U2 e Martin Garrix insieme per l’inno ufficiale di Euro 2020: “We are the People”

In partenza il prossimo 11 giugno, gli Europei di calcio sono tra gli eventi più attesi dell'anno. L'inno ufficiale di Euro 2020 è il frutto della collaborazione di grandi artisti.

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.
spot_img

L’inno ufficiale di Euro 2020, i prossimi Europei di calcio che hanno mantenuto il nome della scorsa edizione, rimandata a causa del Covid, è “We are the People”.

All’opera hanno contribuito le sonorità del dj e produttore multiplatino Martin Garrix, la poetica voce di Bono e la leggendaria chitarra di The Edge.

Svelato l’inno ufficiale di Euro 2020: “We are the People”

Svelato l'inno ufficiale di Euro 2020: "We are the People".

Dopo gli impedimenti dello scorso anno dovuti alla pandemia da Coronavirus, gli Europei di calcio sono per moltissimi l’evento più atteso dell’anno. Prevista tra il 12 giugno e il 12 luglio 2020, la competizione continentale di calcio avrà invece luogo a partire dall’11 giugno 2021, quando l’Italia sfiderà la Turchia allo stadio Olimpico di Roma.

La gara durerà esattamente un mese e per la prima volta nella storia sarà itinerante, una scelta volta a festeggiare lo scorso anno i 60 anni della UEFA.

Proprio qualche giorno fa è stato svelato l’inno ufficiale che vede il DJ e producer olandese Martin Garrix collaborare con Bono e il musicista The Edge, due storici elementi della band U2.

Inno ufficiale di Euro 2020: “E’ la cosa più pazza che io abbia mai fatto”

Inno ufficiale di Euro 2020: "E' la cosa più pazza che io abbia mai fatto".

Quello prodotto dalle musiche di Martin Garrix, la voce di Bono e i riff di chitarra di The Edge è un brano che parla al mondo, che solleva tematiche quanto mai attuali focalizzandosi sui problemi che il pianeta sta affrontando. Ma “We are the People”, un brano scritto due anni fa, trasmette anche speranza, possibilità, coesione, fiducia in un futuro più luminoso.

Il progetto nasce proprio dalla volontà di riprodurre quelle sensazioni che solo il calcio, come pochi, è in grado di produrre: euforia, eccitazione, felicità, ma soprattutto grande unione dei tifosi.

Martin Garrix racconta:

E’ la cosa più pazza che io abbia mai fatto.

Quando la Uefa mi ha chiamato per chiedermi di occuparmi della produzione dell’intera colonna sonora dandomi carta bianca ero davvero molto emozionato, ma anche nervoso.

Mi è stato chiesto solo che fosse una musica che facesse divertire le persone e che rispecchiasse l’atmosfera del torneo.

Un grande onore per me, ma anche tanta pressione perché sentivo che le aspettative erano alte.

Leggi anche: 24 dicembre 1914, la Tregua di Natale: quando il calcio fermò la Grande Guerra

Inno ufficiale di Euro 2020, “We are the People”: “Una collaborazione incredibile”

Quando a Martin Garrix è stato chiesto di comporre l’inno, nonché tutte le musiche destinate a suonare nei momenti cruciali dei match, lo stesso racconta di aver sentito subito nessuno avrebbe potuto contribuire meglio di Bono e The Edge.

Tuttavia, almeno stando a quanto dichiarato dal compositore, li sentiva inarrivabili. Destino vuole che invece i musicisti del gruppo irlandese più noto di tutti i tempi si siano invece dimostrati subito entusiasta e quella che ne è scaturita è, secondo i dj: “Una collaborazione incredibile”.

Ancora non posso credere di aver avuto la possibilità di lavorarci insieme su questo pezzo.

Mi hanno aiutato molto e credo che il brano non sia una canzone di Garrix con Bono che canta e The Edge che suona la chitarra, ma una canzone alla quale hanno contribuito tutti, un lavoro di grande collaborazione.

Ed è stato interessante e istruttivo per me vedere il loro approccio e confrontarmi con il loro modo di lavorare.

Se ogni campionato europeo a partire dal 1992 ha avuto un inno ufficiale, quello di quest’anno è in qualche modo speciale perché proprio nella collaborazione di grandi artisti trova la sua forza: l’inno ufficiale di Euro 2020 significa unione, ricorda che solo insieme di può davvero ricominciare e ripartire.

Leggi anche: “Ho visto Maradona”, adios Diego, “Pibe de Oro” del calcio mondiale

spot_img

Correlati

Il Volo – Tutti per uno torna stasera in TV: su che canale, a che ora e gli ospiti

Dal successo a Ti lascio una canzone nel 2009 a padroni dell'Arena di Verona....

Chi è Sarah Toscano, da Area Sanremo a vincitrice di Amici 2024

Ieri sera c’è stata l’ultima puntata dell’edizione di Amici 2024. A trionfare è stata...

Chi è Nemo, cantante della Svizzera e icona Lgbtq+ che ha vinto l’Eurovision 2024

Ieri sera si è conclusa la 68esima edizione dell’Eurovision Song Contest con 25 artisti...
Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.
spot_img