I pessimisti muoiono prima rispetto alla media. Lo studio

Secondo un nuovo studio australiano, pubblicato sulla rivista Nature “vi sono indicazioni che atteggiamenti ottimisti e pessimisti possano avere effetti sulla biochimica del cervello e del sangue”.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.
spot_img

Secondo un nuovo studio australiano a cura del team QIMR Berghofer Medical Research Institute di Brisbane, e pubblicato sulla rivista Nature, il pessimismo induce a sviluppare più facilmente malattie cardiovascolari. Il pensiero negativo, dunque, è associato a un maggiore rischio di mortalità. Questo non significa che l’ottimismo tuteli dalla malattia, ma spiega John Whitfield, biochimico clinico e autore principale della ricerca:

Vi sono indicazioni che atteggiamenti ottimisti e pessimisti possano avere effetti sulla biochimica del cervello e del sangue.

Una scala di valutazione del pessimismo

I ricercatori hanno esaminato questionari di circa 3.000 partecipanti di età pari o superiore a 50 anni. Il questionario faceva parte di una ricerca più ampia che ha studiato la salute degli australiani tra il 1993 e il 1995 con informazioni di follow-up disponibili fino alla fine del 2009. Gli autori della ricerca hanno distinto il pessimismo da manifestazioni negative diverse come disperazione, depressione, scarsa autostima. Il punteggio assegnato ai partecipanti è stato calcolato su una scala di ottimismo-pessimismo basata su quanto erano d’accordo o in disaccordo con affermazioni come: “Sono sempre ottimista sul mio futuro” o “Se qualcosa può andare storto, lo farà”. Lo studio non ha evidenziato differenze significative nei punteggi di ottimismo o pessimismo tra uomini e donne.

Leggi anche: Perché non facciamo più figli

Il pessimismo accorcia la vita, ma l’ottimismo non l’allunga

Nonostante le interazioni tra emotività e biochimica del cervello e del sangue siano comprovate, non è chiaro perché il pessimismo induca a sviluppare più facilmente malattie cardiovascolari. Gli esperti hanno ipotizzato che questo effetto sia conseguenza del fatto che le persone pessimiste tendono a prendersi meno cura di se stesse e della salute, ma, appunto, si tratta solo di un’ipotesi. Altro dato significativo dello studio: gli ottimisti non vivono più della media, ma entrambi gli stati d’animo “aumentano” con l’età. Come a dire che gli anziani non conoscano mezze misure. Con l’avanzare dell’età si diventa o decisamente ottimisti o decisamente pessimisti.

Leggi anche: Empatia, una qualità da coltivare e allenare

spot_img

Correlati

Adhd in età adulta: come riconoscerlo e affrontarlo

Negli ultimi decenni, il panorama della salute psicologica sta avendo una significativa avanzata. Questo...

Logopedia e disturbi del linguaggio: quando è necessario intervenire

Sempre più spesso si sente parlare di logopedia, ma risulta ancora difficile comprendere di...

Bonus psicologo, come funzionano le graduatorie e quando saranno disponibili?

Bonus psicologo, da oggi 18 marzo fino al 31 maggio 2024 sarà possibile richiederlo...
Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.
spot_img