche la possibilità di svuotarle dell’acqua residua, che viene raccolta ed erogata negli abbeveratoi. Inoltre il sitema di raccolta ed erogazione funziona a energia solare e il cibo viene acquistato dalla JSC Yucesan, società produttrice dei macchinari, con i soldi ricavati dal riciclo delle bottiglie. Un circolo virtuoso che giova alla città e all’ambiente a costo zero, un esempio che si spera verrà seguito anche in altri paesi. Leggi anche: La storia di Davide, l’italiano che salva i cani dal massacro del Festival in Cina   di Marianna Chiuchiolo

Marianna Chiuchiolo
Marianna Chiuchiolo
Laureata in Mediazione Linguistica, con un passato nella musica e nel teatro e un'avida curiosità per tutto ciò che riguarda scienza, arte e scrittura. Ha abbracciato da tempo la crociata della Mental Health Awareness come missione di vita. Autrice di racconti, poesie e sceneggiature perché l'immaginazione lo pretende, giocatrice di ruolo perché immaginare storie è bellissimo, ma viverle è meglio.

Correlati

Chicago, agente uccide ragazzo 13enne: aveva le mani alzate. Un video riprende il momento

Una frazione di secondo tra l’immagine del tredicenne con le mani alzate e il colpo sparato dall’agente. Il sindaco di Chicago, Lightfoot: “non possiamo permettere di perdere altre vite”

Good on you, arriva l’app che ti dice se indossi capi ecosostenibili

Informarsi sull’origine dei propri abiti non è mai stato così semplice: basta un’app sullo smartphone per scoprire se ciò che indossi rispetta l’ambiente.

Ambiante e tecnologia, il mondo digitale è veramente sostenibile?

Il dibattito sulla sostenibilità della tecnologia in relazione all’ambiente è sempre più pressante e forse è un’urgenza da affrontare il più presto possibile.