lunedì, Settembre 21, 2020

Innamorati del Giappone: ti regalano la casa se ti trasferisci

Valentina Cuppone
Valentina Cuppone
Valentina Cuppone, classe 1982. Caporedattore de Il Digitale. Formazione umanistica, una laurea in Lettere Moderne e una specializzazione in Comunicazione della cultura e dello spettacolo all’Università di Catania. Curiosa e appassionata di ogni cosa d’arte, si nutre di libri, mostre e spettacoli. Affascinata dal mondo della comunicazione web, il suo nuovo orizzonte di ricerca è l''innovazione.

Giappone, paese dall’affascinante cultura, dai paesaggi mozzafiato. Un luogo talmente lontano per usi, costumi e tradizioni che per tanti è un sogno solo poterlo raggiungere. Una moda forse, anche grazie alla mania del sushi, ma sicuramente un desiderio di molti. E se ci fosse l’occasione di trasferirsi lì? Sì, andarci proprio ad abitare nel paese del Sol Levante. Questa è l’opportunità che da qualche settimana rimbalza vertiginosamente sul web. E forse c’è già chi sta pensando a cogliere al volo la proposta o magari c’è già chi l’ha fatto. In Giappone si vendono a prezzi stracciati o addirittura si regalano case. Una manovra estrema, forse, ma sembrerebbe necessaria per tentare di ripopolare quelle zone del Paese che rischiano di sparire. Le cause? Lo spopolamento delle campagne a favore delle città, il calo demografico, la difficoltà dei giovani di comprare un appartamento, l’invecchiamento della popolazione. Insomma, nella patria dei samurai sono circa 10 milioni le abitazioni disabitate. E nei prossimi anni, secondo le previsioni dell’Istituto Nazionale Popolazione e Sicurezza Sociale, gli abitanti nipponici potrebbero diminuire del 30% e arrivare, dai circa 127 milioni del 2017, a più o meno 88 nel 2065. E sicuramente, se questa previsione si verificasse, il fenomeno delle case disabitate aumenterebbe in maniera esponenziale. Una vera e propria bomba demografica che potrebbe scoppiare e portare alla cancellazione di interi paesi e città. Necessario correre ai ripari, anche al costo di regalare dimore a chi scegliesse di portare lì la propria residenza, seppur con qualche limite. Leggi anche: Un ristorante giapponese ti presenta il conto in base ai tuoi follower di Instagram

Ripopolare è la nuova mission del Giappone

Un piccolo paesino dell’area metropolitana di Tokyo, a circa due ore di treno dalla capitale nipponica e immerso nel parco nazionale di Chichibu – Tema – Kai, Okutama, rischia di diventare una località fantasma. Le ipotetiche cause di un’ipotesi tanto estrema non sono campate in aria: lo spopolamento delle campagne è un fenomeno a cui si assiste da decenni in diverse parti del mondo. L’abbassamento del tasso di natalità e il conseguente invecchiamento della popolazione è un problema con cui parecchi paesi hanno a che fare. Se in più ci mettiamo anche le superstizioni che intimoriscono i nipponici tanto da proibire di andare a vivere in case vuote perché si credono infestate da spiriti, o a evitarle se qualche avvenimento violento sia avvenuto fra quelle quattro mura, capiamo perché a Okutama, e non solo, sono centinaia le case lasciate vuote. Conta circa 5 mila abitanti, ma se nessuno deciderà di stabilirsi lì, probabilmente entro il 2040 la cittadina sparirà. Per questo l’amministrazione ha deciso di proporre un piano per agevolarne il popolamento. Regalerà case. Precisamente akiya, cioè case deserte. Leggi anche: La casa è un diritto di tutti: l’accesso al credito immobiliare sarà garantito?

Akiya banks, il database delle case disponibili

Lo troviamo online: sono elenchi delle abitazioni disabitate messe a disposizione per essere donate a chiunque voglia. E come regalo di Natale, diciamo, non c’è male. Un tentativo di ripopolamento che mira fondamentalmente a recuperare popolazione giovane in quei territori che rischiano di essere cancellati. Per essere precisi non è un’occasione concessa a tutti. Qualche requisito è richiesto. Come si dice, non si da niente in cambio di niente. Avanti chi abbia meno di 40 anni, chi ha figli minori di 18, e chi sia disposto a investire nella ristrutturazione degli edifici. Potete provenire da qualsiasi parte del mondo, l’importante è decidere di stabilirsi definitivamente nella terra del sole nascente e dei manga. Attrarre popolazione per arginare i danni dello spopolamento non è una novità escogitata ora in Giappone, ma, in diverse forme, è stato si è già verificato in diversi Stati e in diverse epoche. Nel passato tante sono state le manovre per incentivare la crescita demografica: agevolazioni fiscali, premi di vario tipo, incentivi alle nascite. In un passato meno remoto, anche in Italia c’è stato chi ha pensato a un modo per rimpolpare le file degli abitanti. Per esempio a Camini, in Calabria, dove è stato pianificato un progetto d’accoglienza per riempire di persone le vie del paese. Insomma, in un modo o nell’altro, il fine è lo stesso. Cambia il mezzo. Che l’esca sia più o meno allettante è solo una questione di opportunità. Leggi anche: Partire e lavorare all’estero: quali vantaggi e sfide ci attendono? di Valentina Cuppone  

Valentina Cuppone
Valentina Cuppone
Valentina Cuppone, classe 1982. Caporedattore de Il Digitale. Formazione umanistica, una laurea in Lettere Moderne e una specializzazione in Comunicazione della cultura e dello spettacolo all’Università di Catania. Curiosa e appassionata di ogni cosa d’arte, si nutre di libri, mostre e spettacoli. Affascinata dal mondo della comunicazione web, il suo nuovo orizzonte di ricerca è l''innovazione.

Correlati

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Libellula significato, simbologia e leggende

Libellula significato e spiritualità. Un insetto dai mille colori che affascina con il suo volo leggero incarnando diversi significati a seconda delle culture

Ultimi

Ecco chi sono e cosa fanno i figli dei VIP più famosi

Con la complicità dei social network, sono molti i figli dei VIP diventati famosi grazie ai loro cognomi privilegiati. Alcuni cavalcano solo un’onda, altri si sono distinti per le loro capacità. Scopriamo chi sono.

Covid-19, la scommessa degli esperti: vaccino a novembre

Con quasi 30 milioni di casi confermati in tutto il mondo, quella...

A casa di Paola Barale, un rifugio nel cuore di Milano

Un appartamento luminosissimo in stile urban chic, nella zona Porta Garibaldi di Milano, con vista mozzafiato su City Life. Ecco qualche curiosità sulla conduttrice.