giovedì, Novembre 26, 2020

Infermiera dona il fegato a un paziente di 7 mesi: “Meritava di vivere”

Marianna Chiuchiolo
Marianna Chiuchiolo
Laureata in Mediazione Linguistica con un passato nella musica e nel teatro, scrive per il web da diversi anni. Appassionata di scienza, psicologia e viaggi, ama particolarmente passare ore a discutere di personaggi e trame analizzandone caratteristiche, vittorie e incongruenze. Scrittrice di racconti e sceneggiature perché l'immaginazione spesso lo richiede. Giocatrice di ruolo perché immaginare storie è bellissimo, ma viverle è meglio.

Una storia con due protagonisti: Sarah Harris, infermiera del reparto pediatria del St. Luke’s Meridian Medical Center, in Idaho, e il piccolo Cole, uno dei suoi pazienti. Cole e Sarah si incontrano la prima volta quando lui ha appena 2 mesi e si presenta in ospedale in condizioni preoccupanti: un accumulo di bile nel fegato dovuta a un’atresia biliare, una rara malattia che impedisce al liquido di defluire nell’intestino poiché i condotti biliari sono bloccati.

Col passare del tempo, le condizioni del piccolo peggiorano. L’unica soluzione è un trapianto, ma non si trova un donatore e Cole, che ha ormai 7 mesi, è al punto di lottare tra la vita e la morte.

Sarah e Cole insieme dopo l’intervento, foto originale pubblicata su Instagram

È a questo punto che Sarah decide di provare il tutto per tutto. Si sottopone ad analisi e scopre di essere compatibile con il bambino. Senza ripensamenti accetta di farsi esportare il 20% del fegato per donarlo a lui. “Meritava di vivere e l’ho fatto”, spiega dopo l’operazione, un intervento di ben 14 ore a cui segue un mese di terapia intensiva per il piccolo.

Adesso Cole ha poco più di un anno e le sue storie di vita quotidiana, raccontate online sulla pagina Facebook Cole’s Liver Adventures, sono seguite da oltre 3000 persone. Alla pagina è collegata una raccolta fondi in supporto della famiglia del bambino.

 

Leggi anche: Gabry Little Hero, il bambino con una rara forma di anemia ha trovato un donatore di midollo

di Marianna Chiuchiolo

Marianna Chiuchiolo
Marianna Chiuchiolo
Laureata in Mediazione Linguistica con un passato nella musica e nel teatro, scrive per il web da diversi anni. Appassionata di scienza, psicologia e viaggi, ama particolarmente passare ore a discutere di personaggi e trame analizzandone caratteristiche, vittorie e incongruenze. Scrittrice di racconti e sceneggiature perché l'immaginazione spesso lo richiede. Giocatrice di ruolo perché immaginare storie è bellissimo, ma viverle è meglio.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 12 eserciti più potenti al mondo?

Ti sei mai chiesto quali sono i 12 eserciti più potenti al...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Ultimi

È morto Maradona per arresto cardiocircolatorio

La fine di una leggenda: a 60 anni muore Diego Armando Maradona,...

La rinascita di Mila, grazie a un farmaco su misura per lei

Mila ha otto anni ed è affetta da un rarissimo disturbo neurologico. Gli scienziati sono riusciti a creare un farmaco su misura per lei. Quali i risvolti etici?

Tragedia a Palermo, bambina cade e muore a scuola. Aveva appena 10 anni

Tragedia a Palermo, nella scuola media Vittorio Emanuele Orlando. Nella mattinata di...

Femminicidio a Padova, uccide moglie incinta: la violenza sulle donne non si ferma, neanche oggi

Oggi, nella giornata della lotta contro la violenza sulle donne, si è...

Plastica biodegradabile che si dissolve in acqua, la rivoluzione di Sharon Barak

L'ultima innovazione della scienza verso un'economia sempre più verde è la plastica biodegradabile: non inquina. Si dissolve in acqua in pochissimi secondi e resta così pulita da poter esser perfino bevuta.