martedì, Dicembre 1, 2020

I pessimisti muoiono prima rispetto alla media. Lo studio

Secondo un nuovo studio australiano, pubblicato sulla rivista Nature “vi sono indicazioni che atteggiamenti ottimisti e pessimisti possano avere effetti sulla biochimica del cervello e del sangue”.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Secondo un nuovo studio australiano a cura del team QIMR Berghofer Medical Research Institute di Brisbane, e pubblicato sulla rivista Nature, il pessimismo induce a sviluppare più facilmente malattie cardiovascolari. Il pensiero negativo, dunque, è associato a un maggiore rischio di mortalità. Questo non significa che l’ottimismo tuteli dalla malattia, ma spiega John Whitfield, biochimico clinico e autore principale della ricerca:

Vi sono indicazioni che atteggiamenti ottimisti e pessimisti possano avere effetti sulla biochimica del cervello e del sangue.

Una scala di valutazione del pessimismo

I ricercatori hanno esaminato questionari di circa 3.000 partecipanti di età pari o superiore a 50 anni. Il questionario faceva parte di una ricerca più ampia che ha studiato la salute degli australiani tra il 1993 e il 1995 con informazioni di follow-up disponibili fino alla fine del 2009. Gli autori della ricerca hanno distinto il pessimismo da manifestazioni negative diverse come disperazione, depressione, scarsa autostima. Il punteggio assegnato ai partecipanti è stato calcolato su una scala di ottimismo-pessimismo basata su quanto erano d’accordo o in disaccordo con affermazioni come: “Sono sempre ottimista sul mio futuro” o “Se qualcosa può andare storto, lo farà”. Lo studio non ha evidenziato differenze significative nei punteggi di ottimismo o pessimismo tra uomini e donne.

Leggi anche: Perché non facciamo più figli

Il pessimismo accorcia la vita, ma l’ottimismo non l’allunga

Nonostante le interazioni tra emotività e biochimica del cervello e del sangue siano comprovate, non è chiaro perché il pessimismo induca a sviluppare più facilmente malattie cardiovascolari. Gli esperti hanno ipotizzato che questo effetto sia conseguenza del fatto che le persone pessimiste tendono a prendersi meno cura di se stesse e della salute, ma, appunto, si tratta solo di un’ipotesi. Altro dato significativo dello studio: gli ottimisti non vivono più della media, ma entrambi gli stati d’animo “aumentano” con l’età. Come a dire che gli anziani non conoscano mezze misure. Con l’avanzare dell’età si diventa o decisamente ottimisti o decisamente pessimisti.

Leggi anche: Empatia, una qualità da coltivare e allenare

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 20 eserciti più potenti al mondo?

20) Spagna Indice della forza militare: 0,3388Popolazione totale: 49.331.076Personale...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Ultimi

Germania, auto sulla folla nell’area pedonale di Treviri: 2 vittime, almeno 10 i feriti

È accaduto nel primo pomeriggio, nel principale mercato cittadino della città. L’uomo, un cinquantunenne, è stato fermato dalla polizia.

Approvato il farmaco contro la progeria sperimentato da Sammy Basso

Approvato dalla Food and Drug Administration negli Usa il primo farmaco contro...

Oltre a Ristori quater e bonus cashback, tra le misure anche la lotteria degli scontrini

Per alleggerire il peso che le restrizioni della pandemia hanno imposto agli...

Il Google Doodle illumina dicembre, il December global holidays 2020

1 dicembre 2020, inizia l'ultimo mese di questo faticoso anno 2020 e...

La storia di Melissa, malata di Sma1, e del farmaco più costoso al mondo

Melissa ha solo nove mesi e grave forma infantile di atrofia muscolare spinale. Per le cure avrebbe bisogno del Zolgensma, uno tra i farmaci più costosi al mondo. È iniziata la raccolta fondi per salvarle la vita.